Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

COLELLA PROVOCA VITTO. 'FORSE TREMONTI A POLIGNANO'

fabio-colella

 

“Se il governo, con l’approvazione della Legge di Stabilità 2011, ha reso permanenti le agevolazioni per la piccola proprietà contadina, messo a regime la fiscalizzazione e prorogati gli sgravi contributivi, è solo grazie al senatore Antonio Azzollini.” Così, l’assessore Fabio Colella, saluta calorosamente il senatore pugliese, sindaco di Molfetta e presidente della quinta Commissione Bilancio.

Il senatore vanta una lunga e intensa carriera politica di livello nazionale, con militanza in diversi partiti: prima di approdare nel Pdl, è stato a sinistra nel PDUP (Partito di Unità Proletaria), quindi nei Verdi, nel PCI – PDS, per poi spostare sempre più al centro l’asse con il Partito Popolare Italiano.

Azzollini ha partecipato all’incontro di Polignano sull’agricoltura, organizzato dall’assessore Colella e aperto al pubblico, al Covo dei Saraceni, dove tra gli altri hanno preso la parola Francesco Caputo, assessore provinciale all’Agricoltura e Paolo Leoci, capogruppo consiliare del Pdl a Monopoli.

“Azzollini è la persona che da due anni chiamo continuamente al cellulare - svela Colella - colui che ha reso possibile la stabilizzazione di questa importante manovra e che consentirà agli agricoltori di pagare contributi con addebito del 68%. Veniva rinviata di anno in anno e, solo grazie a lui, il governo l’ha stabilizzata con un copertura superiore di 250 milioni di euro.”

“I meriti non sono di nessun consigliere regionale di maggioranza o assessore regionale - dichiara poi sibillino - Provare ad accaparrarsi i meriti, o mettere una bandierina sul raggiungimento di questo obiettivo, senza riconoscere il giusto merito a chi ha reso davvero possibile tutto questo, è ridicolo. La paternità di questo obiettivo, ripeto, è di Azzollini”.

“Questa manovra, che pesa cinque volte in termini finanziari rispetto alle quote latte, è stata votata pure dalla Lega. Ciò – secondo Colella – dimostra il fatto che il governo non è decentrato come si vuole far credere”.

A proposito di quote latte, l’assessore Colella annuncia che a breve potrebbe far visita a Polignano il Ministro dell’Economia Tremonti.

Poi tiene a rimarcare l’assenza del consigliere Domenico Vitto all’incontro con Azzollini: “Nonostante sia il diretto fruitore di queste agevolazioni che riguardano il mondo agricolo, non era presente all’incontro di Polignano - osserva Colella - mentre c’erano Lamanna, Lilla, Galluzzi Cosimo e Donato L’Abbate della Sop. Su questi argomenti trovo sia ingiusto politicizzare. Bisogna essere uniti per affrontare insieme la crisi”.

Commenti  

 
#7 G.A.L. 2013-10-09 22:09
Ti cercavo ma mi abbandonasti.
 
 
#6 ANNASTASIA 2010-12-27 17:03
vorrei precisare al dott. Fabio Colella che il Senatore dalla nostra Azienda e' stato ringraziato nei modi e nelle sedi opportune e non nei luoghi e nelle sedi la dove vi era solo il *** protagonisti di meriti altrui.I***
 
 
#5 TERMINETOR 2010-12-27 11:05
Se son rose fioriranno!Caro ASS. Colella non cambia molto l'opinione che io ho di questa maggioranza.Gli insuccessi eil fallimento dell'amministrazione sono sotto gli occhi di tutti(vedi elettrodotto)i temi importanti vengono trattati sempre con superficialità e sufficenza.X quanto riguarda la presenza di Tremonti ne facciamo volentieri a meno,non vorrei mai più vedere un manifesto di saluto fatto con i soldi dei contribuenti.fatti concreti e meno propaganda.
 
 
#4 Cittadinaza Attiva 2010-12-25 08:39
Il furbetto del contributino (l'Ass.re!) dichiara: "su queste cose credo sia ingiusto politicizzare" ed intanto, Vitto assente, polemizza e lo strapazza. F. C., vogliamo darti credito, però, cambia lo stile e, sopratutto, le tue e vostre scelte pol./amm.ve!
 
 
#3 rules 2010-12-24 16:56
nella zona di conversano so solo che alcune di queste aziende hanno rovinato grandi distese di macchia, per fortuna alcuni sono stati bloccati , ma continuano in altri zone a fare i gradassi
 
 
#2 freemind 2010-12-24 11:33
hanno imbarbarito il paesaggio con spietramento e distruzione di aree verdi, questo hanno fatto queste aziende agricole a polignano
 
 
#1 scendiletto 2010-12-24 00:52
ma suvvia... per decenni le aziende agricole di Polignano e di tutta l'Italia meridionale hanno evaso miliardi di vecchie lire per mancati versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali, macinando profitti da capogiro, affamando i propri dipendenti, acquistando terreni agricoli a strozzo, diversificando gli investimenti in acquisti di aree edificabili e "scendendo" in politica in prima persona macinando consensi con il metodo del ricatto o delle prebende elargite a mò di elemosina, i palazzi della politica locale sono zeppi di questa gente, e allora viva Azzollini per aver consentito a costoro di continuare a far i loro comodi, spesso con assunzioni fittizie (i contributi non si pagano...)e speculazioni grosso calibro, gravando sui lavoratori dipendenti, i quali non potranno mai sottrsi o chiedere sconti contributivi a chicchessia. Suvvia Colella, pensavamo potessi rappresentare la destra sociale,... SIC !!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI