Venerdì 15 Novembre 2019
   
Text Size

ANSPI POLIGNANO: NUOVA SEDE

Copia_di_roma_22_aprile_2009_013

Dopo un estate piena di attività e di vetrine a livello nazionale, l’ANSPI “Giovanni Paolo II” di Polignano a Mare ripartire e inaugura l’anno Oratoriano 2009/2010, coordinato dai Parroci don Gaetano Luca, don Giancarlo, dal direttivo e soci dell’Oratorio.

INAUGURAZIONE NUOVA SEDE - Il tutto avrà inizio con l’apertura della nuova sede di via Marconi 20 (alle spalle della stazione ferroviaria) e una celebrazione eucaristica officiata dal vescovo mons. Domenico Padovano. Seguirà la presentazione delle attività rivolte al sociale, all’integrazione, alla formazione culturale e religiosa, alla promozione sportiva  tra le quali: catechesi, incontri liturgici, progetto di ippoterapia, tornei di burraco, ping-pong, calciobalilla, calcio, fiabe, cineforum, laboratori teatrali, musicali, artistici, pellegrinaggi, scuola di danza e balli caraibici grazie coordinati dalla scuola degli Havanaloca e Ileana Pace, karaoke.

COS’E’ L’ORATORIO ANSPI - Pensato come luogo privilegiato dell'azione educativa della comunità cristiana, che primariamente accoglie e cura la formazione dei ragazzi, degli adolescenti e dei giovani, delle famiglie offrendo loro opportunità e spazi per una crescita umana.

Scrive il presidente Giuseppe Nardulli, nel comunicato: “l'Oratorio è luogo aperto a tutti: ragazzi e ragazze, adolescenti e giovani, famiglie, senza distinzione di classe sociale e di preparazione culturale, pur con la dovuta chiarezza educativa. L'Oratorio dedica particolare attenzione ad offrire un ambiente formativo che favorisca la graduale partecipazione alla vita della comunità cristiana anche per i ragazzi e i giovani che vivono realtà di disagio e che spesso hanno marginalizzato la domanda religiosa”.

 

ALCUNI SCATTI DELL'ANNO ORATORIO 2008/09:

http://picasaweb.google.it/redazionepolignanoweb/Anno2009?authkey=Gv1sRgCJitzJjkz4Thag&feat=directlink
anspi

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI