Martedì 14 Luglio 2020
   
Text Size

SUCCESSO PER IL DIBATTITO CON AMENDOLA E BRACCIODIETA

dibattito-polignano-dialoghi-democrazia-politica

'L'ECONOMIA GUIDA LA POLITICA, NON IL CONTRARIO'

Crisi della democrazia: crisi dei partiti o crisi della politica? Questo il tema dell’ultimo incontro dei Dialoghi della Politica promossi dalla Presidenza del Consiglio comunale di Polignano con Eugenio Scagliusi che ha moderato i due ospiti.

Il dibattito si è svolto in sala consiliare e ha registrato numerosi interventi dal pubblico. Va sottolineato il successo dell’iniziativa che ha riscontrato il favore bipartisan da tutte le aree politiche, cittadini ed esponenti di spicco della cultura locale e del mondo dell'associazionismo.giandomenico-amendola

RAPPORTO CITTADINO POLITICA - Evitando saggiamente di incentrare il discorso su argomenti legati a colori politici, il recente appuntamento dei Dialoghi ha affrontato un’analisi del tema su tutti i fronti. Innanzitutto su quello sociologico, sostenuto dal prof. Giandomenico Amendola il quale ha evidenziato quanto sia cambiato il rapporto del cittadino con la politica: il leader politico di oggi non è la rappresentanza del popolo ma l’incarnazione dei desideri dell’elettore, ed in questo quadro si chiariscono automaticamente le ragioni per le quali i vari scandali legati ai politici diventino una pubblicità per gli stessi. Si passa in rassegna dunque, il fenomeno del leaderismo.

“Il problema di oggi è che la decadenza dei partiti è un indicatore del rapporto di crisi del cittadino rispetto alla sua rappresentanza - ha fatto notare il sociologo Amendola - la crisi dei partiti è una voragine dove tutto diventa possibile, essi sono casse di risonanza di sogni e incubi del cittadino.”.

LE PRIMARIE COME INDICATORE DI CRISI - A fronte delle recenti sfide tutte interne ai partiti, in particolare quello democratico, il sociologo ne approfitta per aprire una riflessione sullo strumento delle elezioni primarie. “Anche le primarie sono un indicatore di crisi - ha rimarcato il sociologo - perché degli interni ai partiti evidentemente non ci può più fidare”.

'L'ECONOMIA GUIDA LA POLITICA' - Più tecnica invece, l’analisi dell’avvocato Angelo Bracciodieta, il quale ha posto in luce quanto il potere politico possa essere considerato come potenzialmente pericoloso ma anche come attore protagonista di una necessaria funzione: garantire ordine, coesione e sviluppo della società. Il giurista è convinto di quanto oggi non sia più la politica a guidare l’economia bensì il contrario: “C’è un’invasione pandemica delle imprese, perché qualsiasi bene consumiamo è il prodotto di un’impresa”.

 

Con l’analisi di Bracciodieta il dibattito si sposta evidentemente sui binari del decadimento nel confronto e nel pensiero politico odierno. La politica oggi fa impresa, decide sul tavolo di un brainstorming, è svuotata di senso e di contenuto. Di riflesso, la politica locale ne subisce le conseguenze. I consigli comunali non sono altro che consigli di amministrazione aziendali che si limitano al raggiungimento dell’utile e alla quadratura dei bilanci come unico obiettivo.

Commenti  

 
#1 ariamara 2010-03-15 00:07
Come non possono andare in crisi i partiti....
se poi grandi uomini politici, rinnegano le loro tradizioni, le loro idendità, le loro culture entrando a far parte di grandi calderoni dove giornalmente vengono mescolati da un solo uomo.
Il moderatore ex AN,attuale PDL....ci insegna,... che sono gli uomini a trascinare e plagiare altri uomini, creando "Fuochi Fatui" la cui fiammella si accende, solamente ed unicamente durante una campagna elettorale.
...... ....A Polignano a Mare,ad esempio, è mai esistita una sede politica del P D L.
La verita unica è,.. Le chiacchiere se le porta via il vento e le bugie non hanno lunga vita."
Ma se siamo convinti, Che siamo noi il "Partito", è importante anche credere, nella Nostra Idendità, difendendola a denti stretti
:-):o
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI