Domenica 22 Settembre 2019
   
Text Size

L’importanza di alimentarsi con i cibi di stagione

Pellegrini Mario

I consigli dello chef Mario Pellegrini

“Da molto tempo ormai siamo abituati a reperire ortaggi e verdure in tutti i giorni dell’anno, senza capirne le rispettive necessità di temperatura, umidità, tipologie di terreno, altitudini e tutti gli altri parametri fondamentali per la naturale crescita degli stessi.

Potendo ritrovare in ogni momento pomodori, patate, insalate e tutti gli altri prodotti della terra, non conosciamo più i reali periodi di maturazione senza in verità capire perché la natura riesce a donarli a noi solo in determinate stagioni e non in altre ed in precise zone della terra piuttosto che in tutto il pianeta.

Ma questa destagionalizzazione ha portato solamente vantaggi?

Sicuramente no, anzi gli aspetti negativi surclassano quelli positivi. Non seguire la stagionalità significa mangiare prodotti che percorrono anche migliaia di chilometri, spesso raccolti ancora acerbi, terminando i processi di maturazione stivati in camion per giorni, aiutati da fitormoni somministrati in precise quantità stabilite in laboratorio.

 

Per esempio?

I kiwi della Nuova Zelanda o i meloni di Panama e tanti altri frutti coltivati anche a pochi chilometri da casa nostra ma reperibili solo in alcuni periodi dell’anno. Oppure l’utilizzo di serre per ottenere tutti giorni pomodori, fragole e cetrioli insapore ed inodore. D'altronde, per avere verdura fuori stagione, i terreni vengono letteralmente bombardati di prodotti chimici di sintesi che controllano carenze legate all’apporto di nutrienti e fitofarmaci che evitano infestazioni parassitarie.

In sostanza, il prezzo che noi paghiamo per riempire le nostre tavole è veramente molto alto, non pensando tra l’altro che ciò contribuisce in maniera sostanziale all’aumento dell’inquinamento e del riscaldamento globale; problematiche che noi ascoltiamo ogni giorno al telegiornale ma alle quali non diamo il giusto peso perché non ne percepiamo le reali conseguenze.

Mangiare frutta e verdura di stagione, migliora sensibilmente il nostro stile di vita: si riscoprono i reali sapori e profumi dei frutti, determinati e sviluppati secondo madre natura, grazie alla capacità delle stesse piante di sintetizzare da sé composti chimici aromatici che contraddistinguono le varie specie e, oltre questo, sviluppare la produzione di sostanze nutritive tipiche di ciascun ortaggio.

Gli stessi percorrono molta strada in meno e i costi di produzione si riducono di molto, ottenendo prodotti più buoni a prezzi inferiori. Utilizzando prodotti di stagione inoltre, diversifichiamo in automatico la nostra alimentazione, aumentando tra l’altro il desiderio e l’attesa di poter assaporare le ciliegie tra maggio e giugno, spinaci in autunno e via dicendo.

 

C’è un modo alternativo per poter assaporare le verdure in ogni periodo dell’anno! Qual è?

Produrre, preferibilmente in casa, conserve e confetture che determinano cambiamenti positivi nel gusto e nella consistenza, mantenendo quasi intatti i principi nutritivi di ogni vegetale. Tecniche di conservazione che rappresentavano la quotidianità per i nostri antenati ma che ora si sono perse per pigrizia e comodità.

Il pomodoro in inverno c’è sempre stato ma sotto forma di salsa o essiccato che, oltre l’utilità in cucina, la sua trasformazione costituiva un momento conviviale che coinvolgeva tutti i componenti della famiglia e culminava con grandi pranzi all’aria aperta. Tradizioni irrimediabilmente perse ma che qualcuno segue ancora.

Forse, per una volta, tornare indietro nel tempo, ripercorrere strade e abitudini del nostro passato, può aiutarci a vivere meglio, provando a riorganizzare il nostro modo di vivere secondo le reali leggi della natura.

 

Come cominciare?

Rispolverando uno di quei vecchi calendari che in passato avevamo tutti, affisso al muro della nostra cucina, dove c’era una sezione per ogni mese dedicata ai prodotti di stagione, alle sue qualità e a come utilizzarli in cucina. Forse riusciremmo a scoprire nuovi sapori mai provati prima.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI