Giovedì 25 Aprile 2019
   
Text Size

A scuola per la giornata di educazione stradale

educazione stradale (1)

Educazione stradale significa conoscenza e rispetto delle norme che regolano il comportamento degli utenti della strada. Non è infatti vero che il codice stradale sia stato scritto esclusivamente per gli automobilisti.

La prima ragione per cui queste norme vanno osservate non è, come qualcuno potrebbe pensare, quella di evitare le sanzioni, che pure sono previste per chi non si comporta correttamente; il vero scopo è quello di garantire l’ordine della circolazione e la sicurezza di tutti gli utenti, soprattutto dei più indifesi. L’Educazione Stradale rappresenta già da alcuni anni, per le Scuole di Legnago, una brillante e consolidata realtà.

Pertanto è importante raccontare ai ragazzi quali comportamenti assumere per strada, tanti i tempi affrontati dai più semplici segnali stradali, passando per l’equipaggiamento necessario per i velocipedi, ma anche si è entrati nel merito per spiegare quali sono comportamenti da adottare in qualità di pedone e di ciclista, oppure come comportarsi in presenza di area pedonale.

“La conoscenza delle norme fondamentali di sicurezza stradale è fondamentali per il corretto uso della strada, - ha dichiarato l’assessore Chiara Pepe - tutti noi siamo utenti della strada, tuttavia le norme, talvolta, non vengono rispettate con gravi conseguenze per l’incolumità propria e degli altri. Le iniziative di prevenzione e i progetti di educazione stradale mirano a formare dei cittadini responsabili e rispettosi.”

Ci saranno altri incontri di educazione stradale rivolti ai bambini della scuola primaria. Il 25 marzo gli agenti della polizia locale hanno incontrato i bambini dei plessi Don Bosco e Don Milani. I bambini sono affascinati da quello che li circonda e spesso si pongono domande inerenti a quello che i loro occhi osservano. Fornire delle indicazioni precise riguardanti il corretto comportamento da usare in presenza di aree pedonali o di zone a traffico limitato, per fare un esempio, stimola i bambini ad adottare quei comportamenti. Non solo, i piccoli spesso si fanno portavoce degli apprendimenti ricevuti in classe e li trasmettono a casa, inducendo gli adulti ad utilizzare comportamenti corretti.

“L’apprendimento passa attraverso l’esperienza e gli esempi pratici – conclude l’assessore - vedere gli altri adottare comportamenti consapevoli e responsabili ci induce a fare la stessa cosa. E sono questi piccoli accorgimenti che contribuiscono a renderci persone migliori.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI