L’orologio del centro storico non scandisce più il tempo

il-palazzo-dell-orologio

L’orologio di piazza Vittorio Emanuele continua a essere parte del patrimonio dimenticato e abbandonato dall’Amministrazione Vitto. E’ questo il commento del gruppo consiliare di Forza Italia che torna a chiedere ancora una volta informazioni sul monumento storico del borgo antico, che è protetto dall’impalcatura dall’agosto del 2018. Soltanto ad ottobre del 2019, l’amministrazione aveva liquidato la somma di 636 euro in favore della Ditta “Difonzo” con sede a Cassano delle Murge per la manutenzione periodica eseguita all’orologio pubblico in piazza Vittorio Emanuele. Questo importo si riferisce alla prima rata del 2019, mentre l’importo complessivo ammonta a €. 1.268,80, liquidato in due rate semestrali.

Il consigliere Domenico Pellegrini più volte ha chiesto informazioni all’Amministrazione Comunale, ricevendo però risposte vaghe e lacunose. Tanto che ad inizio estate 2019, aveva presentato una interrogazione comunale, alla quale era seguita la risposta scritta dell’assessore ai lavori pubblici Salvatore Colella, che in quella circostanza aveva spiegato: “Non è previsto un intervento di recupero dell’intera facciata dell’edificio a cura e spese di codesta Amministrazione perché l’immobile è di proprietà privata. In merito alla messa in sicurezza del campanile dell’orologio di Piazza Vittorio Emanuele, si rappresenta che l’Ufficio Tecnico di questo comune sta predisponendo l’affidamento di un incarico ad un progettista per la redazione del progetto di consolidamento e restauro conservativo della torre campanaria danneggiata soprastante l’orologio pubblico ed il successivo affidamento per i lavori, previo rilascio dei necessari pareri di competenza degli altri enti coinvolti, avverrà nel più breve tempo possibile”.

“Sta per iniziare un’altra stagione estiva ma fino ad oggi, l’Amministrazione non ha fatto ancora ancora nulla per recuperare il piccolo campanile dell’orologio di piazza Vitto Emanuele. Perché? – si chiede il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Forza Italia – E’ stata affidata la manutenzione dell’orologio, ma le campane non possono suonare. Che senso ha tutto questo? E’ davvero assurdo: si assegna l’incarico per i lavori di manutenzione dell’orologio, ma non si fa nulla per eliminare l’impalcatura e sistemare il campanile. Questo episodio mette in luce tutta la superficialità con la quale l’Amministrazione Vitto si occupa dei monumenti e dei beni culturali. Il campanile è a rischio crollo, ma sembra che l’Amministrazione abbia tutto l’interesse a tenere questo campanile blindato dall’impalcatura. Quanto altro tempo dovremo aspettare per riparare quello che è un monumento importante per Polignano?” si chiede infine Pellegrini.

La struttura che regge la campana, ristrutturata circa 25 anni fa, presenta delle profonde crepe e per questo sono necessari degli interventi per la messa in sicurezza. La gabbia in metallo è stata installata ad agosto del 2018. “Questo ritardo non è più accettabile – conclude Pellegrini – tra pochi mesi quell’impalcatura compirà due anni. Noi non intendiamo abbassare la guardia”.