LIDO CALA PAURA: ODISSEA CONTINUA

Pellegrini

Continua la strana estate di OronzoPelegrini, gestore del lido Cala Paura, noto ai nostri lettori per le polemiche con il comando dei vigili urbani e con l’amministrazione in merito all’incresciosa questione dell’immondizia mai ritirata dal suo stabilimento nonostante egli paghi regolarmente le tasse sui rifiuti solidi urbani.

La querelle continua, la spazzatura continua ad essere trasportata privatamente mentre la struttura è sotto attacco continuo. “Mi stanno contestando tutto, persino i lavori che la Capitaneria mi ha autorizzato vent’anni fa quando ho aperto”. La questione è chiara, anche se ci fa male doverla registrare, Oronzo Pellegrini ha alzato la voce e si è ribellato ergo: da oggi per lui ci saranno solo grane, controlli, multe e contestazioni, “ma non mi arrendo” così risponde alle nostre domande. Anzi.

OPERATORI TURISTICI: “UNIAMOCI” - Da un paio di giorni Pellegrini ha fatto outing con l’ennesimo manifesto (vedi foto), che invita gli operatori del settore turistico a riunirsi sotto un’unica sigla, e se è vero che l’unione fa la forza, sarà forse il momento giusto per far si che un intero reparto dell’economia polignanese si parli per ricercare soluzioni condivise, ma anche un’unione che li renda meno vulnerabili e isolati.

Associarsi significherà anche far sentire più forte la propria voce quando nei palazzi del potere si prendono decisioni poco condivise. E’ ora che la politica ritorni a parlare con la gente, che si riabitui ad ascoltare i cittadini.

VEDI STORIA PELLEGRINI CALA PAURA

VEDI QUESTIONE RIFIUTI

Manifesto_Pellegrini