Martedì 24 Novembre 2020
   
Text Size

San Vito: “Una Festa particolare”

san vito 2020 (6)

Don Gaetano: “Non c’è luce e musica più bella della carità che San Vito ci ha insegnato”

“Quest'anno la nostra festa è stata particolare, diversa dalle altre ma come ci siamo detti più volte, è stato San Vito stesso a voler dare la precedenza a Gesù e all'Eucarestia”. Così Don Gaetano Amore apre la solenne celebrazione liturgica in onore del nostro Patrono, presieduta dal Vescovo, Mons. Giuseppe Favale.

“Abbiamo obbedito a tutte le disposizioni di sicurezza con cuore semplice e buono” – prosegue il parroco, sottolineando che non sono mancati i comprensibili malcontenti per l’assenza dei festeggiamenti civili: “Tutti quanti ci auspicavamo una festa fatta di luminarie, di botti e di altre manifestazioni collaterali che sono belle e ci vogliono”. “Ci è venuto però incontro il nostro Sindaco” – aggiunge confessando che è stata del primo cittadino l’idea di ospitare la Santa Messa in piazza Suor Maria Giovanna Laselva, mettendo a disposizione dei fedeli circa mille posti disponibili.

Raccogliendo l’appello del Vescovo, don Gaetano ha poi consegnato un contributo alle realtà legate alle feste patronali che quest’anno non hanno potuto lavorare. Una parte delle offerte raccolte, in accordo con il Comitato Festa presieduto da Cosimo Pedote, è stata infatti devoluta alle due rappresentanze musicali di Polignano, la Banda “Piero Serripierro” e la Banda “Pascali”, e alla vedova del fuochista Giuseppe Pellegrino, morto cinque anni fa proprio mentre allestiva l’ennesimo spettacolo pirotecnico.

“Non abbiamo cantano, suonato, sparato, illuminato... ma penso che non ci sia luce e musica più bella della carità che San Vito ci ha insegnato” – chiosa il parroco della Chiesa Matrice prima di lasciare la parola alle riflessioni del Vescovo Favale e all’inizio della messa.

Il volo di San Vito

san vito volo 2020 (2)

Se la benedizione della città con la Sacra Reliquia del Braccio di San Vito Martire è avvenuta dal terrazzo della chiesa matrice, la processione della Statua del nostro Protettore è stata ancora più originale.

Per rispettare le misure di distanziamento sociale, don Gaetano ha ottenuto dal concittadino Antonio Lattarulo, Direttore Enac per gli aeroporti di Puglia e Basilicata, l’autorizzazione a compire un sorvolo della città di Polignano con al proprio fianco la statua del nostro Santo Patrono. Così, alla guida di un aeroplano messo a disposizione dall’Aeroclub di Bari, il parroco ha attraversato i cieli di Polignano, benedicendo i fedeli da “una nuova prospettiva”.

La peculiare iniziativa è stata immortalata da alcuni scatti di Roberto Madaro, che ha accompagnato don Gaetano in questa avventura.

san vito 2020 (2)

san vito 2020 (3)

san vito 2020 (4)

san vito 2020 (10)

san vito 2020 (8)

san vito 2020 (7)

san vito 2020 (11)

san vito 2020 (12)

san vito 2020 (13)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI