Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

CONSIGLIO SULLA GRANDINE: 'PER NON DIMENTICARE'

grandine-vetri-auto-polignano

Pullman sovraffollati, Northern Petroleum, grandine e cittadinanze onorarie

 

Venerdì scorso si è tenuta la riunione dei capigruppo che hanno stabilito la data del prossimo consiglio comunale: si terrà il prossimo 19 ottobre.
All’ordine del giorno troveremo almeno quattro punti di discussione, più altri integrativi.

PULLMAN DELLA SUDEST SOVRAFFOLATI - Un punto riporta in attualità uno dei problemi più scottanti nell’ambito dei trasporti pubblici locali: i pullman della Sud Est per trasportare i ragazzi verso i licei di Conversano sono insufficienti e non adeguati. Spesso i ragazzi si ritrovano stipati come animali o, nella peggiore delle ipotesi, vengono lasciati all’ingresso del paese, quando per esempio si allaga il sottopasso di via Castellana. In tal senso, l’amministrazione vorrebbe adottare una delibera congiunta, cercando l’unanimità nel voto, da inviare alla Regione Puglia per metterla al corrente del problema.

LA GRANDINE E GLI INGENTI DANNI - L’altro punto riguarda la grandinata killer di giugno e che tutti quanti, domenica scorsa durante un diluvio pomeridiano, abbiamo temuto. “Non posso accettare che in Veneto i comuni ricevano soldi per danni subiti dall’alluvione, mentre a Polignano – osserva il presidente del Consiglio Onofrio Torres – solamente dieci commercianti hanno ricevuto un rimborso. Tra questi, chi ha subito danni per centinaia di migliaia di euro, ha ricevuto le briciole, appena mille euro. Per la grandinata di giugno non abbiamo ricevuto alcuna risposta da tutti i livelli istituzionali, quindi sarà un consiglio comunale per non dimenticare. Ricordo, tra tutti i commercianti danneggiati, Tonino Cassano di Eurocar che si è ritrovato con almeno sessanta auto distrutte dalla grandinata”.

VOGLIONO IL NOSTRO PETROLIO - In agenda torna d’attualità la questione delle prospezioni petrolifere a largo del nostro mare. “La faccenda ci riguarda – spiega Torres – perché se la multinazionale riuscisse a estrarre petrolio e incappasse in qualche disastro, noi e i paesi limitrofi, che siamo località turistiche, pagheremmo le conseguenze peggiori. L’Adriatico è un mare chiuso, una sacca nella sacca del Mar Mediterraneo. Non possiamo permettere che il governo centrale conceda questi permessi, che la Regione non faccia nulla per scongiurare questi pericoli. I cittadini dovrebbero mettere in atto azioni di protesta, per esempio non votare alle prossime politiche. Non possiamo costruire un albergo per evitare di deturpare la costa, e poi qualcuno permette di monopolizzare il nostro mare a una multinazionale.” Per la questione petrolio, Torres annuncia alcune importanti novità, senza anticiparne i dettagli: “Una grossa novità che stiamo cercando di realizzare e della quale parleremo più avanti. Un progetto che ci auguriamo vada in porto e che potrebbe avere una valenza superiore.”

UN REGOLAMENTO PER LE CITTADINANZE ONORARIE - La comandante dott.sa Maria Centrone ha preparato un regolamento con misure più stringenti per la consegna delle cittadinanze onorarie, e che sarà discusso nel prossimo consiglio. L’idea è del presidente Torres che ricorda il caso Rutelli, a cui fu assegnato il riconoscimento per chissà quali meriti: “Il riconoscimento – spiega Torres – dev’essere consegnato a persone che meritano questo titolo, a coloro che portano alto il nome di Polignano in Italia e all’estero.” Sarà un regolamento a punti e pare sia stato studiato per evitare che il riconoscimento venga assegnato per motivi personali o tornaconto elettorale.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI