Martedì 07 Luglio 2020
   
Text Size

LA STORIA DI POLIGNANO. DE DONATO, PRESTO UN ARCHIVIO

talenti-storia-polignano
FONSECA, L'ATTACCO ALLA LEGA, E QUELLA CITTADINANZA ONORARIA DI PONTIDA
"MI GUARDANO ANCORA CON SOSPETTO"

Beatrice De Donato promette un archivio storico di Polignano


Un’opera storiografica ponderosa: 10 anni di ricerche ossessive e minuziose, oltre 800 pagine di storia locale, dal XV° al XVIII° secolo. Gianni Talenti ha portato a conclusione la sua grandiosa fatica letteraria: “La città di Polignano, benché per sua disgrazia nata vassalla. Una comunità meridionale nei secoli XV-XVIII, Aliante Edizioni”.

Un esercizio storiografico che ha accompagnato una generazione di giornalisti e amici curiosi. Tempo fa, a un giornalista ansioso di poter annunciare l’uscita del libro, Gianni rispose così: “Non è pronto, non ci vorrà ancora molto”. Da allora, pensate, sono passati sei anni.

Nel corso della serata di presentazione coordinata da Alfredo Maiullari, sono intervenuti il prof. Cosimo Damiano Fonseca, accademico dei Lincei, Nina Centrone, Beatrice De Donato, il sindaco Bovino, don Vito Benedetti e don Vito Castiglione.

“Questo libro è la certezza che una parte di storia della nostra città rimarrà impressa”. Così, Bovino, ha ringraziato Gianni Talenti e invitato a una maggiore attenzione verso il nostro passato: “la nostra storia - ha aggiunto - in alcuni momenti sembra non esistere. Questo scorrere della nostra vita quotidiana ci porta a distrazioni e ad apparire un po’ superficiali”.

CITTADINO ONORARIO A PONTIDA - Cosimo Damiano Fonseca ha curato la prefazione. “Si diventa complici della fatica dell’autore. Essere complici in un’impresa culturale come questa mi sembra legnanoun’operazione culturale e intellettuale e d’impegno civile”. Il professore ha tracciato il percorso storico e socio-culturale che avrebbe riacceso anche in Italia l’interesse per la storia locale. “Gli anni ‘70 del secolo scorso segnano una forte ripresa della storiografia locale, sia sul versante civile che su quello ecclesiastico. Con l’attuazione del dettato costituzionale relativo allo stato delle autonomie, i comuni si riappropriano di alcune funzioni proprie all’interno del territorio e della comunità. Tuttavia, il dettato dello stato delle autonomie venne adempiuto assai tardi rispetto alla volontà dei nostri padri costituenti, in uno stato fortemente nazionalista che doveva ancora cementare l’unità nazionale”.

Fonseca punta il dito contro le spinte rivendicative di chi, falsando la storia,  “tenta di operare un particolarismo regionalistico che non è nel gene della nostra storia nazionale”. Nel mirino del professore c’è il movimento leghista. A 78 anni, vissuti con la testa a capofitto sui libri, non gli manca la voglia di scherzare: “Quando elencano le mie cittadinanze onorarie vedono che la prima è Pontida (raduno e luogo simbolo dei leghisti) e mi guardano con un certo sospetto, dopodiché io dico subito che era il 1967, correva l’anniversario centenario della prima Lega Lombarda - racconta Fonseca - e quindi il comune di Bergamo e Milano si fecero ambedue interpreti di costruire la storia della vita lombarda, della lega storica lombarda. Sono amareggiato, perché a distanza di molti anni, rispetto alla consapevolezza di quelle popolazioni che, celebrando il centenario della prima lega lombarda, cedettero a inserirsi nella storia nazionale del nostro paese”.

IL CONCILIO VATICANO II - “Sul versante ecclesiastico accade l’evento di straordinaria portata, il Concilio ecumenico Vaticano II”. Quel concilio, secondo Fonseca, avrebbe riscoperto l’intima e P1280047profonda vitalità che della comunità e dei credenti all’interno del tessuto ecclesiale: “di qui - spiega Fonseca - la riappropriazione della propria origine storica e del proprio ruolo all’interno della chiesa e delle comunità locali”.

A questo punto, sulla scia di quanto stava accadendo in Inghilterra, si riscopre in Italia lo studio, anche universitario, di storia locale. “Oggi si insegna storia locale in un contesto dia storia generale”. Fonseca cita alcune opere sulla storia di Polignano, si pensi a Favale o a Pascali, pubblicate già a partire dagli anni ’80.

 

UN ARCHIVIO A POLIGNANO - E’ l’ultima promessa dell’assessora alla cultura, Beatrice De Donato che, a fine presentazione, si è assunta pubblicamente l’impegno politico: “l’impegno politico che stasera sento di poter prendere a nome dell’intera amministrazione comunale è di dare a questo paese l’unità alle carte del nostro passato e realizzare al più presto un bellissimo archivio a Polignano a Mare”.

Quella di Gianni Talenti è un’opera aperta; del resto è impossibile chiudere i conti con la storia. Si è sempre in debito con il passato, direbbe Ricoeur a proposito delle inquietudini che angosciano gli storici. Forse ha ragione Machiavelli: si diventa cittadini virtuosi se si conoscono le proprie storie.

Commenti  

 
#2 la verità 2010-02-05 21:59
il libro deve essere molto bello e interessante l'unica pecca che ha è il prezzo di 30 euro se si calcola che un best-seller costa al massimo 20 euro . Essendo un libro che dovrebbe essere letto da ragazzi per scoprire e apprezzare le proprie origini non è alla portata del loro portafoglio
 
 
#1 Cittadinanza Attiva 2010-02-01 22:19
In attesa che l'ass.re realizzi quanto detto, la invitiamo a RECUPERARE VELOCEMENTE i libri dell'edizione 2009, dagli organizzatori del presidio del libro. Nel 2008 una nostra iniziativa pubblica, per la prima volta, riuscì a far arrivare decine e decine di libri alla biblioteca comunale. Certa stampa servile, gossippara e faziosa nascose fatti e documenti dando il merito all'amministrazione Bovino. Abbiamo atteso l'anno 2009 (nessun libro consegnato), dimostrazione lampante di quanto affermiamo. Nessuno ha mosso un dito e quelli del presidio del libro hanno fatto i finti tonti. Quindi riproponiamo la richiesta del 2008, aggiungendo: i libri devono essere dati tempestivamente e tutti gli anni in cui si tiene l'evento, cui auguriamo lunga vita, eliminando l'esibizione di politici di incerto respiro politico-culturale!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI