Venerdì 19 Aprile 2019
   
Text Size

Conclusa la Settimana Nazionale per la Vita

settimana nazionale per la vita (7)

Il bilancio dell’evento del Centro di Aiuto alla Vita di Polignano

Domenica 3 febbraio si è conclusa la lunga maratona di due settimane per celebrare sui sagrati delle chiese e nei negozi del nostro territorio, che volontariamente e con entusiasmo hanno aderito alla iniziativa la 41° Giornata nazionale per la Vita.

Come ogni anno anche quest'anno l'evento ha riscosso attenzione e successo grazie alla sensibile generosità dei cittadini, che pur oberati da tanti “gridi” di solidarietà ed aiuto delle diverse associazioni di volontariato presenti sul territorio - e che tutte perseguiamo lodevoli e caritatevoli obiettivi sociali a favore del prossimo hanno fatto sentire concretamente e in solido la loro vicinanza alla nostra associazione e all'impegno dei nostri volontari soci e non.

Il Centro di Aiuto alla Vita di Polignano, che attualmente ha la sua sede in via S.Antonio 14, ha come missione precipua quella di aiutare una donna rimasta incinta, ragazza sola, mamme e coppie di qualsiasi nazionalità a portare avanti, con altrettanto coraggio e paure per il futuro, una gravidanza problematica senza lasciarla sola e senza abbandonarla alla scelta, innaturale e sofferta per una mamma, di abortire il bambino da lei stessa generato. Di negare lei, la vita a suo figlio!

“La nostra associazione Onlus, purtroppo per statuto e per le regole a livello nazionale, fissate dal Movimento per la Vita quando nel 1975 fu fondato, aiuta le donne incinta dal terzo mese di gravidanza sino ai tre anni di vita circa. Purtroppo. Ma è anche vero che lo Stato con le sue politiche familiari, le altre innumerevoli associazioni cristiane e laiche si fanno carico sempre più delle indigenze familiari successive. Magari potessimo aiutare tutti i bambini sino all'età lavorativa! Sarebbe un miracolo! Ma questo nostro limite non può banalizzare e svilire il nostro impegno per la Vita nascente! Tutti i genitori vogliamo il bene dei nostri figli: la salute, un futuro roseo, l'agiatezza, la bellezza... ma la Vita non può essere relegata e cucita sugli stretti canoni della bellezza, della ricchezza e tutto ciò che consideriamo auspicabile e che quindi possiamo scartare già prima della nascita chi è muto, debole e indifeso: il nascituro, ma anche dopo sino ai 12 anni! come già prevedono le leggi in vigore in alcuni stati del Nord Europa... Ma il discorso è lungo e complesso e non certamente si può affrontare in un breve articolo, che speriamo di poter approfondire durante tutto il 2019 attraverso iniziative culturali e sociali nella nostra cittadina.

Lasciamo questa 41ma giornata con un interrogativo: tutti conosciamo la punta di diamante mondiale della nostra canzone classica, lirica e melodica: il cantante Andrea Bocelli, ma quanti sappiamo che era ipovedente dalla nascita - poi a 12 anni ha perso completamente la vista - e del coraggioso amore dei suoi genitori Edi e Alessandro che l'hanno accolto? Un dono per loro ma che, grazie alla sua voce, è diventato un dono per l' umanità! La sua Vita era ed è degna di essere vissuta.

Infine. Il 18 gennaio 2019 è stata trasmessa al Parlamento la Relazione del Ministro della Salute sull’attuazione della legge 194/78, con i dati definitivi relativi all’anno 2017. Anche nel 2017 l'Italia ha confermato il trend in discesa dei nati vivi degli anni precedenti , ennesimo record negativo in fatto di denatalità.

Nel 2017 la Puglia segue a ruota la Liguria per il tasso di denalità della popolazione (rapporto nati/deceduti) e per il numero degli aborti legali volontari e purtroppo anche il tasso di fecondità delle donne pugliesi è fra i più bassi tra le regioni italiane.

La Puglia infine ha fatto registrare nel 2017 il più alto tasso di abortività nella fascia d’età fra i 15 ed i 17 anni! Dati che ci interrogano e che dovrebbero far riflettere al di là del credo religioso o alla sostanza della scelta individuale, diritto sancito dalla legge a procreare e creare famiglia da un lato e dall'altro ad interrompere una gravidanza. Incoerenza palese.

Ed ecco i dati della raccolta fondi promossa, come ogni anno, in questa giornata: però prima vogliamo ringraziare i tantissimi benefattori e i cari sacerdoti di tutte le parrocchie e chiese, nonché, non soltanto i soci, ma soprattutto le persone di buona volontà che pur non essendo socie hanno collaborato alla nostra iniziativa ed hanno garantito la loro presenza ai banchetti dell'offerta.

Un grazie particolare anche alla titolare Mariantonietta del Vivaio Santa Rita di Polignano, che per il secondo anno consecutivo ha dato la sua preziosa e gratuita disponibilità nell'incaricarsi del ritiro delle piantine e della loro distribuzione in loco dal fornitore il Vivaio di Monopoli.

GRAZIE A TUTTI.

Sono state distribuite, a riconoscenza di una offerta libera ed anonima, n°66 cassette di colorate panzè per 645 piantine con un ricavo lordo di €.2.992,30 a fronte di una uscita di 627,80€ (acquisto piante e spese organizzative).

Antonio Masi Marco
SEGRETARIO DEL CAV

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI