Sabato 18 Gennaio 2020
   
Text Size

MESE MEMORIA, APPUNTAMENTI IL 9 E 10

maipi-giornata-memoria

Domani mattina, alle ore 9.00 si riunirà un consiglio comunale ad hoc per commemorare le vittime di tutte le guerre e i genocidi e atti di disumana violenza. I baby consiglieri comunali maipiincontreranno i grandi, mentre all’evento parteciperanno le scolaresche degli istituti e i circoli di Polignano.

“Quest’anno Vendola ha istituito un mese intero della memoria, piuttosto che dedicare una giornata sola. Bisogna sempre ricordare il nostro passato, con i nostri figli, per un futuro migliore. Il consiglio comunale di domani sarà l'occasione per riflettere tutti quanti insieme.”. Così, Beatrice De Donato, vicesindaco, si prepara per una lunga maratona: domani, oltre al consiglio comunale, si tiene l’evento Pescarello e la manifestazione dell’Avis (Associazione Volontari Italiani Sangue).

MAI PIU’, TRA RICORDO E MEMORIA – Per il 9 febbraio è prevista la manifestazione “Mai più - tra Memoria e Ricordo”, una serata che si propone di far riflettere sulle brutture legate alla Shoah, alle Foibe e ad ogni genocidio che ha caratterizzato il ‘900 ed il primo decennio del Terzo Millennio, dove la sopraffazione e la violenza hanno toccato le più disparate regioni della Terra.

L'iniziativa - promossa dall’Assessorato alle Politiche Sociali e Solidarietà di Polignano a Mare - unirà le Istituzioni, le Autorità civili e militari, i giovani e l' intera comunità polignanese lanciare un ponte di solidarietà; un segnale di Pace da trasferire alle nuove generazioni che dovranno far tesoro del passato per costruire un nuovo futuro.

L’appuntamento (con ingresso libero) è per martedì 09 febbraio al Cinema Teatro Vignola, ore 20.00, e vedrà la partecipazione degli allievi della Accademia delle Muse di Ileana Pace, per la regia affidata alla Prof.ssa Lucia Brescia.

Commenti  

 
#2 Claudio P. 2010-02-11 18:31
... data la ricorrenza relativa alla giornata in "Memoria delle Foibe", credo di sentirmi in dovere e soprattutto in diritto, di dire la mia su questa triste e sporca pagina di storia moderna. Giornata, quella di oggi, dove politici, e non, si sentono in dovere di spendere parole a ricordo di questa vicenda straziante.... Io l'ho vissuta sulla pelle della mia famiglia, quindi, oltre ad esercitare il diritto di dire la mia, credo di avere anche il diritto di incazzarmi (i miei genitori non hanno avuto né la forza né l’opportunità per farlo) con certi personaggi che dovrebbero avere il coraggio civile di stare in rispettoso silenzio col capo chino... invece di fare revisionismo spicciolo.
Un pensiero profondamente commosso ai fratelli Italiani Dalmati, Istriani e Sloveni traditi due volte!!! figura sulla pelle degli altri....
 
 
#1 osvaldo 2010-02-06 15:30
A che serve ricordare se non si comprende come oggi si declina razzismo e discriminazione ?

Il ricordo rischia di ridursi ad una pura “ruminazione” del passato fine a se stessa, se non si riconosce l’attuale mutazione del razzismo.

Oggi il razzismo si declina come “essenzialismo etnico e culturale” (es. musulmani = fondamentalisti; stranieri = criminali), riguarda gli immigrati e il luogo in cui si consuma è il Mediterraneo, la Shoah del XXI secolo.

Solo così si può comprendere e rendere giustizia al “ricordare perché non accada più”.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI