Sabato 08 Agosto 2020
   
Text Size
 
 
   
 
   
 
   

Una nuova palestra per la “San Giovanni Bosco”

palestra sarnelli

 

Spaccio di droga, arrestato incensurato polignanese

arresti polignano

   

Costa Ripagnola, botta e risposta tra Regione e Comune

costa ripagnola

 
   
 
   
 
   

Pum, raccolte circa 300 firme, si replica domenica prossima

E’ partita domenica 23 febbraio la Petizione popolare del gruppo consiliare di Forza Italia e dal Comitato cittadino No Pum che servirà a chiedere delle modifiche sostanziali al Piano Urbano della Mobilità, che dovrebbe entrare nuovamente in vigore il 1° aprile. Il bilancio della prima giornata di raccolta firme è stato più che positivo, tanto che in appena 4 ore sono state raccolte più di 300 firme. La volontà di arrivare allo strumento della petizione è stata maturata dopo aver visto la mozione del Comitato No Pum, presentata dal gruppo di Forza Italia, ferma in un cassetto e mai calendarizzata in Consiglio Comunale.

“Il primo appuntamento con il gazebo in piazza Aldo Moro è andato benissimo – commenta il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Forza Italia – tanto che diversi cittadini polignanesi hanno anche preso dei moduli da compilare in autonomia. Le firme sono raccolte anche presso alcune attività commerciali. Siamo certi di poter arrivare alle 700 firme già prima del prossimo appuntamento in piazza Moro. Oltre alle firme, stiamo raccogliendo i suggerimenti e quelle che potrebbero essere delle soluzioni avanzate dai cittadini. Con la nostra azione stiamo dando parola ai polignanesi. Ho già presentato una richiesta di accesso agli atti relativi alla redazione del piano, anche quelli avente ad oggetto le modifiche e le integrazioni al Pum”.

L’azione forte e decisa di Forza Italia e del Comitato ha fatto sì che l’Amministrazione corresse ai ripari, annunciando di voler condividere con le opposizioni le modifiche e le integrazioni al Pum. “Venerdì ci sarà già la prima conferenza di capigruppo – spiega ancora Pellegrini – se non fosse stato per la nostra mobilitazione tutto questo non sarebbe accaduto. Noi le soluzioni ce le abbiamo, basterebbe soltanto applicarle. Ne discuteremo venerdì. In ogni caso, basta perdere tempo come ha fatto l’amministrazione l’estate scorsa, quando ha affidato nuovamente un incarico ad un tecnico per studiare il piano della sosta particolareggiata, che però non ha portato a nulla di concreto. Sul Pum i nostri amministratori hanno fatto soltanto tanti reclami, senza mai attuare una soluzione concreta. Noi vogliamo abolire i disagi, le discriminazioni, i disservizi e le disparità tra i residenti del centro e quelli che vivono al di fuori della zona ZRU”.

Forza Italia e il Comitato No Pum hanno raccolto tutte le segnalazioni dei cittadini e hanno stilato una serie di integrazioni che potrebbero certamente agevolare la vita dei polignanesi. “Bastava soltanto ascoltare i cittadini come abbiamo fatto noi – dice ancora Pellegrini – piuttosto che perdersi tra sondaggi inutili. Tra le soluzioni che proponiamo ad esempio c’è la possibilità di garantire un pass gratuito a tempo ai residenti della zona extrapum, o agli artigiani, che cosi potrebbero continuare a lavorare comodamente in centro”.

La petizione continua nelle domeniche 1, 8 e 15 marzo in piazza Aldo Moro e presso gli esercizi commerciali aderenti.

 
   

Pagina 9 di 323

ULTIMI COMMENTI