ALTRA FUMATA NERA PER IL SINDACO BOVINO

bovino-distaso-latorre


PER BOVINO NIENTE INVESTITURA COME CANDIDATO SINDACO NEL 2012

 

Il summit di maggioranza riunitosi ieri sera, all’hotel Castellinaria di Polignano, ha prodotto la seconda fumata nera nell’arco di una settimana: il sindaco Bovino non riceve l’attesa investitura come ricandidato sindaco uscente del centro-destra alle prossime comunali di Polignano.

Domenica scorsa, con il Ministro Fitto in piazza San Benedetto a Polignano, alcuni uomini del centrodestra e forse lo stesso Bovino si aspettavano l’investitura: del resto, quale occasione migliore, con la presenza di un Ministro per dare un segnale di gradimento alla ricandidatura del Sindaco uscente?

Invece l’evento in piazza “Ricomincio da te” si è concluso con un nulla di fatto. Anzi, è stato preceduto dalle dichiarazioni dell’on. Antonio Distaso (primo interlocutore tra Fitto e i comuni interessati al voto nel 2012) che ai nostri microfoni precisa: “Prima di confermare o meno il sindaco uscente bisognerà fare una verifica”.

Nella nostra intervista pubblicata sul settimanale “La Voce del Paese”, Bovino si dice sicuro di essere molto amato in quel di Bari. Ma a Polignano? Come stanno le cose? “Ascolteremo la base e la cittadinanza” – promette il sindaco, evidentemente per sciogliere l’enigma.

Mentre, l’incontro di ieri a Castellinaria allarga nuovi orizzonti e ipotesi nel solco della crisi e delle divisioni interne alla maggioranza. Ieri sera, all’appello mancavano gli uomini di Schittulli e il segretario locale del Pdl. La riunione era aperta agli aficionados ed elettori della maggioranza e del Pdl, ma a questo punto non si capisce perché non sia stato pubblicizzato.

Insomma, fedelissimi di Bovino a parte, più di qualcuno in maggioranza sembra manifestare qualche mal di pancia rispetto a una riconferma del sindaco uscente Bovino come ricandidato nel 2012.

Che fare allora?

Nel caso, come sostiene Distaso, “nel centrodestra a Polignano ci sono tante realtà importanti”. E dopo due fumate nere, è arrivato il momento di farle emergere, queste realtà importanti.