Mercoledì 27 Marzo 2019
   
Text Size

DOMENICO SCAGLIUSI E' IL NUOVO SEGRETARIO PD

domenico-scagliusi

'Critiche di giornalisti prezzolati pronti a svuotare di significato ogni mossa del PD'

Domenico Scagliusi, 31 anni, brucia ogni pronostico e diventa così il secondo segretario locale dell’era PD. “Un partito che investe sui giovani”. Lo ha introdotto così, Domenico Vitto, nella prima uscita pubblica del neosegretario che ha presentato la sua mozione, l’unica presentata per la segreteria di circolo e che gli consente l’elezione anticipata.

“Ripartire per Polignano”. Questo è il titolo della mozione, della quale pubblichiamo alcuni passaggi.

'RIPARTIRE PER POLIGNANO' - “In questi due anni tanto è stato fatto dal segretario uscente che si è trovato a lottare con una serie di problemi propri di un progetto politico che nasceva dalla fusione di due anime differenti, una fusione ambiziosa ma difficile, che più volte in questi due anni ha prestato il fianco alle critiche di giornalisti prezzolati, pronti a svuotare di significato ogni mossa del partito democratico.”

“In questi due anni abbiamo imparato ad incassare colpi, ma abbiamo anche imparato a sferrarne, centrando importanti obiettivi che hanno portato il PD, il nostro PD ad essere punto di riferimento della politica locale”.

Scagliusi ha ricordato l’affluenza di massa alle primarie, il risultato delle provinciali, la sfida Boccia Vendola:  “la vittoria di Vendola ci ha consegnato un partito ricco di idee. Da questo punto dobbiamo ripartire. Quello che è stato realizzato in questi due anni è sotto gli occhi di tutti. Vogliamo essere la vera alternativa di questo paese.”

Il PD non ha due anime - ha osservato il nuovo segretario - Io nasco come figlio del PD, dopo la fusione di due corpi che apparentemente erano lontani ma erano vicini per idee e ambizioni. Un partito che riparti dalle persone. Un partito libero da correnti e divisioni, nel quale tutti devono essere liberi di poter partecipare. Un partito giovane. I giovani non vengono ascoltati, eppure noi giovani abbiamo tanto da dire. Con i nuovi media la politica si è rinnovata, adesso sta a noi giovani rinnovare la politica. Questa è la mia scelta.”

Poi il monito: “C’è una generazione di giovani polignanesi che sta realizzando importanti progressi nel mondo della cultura, dell’arte, del teatro e della musica a cui non è dato spazio di crescere nel nostro paese. Questo non sarà più tollerato. Il Pd sosterrà la loro creatività e le iniziative. Il Pd deve essere capace di saper guidare proprio quel vasto mondo giovanile che oggi non si riconosce in un vecchio mondo e vecchio modo di fare politica.”

“Sono convinto - ha concluso - che a Polignano si deve dare al Pd un gruppo dirigente più giovane. Chiedo a gran voce agli anziani del nostro gruppo di esserci vicini con la loro maturità e l’esperienza. Sapranno consigliarci il modo e i tempi per fare i giusti passi. La Polignano nuova è possibile, possiamo percorrere insieme una nuova strada. Si riparte dal basso, dall’ascoltare la gente e dalla centralità della persona. Il centrosinistra a Polignano è un insieme di pluralità, ma dobbiamo aggregarci. Che sia in grado di elaborare un programma capace di parlare al cuore della gente.”

VEDI GLI ALTRI INTERVENTI AL CONGRESSO: COLELLA, FRUGIS, PACELLI

LE SOCIETA' INNOMINABILI E I PROGETTI DEL SINDACO: LA RELAZIONE DI MATARRESE

Commenti  

 
#8 no frills 2010-06-04 00:12
ma non è più dignitoso presentarsi e provarci, piuttosto che ritirarsi all'ultimo momento perchè non c'è convergenza? e lasciare spazio allo sconosciuto?
 
 
#7 nicolateofilo 2010-06-03 16:12
Ciao Barrister. Dunque, la mozione di Domenico Scagliusi è stata l'unica, non ce n'erano altre. Hanno trovato una convergenza su una mozione unica. Almeno questo è stato detto, che l'intesa si è trovata, quindi il voto è palese.

