Mercoledì 05 Agosto 2020
   
Text Size

La Teknoservice vince anche al Consiglio di Stato

Teknoservice Raccolta Rifiuti-2

Il Comune dovrà pagare 1.500 euro

E' circolata più veloce della luce la notizia attraverso la quale si raccontava di una "mazzata milionaria", che il comune di Polignano avrebbe dovuto pagare sul caso Teknoservice. Circa 5milioni di euro è la cifra di risarcimento danni.

Ma andiamo con ordine e vi raccontiamo le due versioni. La Teknoservice acquistò lo stabilimento in via Conversano, dove attualmente è la sede di raccolta dei rifiuti, per trasformarlo a centro di raccolta rifiuti. L'amministrazione si oppose a tale progetto dichiarando la non conformità urbanistica. A questo l'azienda Torinese impugnò gli atti.

In un primo momento la Teknoservice ebbe ragione dal TAR, perchè l'amministrazione aveva preso una decisione non di sua competenza. A sua volta il comune va in appello giustificando la sua decisione. "l'impianto comprenderebbe una area esterna priva di autorizzazione produttiva". In una seconda motivazione invece, sempre il comune parla di una variante urbanistica decaduta, e per tanto l'impianto non si potrebbe realizzare.

Ora il Consiglio di Stato si è espresso respingendo l'istanza cautelare e condanna il comune a risarcire la Teknoservice su questo ultimo appello con la cifra di € 1.500,00.

Con questa sono due le sconfitte da parte del comune di Polignano, prima al Tar e ora al consiglio di Stato. Insomma situazione che non fa ben sperare per l’amministrazione alla sentenza definitiva. Momento che la Teknoservice ha capito benissimo e non ci sta a far passare anche questa sentenza in sordina. Il team di avvocati della Teknoservice, di fatto, valuterà l’azione risarcitoria e, non esclude, di reclamare 5 milioni di euro da addebitare all’Ente e, quindi, ai cittadini di Polignano, per mancato guadagno, rinnovo della tecnologia, danno all'immagine.

Si attende l'udienza definitiva in merito, che nei prossimi mesi dovrà definire questa vicenda. Insomma un amore sbocciato a metà tra l’amministrazione Vitto e la Teknoservice. Già nella prima campagna elettorale di circa dieci anni fa il Sindaco Vitto prometteva battaglia all’azienda Torinese, poi però il rapporto si è pian piano addolcito, vivendo come si sul dire da separati in casa. Anche la Teknoservice non si è fatta passare i numerosi attacchi, ma nonostante ciò ha continuato il suo lavoro tra alti e bassi. Certo anche l’azienda dovrà chiarire l’inchiesta che l’ha convolta con i licenziamenti di alcuni dirigenti di Polignano. In un primo momento sembra essere un caso interno, ma secondo alcuni indiscrezioni la vicenda potrebbe avere riscontri molto più grandi che potrebbero coinvolgere anche imprenditori del paese. Noi attendiamo chiarimenti anche su questa vicenda e aspettiamo la sentenza definitiva che mettere un punto definitivo sulla vicenda.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI