FONDAZIONE PINO PASCALI, STANZIATI 100MILA EURO

Museo_Pascali

BOVINO RINGRAZIA LA GODELLI: 'C'E' MOLTO DEL MIO IMPEGNO'

FOCARELLI: 'QUALCHE CREPA GIA' SUL NASCERE'

 

L’impegno di spesa messo a disposizione dalla Regione Puglia, per la Fondazione Pino Pascali, sarà di 50mila euro. L’ente comunale comparteciperà con una cifra pari a 50mila euro, per un complessivo di 100mila.

In sostanza, l’atto deliberativo approvato in consiglio comunale autorizza il sindaco a procedere nelle iniziative necessarie perché la fondazione vada avanti. Bisognerà solo andare dal notaio e garantire il capitolo di spesa nel bilancio di previsione da approvare entro aprile 2010.

I DUBBI DI FOCARELLI - Nell’ultima assise comunale il consigliere Pd Angelo Focarelli non ha risparmiato qualche critica. I dubbi sono più che altro di natura economica: “Non vogliamo creare ostacoli - ha sottolineato il capogruppo all’opposizione - ma questa fondazione qualche crepa già ce l’ha sul nascere. Devo ricordare che il primo provvedimento passò soprattutto grazie ai voti dell’opposizione; le commissioni si rivelarono piuttosto accese. L’opposizione ha sempre creduto nell’utilizzo di quella struttura. La trasformazione di quel mattatoio in centro culturale risale al 1996, in una delibera che io stesso presentai in consiglio comunale. Finalmente, grazie a un finanziamento ricevuto, diventa un centro culturale a tutti gli effetti. Resta qualche dubbio sulla gestione economica della fondazione. Io chiesi all’amministrazione un piano finanziario e chiesi anche di dotare l’organismo, che si andava a creare, di una struttura sia fisica sia economico finanziaria, perché le cose belle senza soldi non si portano avanti. Prendiamo atto che la regione ha stabilito la somma di 50mila senza sapere come verrà gestita la fondazione. Chiedo ufficialmente all’amministrazione certezze sulla somma di 50mila euro stabilita nella delibera. Chiediamo garanzie affinché la somma venga realmente messa a disposizione, magari anche a discapito di altre attività culturali.”.

Nicola Paladino, dirigente del settore economico e culturale di Polignano, ha assicurato che il bilancio di previsione conterrà l’importo stabilito di 50mila euro da sommare al finanziamento regionale: "La delibera approvata in consiglio comunale - ha precisato - autorizza il sindaco, per conto del comune, a sottoscrivere l’atto di costituzione della Fondazione Pino Pascali.

BOVINO RINGRAZIA LA GODELLI - Il sindaco Bovino tesse le lodi dell’assessore regionale uscente Silvia Godelli, esprimendo grande soddisfazione per l’iter burocratico e per la sua sensibilità culturale: “Questo lavoro è stato voluto fortemente da un gruppo di persone che hanno creduto fin dall’anizio. La fondazione è un’idea di questa amministrazione, scevra dalla politica. Questa idea, oltre al sottoscritto, va ad una signora della cultura pugliese, Silvia Godelli, per la sua preziosa, caparbia ed onesta presenza. Godelli ha dato un impulso forte, senza il quale io non avrei potuto concludere nulla. Le sue rassicurazioni, la sua leale collaborazione mi ha consentito di portare avanti questo progetto. La presenza della De Donato è il sigillo di garanzia. Polignano ora, tra le tante conquiste, mette una bandiera importante che segna il giro di boa.”.

'C'E' MOLTO DEL MIO IMPEGNO' - Il primo cittadino ha rivendicato il suo personale successo nella conferenza stampa di sabato scorso, come argomento da rilanciare agli attacchi dell’opposizione e non solo. Ha poi accusato ‘qualcuno’ di voler oscurarne i meriti: “Abbiamo approvato la fondazione Pino Pascali e hanno fatto i complimenti al vicesindaco De Donato perché qualcuno voleva adombrare e minimizzare la scelta del sindaco. Affettuosamente dico che Beatrice si è prodotta in un lavoro importantissimo però c’è molto impegno mio personale, lo dico sommessamente senza togliere nulla a Beatrice.”.