Domenica 16 Giugno 2019
   
Text Size

POLIVALENTE: LA PROPOSTA DI MIMMO LASELVA

laselva-sport-focarelli-maglionico

Da oltre un decennio si attende una consulta sportiva, ma trionfa il metodo gattopardiano.

 

 

"Lo sport a Polignano sembra essere stato investito da un terremoto". Ha esordito così l’assessore Mimmo Laselva all’incontro tenutosi nella sala giunta del Comune. Intorno al tavolo voluto da Laselva, sedute tutte le società sportive di Polignano per discutere dell’annoso problema delle strutture sportive che si riacutizza in prossimità dell’inizio dei campionati.

“Avendo perso il treno dei Mondiali del ‘90 e dei Giochi del Mediterraneo ci ritroviamo con pochissime strutture pubbliche e quelle che abbiamo necessitano di manutenzione continua- ha dichiarato l’assessore - per questo motivo c’è bisogno di una svolta che metta la parola fine al solito teatrino che si verifica ogni anno”.

LA PROPOSTA - Dopo aver ascoltato le istanze di tutte le società, l’assessore ha illustrato la sua idea che consiste nel fatto che, le strutture devono essere necessariamente assegnate ad un gestore unico che ne deve essere responsabile a tutti gli effetti.

L’assegnatario, tra l’altro, sarà obbligato a far usare gratuitamente la struttura alle altre società, anche di discipline diverse, secondo un calendario di ore concordate con tutti. Le spese sostenute dal gestore saranno poi compensate con un contributo comunale.foto_incontro_sport_1

Sintetizzando, la struttura verrà gestita da una società che percepirà un rimborso dal Comune per far giocare le altre gratuitamente.

L’idea va messa sicuramente a punto, perchè  deve prevedere una serie di regole che disciplinano l’utilizzo e soprattutto che mettano un tetto di contributo pubblico che altrimenti sarebbe fuori controllo.

Con questo metodo, ha fatto presente l’assessore, vengono gestite le strutture sportive in altri paesi, anche se Polignano rappresenta un’anomalia, perchè di fatto c’è già una società assegnataria di suolo pubblico ma proprietaria della struttura al Polivalente sportivo, mentre le altre due strutture Mariano Siesto e Madonna D’Altomare non hanno l’agibilità.

DA OLTRE DIECI ANNI SI ATTENDE UNA CONSULTA SPORTIVA - Quindi per il momento l’idea di Laselva è solo una proposta che per attuarsi necessiterà di alcuni interventi. Ci vorrà tempo e per quest’anno quindi rimane tutto invariato con il Real Volley che giocherà nella palestra Carlettino, con il calcio al campo e con l’US al Palaginodaprile in attesa che si capisca bene il meccanismo proposto da Laselva. L’intenzione di sistemare le cose c’è, come c’è la volonta da parte dell’assessore di creare una consulta sportiva che possa far elevare lo spessore tecnico dello sport cittadino.

Sornione, le società hanno ascoltato quasi in silenzio il discorso dell’assessore, un po’ perchè tutti hanno gli scheletri negli armadi. I rappresentanti si sono alzati dal tavolo con aria soddisfatta, con un regolamento comunale in vigore dal 2007 (nonostante questo si discute dei soliti problemi), sperando che tutto cambi per non cambiare nulla. Il solito gattopardo.

 

Commenti  

 
#7 Angelo Lepore 2010-10-08 00:46
Ho letto solo oggi questo articolo firmato redazione di Polignano web, e
leggere la frase in chiusura dove si dice testualmente "Sornione, le società hanno ascoltato quasi in silenzio il discorso dell’assessore, un po’ perchè tutti hanno gli scheletri negli armadi" mi ha fatto incavolare e non poco.Allora invito la redazione ad informarsi per bene prima di scrivere alcune notizie, e se vuole davvero fare del giornalismo d'inchiesta che almeno faccia delle indagini preliminari, e non scrivere magari quello che si dice in giro, cosa molto usuale in Polignano, cioè chiamasi notizie da bar.Tra le associazioni presenti in questa riunione c'è l'Azzurra Basket Polignano che non ha mai avuto scheletri di nessun genere negli armadi e con ricevute e documentazioni, è pronta a dimostrarne la veridicità,senza bisogno di recarsi in nessun bar del paese,gli atti sono presenti negli uffici del comune di polignano a mare. Inoltre ancora oggi ai nostri atleti gli si nega la possibilità di usufruire delle strutture sportive pur essendo l'unica Società in regola nei confronti dell'Ente mentre alle associazioni amiche del palazzo, pur avendo contenziosi aperti stanno usufruendo dei campi da gioco dai primi di settembre.Si può dedurre quindi che gli scheletri sono presenti in altri armadi, ma di sicuro, non nei nostri.Ora invito la redazione a rivedere l'articolo e correggere dove il grossolano errore è stato commesso. :sad:
 
 
#6 mr. Polignano 2010-10-06 21:42
cara Lontana,
l tutto sarà spiegato nel prossimo episodio:D:D:D
 
 
#5 lantana 2010-10-06 15:57
In altro post ho fatto i complimenti all'assessore Laselva. Qua devo dire che Laselva sta prendendo una cantonata grossa, augurandomi che non stia facendo il portavoce di qualcuno. In poche parole qua si dice:
Affido le strutture ad una società a cui saranno pagate tutte le spese in cambio di un uso gratuito per alcune ore delle strutture sportive alle associazioni. E gli introiti dell'associazione gestitrice al di fuori delle ore concordate non hanno spese?
 
 
#4 gelataio 2010-10-05 21:11
u'sciere...sempre il solito:D
certe coce non si dicono sai.....
potrebbe offendersi qualcuno e poi...sai che succede..:D:D:D
 
 
#3 Usciere 2010-10-05 12:10
Ecco trovato il modo per non far pagare le bollette del palaprof !
 
 
#2 lettore1 2010-10-04 21:32
come mai alla riunione non ha partecipato il fiduciario CONI comunale? nella foto pubblicata sembra di scorgere soltanto i rappresentanti dell'Amministrazione, quelli delle società sportive. L'organismo che possa gestire la palestra in modo professionale e al di sopra delle parti è il CONI provinciale attraverso il suo delegato. In questo modo nessuna società potrebbe accusare l'Amministrazione di favorire le altre ed avremmo un organismo terzo che potrebbe verificare tra i richiedenti, quali società abbiano titolo per utilizzare gli spazi messi a disposizione nelle palestre comunali e quali no. D'altra parte tutte le associazioni sportive sono affiliate al CONI e nessuna potrebbe/dovrebbe aver nulla da dire rispetto ad una soluzione simile. Vediamo un pò se si riesce una volta tanto a lanciare una proposta che non sia ettichettabile politicamente.
 
 
#1 vabbe 2010-10-04 19:19
Basta guardare le foto per capire che i "VOLPONI" dello sport polignanese sono sempre le stesse....COSI NN SI CRESCEEEE!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI