Giovedì 21 Marzo 2019
   
Text Size

AGAPE, BOVINO: 'PASSI INDIETRO NON NE FACCIO'

bovino-sindaco-conferenza-marzo-2011

 

 

La conferenza stampa di De Girardis e le reazioni a catena


“Passi indietro non ne faccio mai, non ho da nascondermi. Credo abbiano seri problemi”. Questa la reazione del sindaco Bovino alle rivelazioni in conferenza stampa, di Modesto De Girardis (Sel), raccolta in extremis, mentre il giornale si avvia alla stampa.

Bovino, secondo De Giardis, un giorno avrebbe fatto marcia indietro mentre si recava nello studio dell’assessora regionale Barbanente.

L’ex assessore Verde, De Girardis, oggi esponente del Sel, aveva annunciato querela per il sindaco Bovino e per gli assessori (non ancora depositata), a seguito della pubblicazione di un manifesto anonimo, poi rettificato e firmato a nome del primo cittadino. Una locandina che lo vede protagonista assieme a ex colleghi e nemici: Angelo Focarelli, Salvatore Colella e Domenico Vitto. De Girardis è accusato dall’amministrazione comunale di incoerenza rispetto a scelte del passato, in particolare su temi di scottanteattualità: piano residenze Unidomus in contrada Grottole e Antenna di telefonia mobile.

Nella conferenza si sono fatte rivelazioni sul piano di lottizzazione con annesso campo da golf in via Cozze ‘Parco dei Trulli’ (ex accordo di programma Agape).

Il 31 dicembre 2010, il settimanale Fax scrive che Parco dei Trulli ha ricevuto un megafinanziamento in milioni di euro dalla Regione Puglia. L’articolo si presenta con un titolo equivocabile: “Vendola rinnega la sinistra locale”. Niente di più falso, la notizia, si scoprirà in seguito essere priva di fondamento, tanto che, com’è noto alle cronache, qualche settimana fa Parco dei Trulli non è stato ammesso al finanziamento regionale.

LA VISITA IN REGIONE DALLA BARBANENTE - “A quel punto presi il giornale – racconta De Girardis – e andai dall’assessore regionale Angela Barbanente, con tutta le delegazione di Sel. Chiesi spiegazioni per quell’articolo apparso su Fax e la Barbanente non esitò un attimo, andò su tutte le furie e disse “qualcuno sta giocando sulla mia pelle!”. La Barbanente, secondo i racconti di quella visita, oltre che indignarsi per l'articolo, avrebbe lasciato intendere che quel piano Parco dei Trulli non "può essere una variante all'accordo di programma (Agape, ndr) ma deve seguire l'iter ordinario tipico delle varianti al piano regolatore".

Dunque, per la Regione Puglia e per gli uffici tecnici, quella variante all’accordo di programma Agape del 2000 non sarebbe regolare. Tanto emerge pure dai lavori della conferenza di servizi. Tutto questo vuol dire che l’unica via possibile è una variante al piano regolatore, una strada lunghissima che vedrebbe sorgere le prime villette tra chissà quanti anni.

Non è tutto. Vi sarebbe pure una coincidenza incredibile. “Quando lasciammo l’ufficio della Barbanente - racconta Modesto De Girardis - avevo in mano quella copia di Fax. All’uscita incrociamo il sindaco Bovino che sicuramente nota il giornale tra le mie mani. Bovino aveva tra le mani un fascicolo dal quale si intravedeva la scritta “golf e ambiente”. Bovino avrà capito subito che uscivamo dallo studio della Barbanente. A quel punto, il sindaco sale qualche gradino più su, ma dopo pochi secondi torna indietro e scompare. In quel momento avrà preferito evitare qualsiasi incontro con la Barbanente. Il sindaco, dopo aver visto il giornale tra le mani, avrà pensato che l’assessore regionale fosse davvero incazzata per quell’articolo”.

Prova della visita è la foto che De Girardis mostra in conferenza: si notano la Barbanente e Losappio.

VEDI LA MINACCIA DI QUERELA DI DE GIRARDIS

VEDI TUTTI I LINK SUL CASO AGAPE, PARCO DEI TRULLI

Commenti  

 
#1 up 2011-04-30 15:24
non si può più andare ....indietro così
E. FLAIANO
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI