Venerdì 03 Aprile 2020
   
Text Size

Gatto ucciso a sassate nei pressi della scuola San Giovanni Bosco

gatto morto

Che Polignano stesse vivendo un momento difficile dal punto di vista di sicurezza tra le vie del paese si è avuta conferma con delle bravate che vi abbiamo raccontato nelle scorse settimane. Vi abbiamo raccontato del furto presso il chiosco all’interno del parco giochi, un gesto che ha fatto solo danni ma che in realtà non ha avuto nessun seguito come anche nessun senso, visto che il chiosco è chiuso da anni. Ma forse la noia che accompagna le giornate dei nostri giovani sta diventando cattiveria, e quando le due cose si uniscono non è mai un buon segno.

Infatti questa volta non è un luogo ad essere stato preso di mira, ma un animale, un essere vivente. A farne le spese stavolta è stato un gatto, barbaramente ucciso a sassate presso la scuola San Giovanni Bosco.

“Come avete potuto fare una cosa del genere”, è il commento di un cittadino che ha pubblicato la foto su Facebook, dando in anteprima la notizia. Inevitabile i commenti di tutti i fruitori del soci la network più famoso al Mondo. Qualcuno ha pure commentato che durante l’aggressione qualcuno del vicinato ha visto e sentito qualcosa e che quindi sarebbe opportuno parlare per arrivare ad individuare gli aggressori. Secondo alcune indiscrezione sembrerebbe che ad eseguire il gesto sia stato più di uno, e che il gesto sembrava proprio una gara a chi riusciva a colpire il povero micio, con l’unica colpa di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato, e soprattutto di avere fiducia negli uomini. A dimostrazione di questo, il gatto era solito vivere in quella zona e a volte accettare anche il cibo lasciato a bordo strada dagli uomini.

La foto che ritrae il povero micio senza vita ha scatenato sul web tanta indignazione e rabbia. In molti sperano che i vigliacchi che hanno compiuto il gesto siano stati ripresi da qualche telecamera presenti in zona e che vengano puniti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI