RASSEGNA JAZZ: IL 12 PAOLA ARNESANO QUARTET

Il_Trio
Prosegue la rassegna Jazz inserita nel cartellone degli eventi “Estasi Polignanese” promosso dal Comune di Polignano a Mare. Il 12 luglio alle ore 21.30 terzo appuntamento della stagione. Nello splendido scenario del ponte di Lama Monachile a Polignano, “Le grandi voci del Jazz” Paola Arnesano Quartet.
Jazz singer barese, sulle scene sin dal 1980 e vincitrice dell'Italian Jazz Awards "Luca Flores" 2009 nella categoria "Best Jazz Singer".
Paola Arnesano si esibirà con il trio composto da Lorenzo Nicoletti alla batteria, Gianfilippo Direnzo al contrabbasso e Cosimo Maragno alla chitarra.

https://mail.google.com/mail/?ui=2&ik=3860b44a0b&view=att&th=129b3165de00fd3e&attid=0.4&disp=inline&zwPAOLA ARNESANO. VOCE. Nasce a Bari nel 1969. Studia canto con il soprano Maria Grazia Pani e contemporaneamente recitazione con Antonella Porfido e Franco Damascelli. Il suo esordio come jazz singer risale alla fine degli anni '80, con il quintetto a suo nome con cui occasionalmente ancora collabora, formato tra gli altri da Mario Rosini al piano. Studia pianoforte con Nico Marziliano e arrangiamento per big band con il m° Luigi Giannatempo. Innamorata del jazz samba e della bossanova, ne studia lingua e repertorio, che sfocierà nella costituzione di gruppi stabili agli inizi degli anni '90 come Abrasileirado e Trio de Janeiro, di cui è coleader Guido Di Leone. Fondamentalmente attratta dalle cantanti cool degli anni '50, inizia ad affrontare progetti originali, come canzoni italiane degli anni
'40 in chiave jazz, o brani più moderni mai cantati, ai quali aggiunge testi. Inizia nello stesso periodo anche a comporre, ed il tutto sfocierà nei suoi due primi dischi. Nel frattempo viene chiamata a far parte stabilmente del quartetto del contrabbassista Attilio Zanchi, con Guido Di Leone e Gilson Silveira. Ha collaborazione stabile, inoltre, con Davide Santorsola, Mimmo Campanale e Maurizio Quintavalle. In quel periodo arriva al secondo posto al Premio Urbani.
Collabora con grossi nomi del panorama jazzistico italiano, come Stefano Bollani, Roberto Ottaviano, Angelo Adamo, Gianni Cazzola, Ettore Fioravanti, Franco Cerri, Gianni Basso, Luigi Bonafede, Tiziana Ghiglioni, Marco Micheli, Massimo Manzi, Tomaso Lama, Gianluca Petrella, Daniele Scannapieco, Aldo Vigorito, Fabrizio Bosso, Pietro Ciancaglini, Enzo Zirilli, Nicola Stilo, Renato Sellani, Ares Tavolazzi, Dado Moroni, con il quale ha tuttora una collaborazione stabile sfociata in un disco in duo. La sua attività concertistica l'ha portata in Inghilterra, Spagna, Portogallo, Francia, Germania, Svizzera e Austria. Ha tenuto diversi seminari in scuole ed università italiane. Da qualche anno è anche stabilmente nel quartetto vocale Faraualla, collaborando con musicisti di grosso calibro come Noa, Maria Pia De Vito, Paolino Dalla Porta, Francesco Sotgiu, Andrea Parodi, Pino Minafra, Rita Marcotulli, Bebo Ferra, Paolo Pietrangeli, Carmen Consoli, Antonella Ruggiero. E' docente presso la scuola Il Pentagramma di Bari dal 1993, ove insegna canto, armonia e tecnica d'improvvisazione. Ha vinto l'Italian Jazz Awards "Luca Flores" 2009 nella categoria "Best Jazz Singer".

LORENZO NICOLETTI. BATTERIA. Matera. Batterista Autodidatta, comincia con i primi rudimenti sullo strumento all’età di 13 anni. Dal 1994 al 1998 frequenta i corsi di batteria jazz presso la scuola “Onyx jazz club” di Matera, seguito dal batterista Giovanni Lo parco. Scopre cos’è il raffinato mondo del jazz,
del funky e dei ritmi sincopati della fusion. Suona prevalentemente con formazioni locali in trio e quartetto; partecipa con Daniela Mastrandrea, Roberto Scillitani ed Ettore Lopinto ad una rassegna musicale organizzata dal Teatro Eliseo di roma; suona alla “festa del jazz”, organizzata dal maestro Paolo Lepore, al Re Mare di mola di bari; nell’estate 2008 si dedica ad un progetto-tributo ad Oscar
Peterson “Thank you Oscar”, con Francesco Marziani (piano) e Giuseppe Venezia (contrabbasso). Attualmente impegnato in un omaggio a Wes Montgomery “ A story of Wes” con Vincenzo Cristallo (chitarra) e Giuseppe Venezia contrabbasso). Dal 2008 collabora con vari musicisti : Mino Lacirignola, Guido Di leone, Vito Di Modugno, Patty Lomuscio, Francesca Leone, Francesca Bicchierri, Ettore Carucci, Giuseppe Bassi, Attilio Troiano,Giuseppe Venezia, Tommaso Scannapieco, Michele Dimartino, Francesco Marziani, Beppe Plaitano, Umberto Viaggiano, Muzio Petrella, Pino PIcchierri, Gianfilippo Direnzo, Cosimo Maragno, Vincenzo Cristallo, Max Monno, Andrea Gargiulo, Ondina Sannino, Larry Franco, David Paquette etc…

GIANFILIPPO DIRENZO. CONTRABBASSO. Bassista e contrabbassista, nato ad Altamura (Ba), studia basso per quattro anni presso la scuola privata “Il Pentagramma” di Bari conseguendo un diploma di frequenza sotto la guida del docente Pierluigi Balducci. Nel corso degli anni partecipa a numerosi seminari e workshop, tra cui i corsi di specializzazione jazzistica di "Siena Jazz" e "Umbria Jazz". Da circa sei anni si dedica anche allo studio del contrabbasso. Si esibisce in diversi contesti, principalmente jazz: in Italia, dove partecipa a festival quali "Gezziamoci", "Altamurjazz" (di cui organizzatore per tre edizioni), "Manoujazz" e anche all'estero (Francia, Svizzera, Albania...). Ha collaborato con diversi musicisti del calibro nazionale ed internazionale come: Patrick Clahar, Julian Joseph, Micheal Supnick, Tony Green, Giovanni Amato, Marco Tamburini, Rossano Sportiello, Lino Patruno, Red Pellini, Giorgio Cuscito, Carlo Ficini, Sebastiano Forti, Roberto
Pistolesi, Giovanni Ceccarelli, Marco Tamburini, Beppe Plaitano, Gerry Popolo, Attilio Troiano, Roberto Tarenzi, Mino Lacirignola, Muzio Petrella, Pino Picchieri, Guido di Leone, Ettore Carucci, Michele Pavese, Vincenzo Barbato, Vincenzo Cristallo, Umberto Viggiano, Luigi Terranova, Giovanni Scasciamacchia, Marco Magno, Cosimo Maragno, Lorenzo Nicoletti, Sandro Savino, Andrea Gargiulo, Antonio Lallai, Fabio Delle Foglie, Andrea Sabatino, Virginia Sorrentino, Lisa
Manosperti, Luca Roseto ecc...e quasi dimenticavo laureato in Lettere a Bari con una tesi in storia della musica dal titolo "il classico jazz" ovvero il difficile incontro fra jazz e musica colta.
Attualmente suona con "City Jazz Trio", "Attilio Troiano Quartet", "Marco Magno Trio" e "Hot Italian Quartet".

COSIMO MARAGNO. CHITARRA. Cosimo Maragno,diplomato in chitarra classica e laureato in discipline musicali a indirizzo interpretativo-compositivo,in entrambi i casi con il massimo dei voti e lode, ha nel corso degli anni approfondito
l'interesse verso il linguaggio jazz dagli anni 30' agli anni 60', mediante l'ascolto e l'analisi dei grandi interpreti e compositori di questa tradizione. Conseguito il diploma di jazz, matura la sua passione soprattutto grazie a varie collaborazioni con musicisti del calibro nazionale e internazionale del panorama jazzistico come Attilio Troiano, Roberto Pistolesi, Ettore Carucci, Gianfilippo Direnzo, Giovanni Scasciamacchia, Vincenzo Cristallo, Giovanni Amato, Pierluigi Balducci, Virginia Sorrentino, Pino Picchierri, Tommaso Scannapieco etc.

Per informazioni:
Comune di Polignano a Mare – Assessorato al Turismo Tel. 080.425.23.19 – 21 – 22
www.comune.polignanoamare.ba.it – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.