Tuttavia, dei commenti e reazioni lasciano presagire a qualcosa che non è andato giù a qualcuno, e su questo bisognerà indagare. Tra l'altro, fino alla vigilia, si facevano nomi di papabili e candidati, aspiranti e favoriti, ma può essere che sia come nel calcio, dove si sa, 'la palla è tonda'??? ;-) Tutti questi nomi sono poi improvvisamente svaniti nulla...

Si è detto anche che il Pd di Polignano ha voluto puntare ai giovani... mah, comunque approfondiremo.

Sul cursus honorum del neo-segretario noi giornalisti non abbiamo ancora molto da dire. Abbiamo intervistato a caldo Domenico. Lui dice di aver frequentato in questi due anni gli ambienti del Pd di Polignano, e tra l'altro è stato chiamato in tutta fretta nella notte di sabato e domenica scorsa. Quindi presumo che neanche lui se lo aspettasse. Poi non so se in realtà l'idea stesse maturando già da tempo, o se ci siano altre fasi nella carriera politica di Domenico.

Di sicuro più di qualcuno era nella rosa dei candidati.

un caro saluto,
nicola
 
 
#6 Barrister 2010-06-03 15:48
Cara Redazione, è consentito chiedere qualche approfondimento sulla notizia? non avendo il piacere di conoscere il nuovo segretario del PD e ritenendo del tutto irrilevante conoscere la sua età (unico dato rinvenibile dalla lettura dell'articolo), sarebbe possibile conoscere il cursum honorum del neo-segretario in modo da poterlo conoscere meglio e comprendere le motivazioni che hanno indotto gli iscritti ad eleggerlo come segretario cittadino? nell'articolo si parla di mozione "ripartire per Polignano": chi erano i firmatari? quali erano le altre mozioni?
 
 
#5 roby 2010-06-03 14:58
Ho intitolato questo pensiero in questo modo a chi pensava di fare il segretario e poi è stato silurato. Sai perchè caro Tommaso, perchè la stessa persona che aveva promesso la segreteria a te, l'aveva promessa anche ad un altra persona. Trovandosi stretto, per evitare di creare scontento in te e nell'altro è uscito dal cilidro il nuovo FUNGO. I giochetti non si fanno, non potete comandare il partito in pochi ma va chiesto il parere degli altri. A COSA SERVE UNA TESSERA PD SE SI FA' TUTTO SA SOLI SENZA ASCOLTARE. Dimenticavo, gli iscritti al partito PD servono solo per le elezioni poi fanno tutto gli altri...................
 
 
#4 roby 2010-06-03 14:51
Ecco perchè si allontanano i cittadini dalla politica. Come me anhe a qualche altro tesserato PD questa elezione non è stata digerita. Come al solito qualcuno ha fatto il doppio gioco promettendo contemporaneamente la carica di segretario a La Volpe e a Colagrande. E siccome ci sono 2 capi correnti di partito che decidono tutto senza sentire la base (gli iscritti che hanno meno peso e che servono solo quando c'è bisogno al PD) O ANCHE SE LA SENTONO DECIDONO SOLO LORO il nostro pensiero non ha nessuna valenza. Fa bene allora Berlusconi quando dice decido io. Cari capi non fa bene il doppio gioco e non si dà credibilità all'esterno.
 
 
#3 Vanni LAbbate 2010-06-03 11:50
Non c'è gran differenza tra "vecchi" e "giovani" volponi. Sempre volponi rimangono!!! I giovani, come dice un mio amico, sono solo nati… dopo! Auguri al nuovo Coordinatore. Se mi posso permettere un consiglio: tenete APERTA la sede del Partito, il territorio va marcato e la gente deve poter incontrarvi. Se no diventerete una comitiva che di tanto in tanto ci si incontra… Buon lavoro.
 
 
#2 Cittadinanza Attiva 2010-06-02 20:41
Domenico, il tuo incarico é una buona notizia per te e per il tuo partito. Speriamo che si riveli buona anche per Polignano e per la Comunità intera!
 
 
#1 niky 2010-06-02 19:22
Diamo coraggio ai giovani di questo paese che si affacciano alla politica, stando sempre attenti e lontani dai vecchi volponi della politica locale che hanno ormai stancato con i loro atteggiamenti speculativi e poco produttivi per il nostro territorio che utilizzano ormai solo per i loro porci interessi.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI