Anche Polignano ha celebrato la Giornata Mondiale dell’Autismo

autismo

Il 2 aprile il paese si è colorato di blu

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, un bambino su 160 ha un disturbo dello spettro autistico. Ancora più alta la percentuale del nostro paese dove l’autismo colpisce un bambino su 100, coinvolgendo oltre 500mila famiglie. Il 2 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo, istituita nel 2008 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per migliorare la qualità della vita delle persone con autismo, permettere loro di godere di pari opportunità e di condurre una vita significativa come parte integrante della società.

In Italia anche Palazzo Montecitorio si è colorato di blu nella notte del primo aprile e fino all'alba, ma la lista delle piazze e dei monumenti che in tutto il mondo si illuminati del colore scelto dall'Onu come simbolo dell'autismo è lunga, dall'Empire State Building di New York al Cristo Redentore di Rio de Janeiro.

Ed un richiamo arriva dagli specialisti della Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza (Sinpia), che sottolineano la necessità di maggiori investimenti per i disturbi neuropsichiatrici dell'età evolutiva. Il vero obiettivo, è l'appello lanciato da Maria Nicoletta Aliberti, neuropsichiatra infantile del Gruppo INI-Istituto Neurotraumatologico Italiano, resta operò l'inclusione: "Non solo un'inclusione limitata alla scuola ma in tutti i contesti di vita, da quello ludico ricreativo a quello sportivo, per una partecipazione che favorisca il diritto alla normalità". Altro fonte è quello della ricerca scientifica: ad oggi non esiste una cura anche se una diagnosi precoce e interventi riabilitativi possono potenziare le capacità del bambino e ridurre i comportamenti problematici.

“Ricordo però che non è una festa – dichiara Benedetta Demartis (presidente Angsa) -purtroppo non c’è molto da festeggiare ancora per le nostre provatissime famiglie, che lottano ogni giorno contro una cruda realtà dovuta spesso alla lentezza burocratica per arrivare a dei risultati concreti.”

L’associazione Angsa, è l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici che in occasione della giornata mondiale dell’autismo ha provato a stilare un bilancio della situazione in Italia. “I fondi dedicati all’autismo che il Parlamento mette nella voce annuale del Bilancio per il 2019 e per il 2020 sono stati raddoppiati a 10 milioni e tutti saranno spesi per avere una ricaduta su tutti i territori in Italia – le parole del presidente - Il Ministero della Salute, attraverso la cabina di regia affidata all’ISS, sta sollecitando le Regioni all’applicazione delle Linee d’indirizzo.”

“Tanti sono i ritardi e le mancanze sui servizi da attivare – conclude Demartis - dalla garanzia delle cure alle liste di attesa ai centri dedicati. Ma ormai la macchina del cambiamento non potrà più essere fermata. Le linee d’indirizzo devono trovare applicazione; le linee guida per l’età evolutiva stanno per essere aggiornate e quelle sugli adulti finalmente vedranno la luce a breve.”