Sabato 14 Dicembre 2019
   
Text Size

TENTA SUICIDIO: FERMATO DAI CC

tentato_suicidio

Questo pomeriggio, un ragazzo di Polignano, Franco Schena, 32 anni, ha tentato di lanciarsi dal ponte di Lama Monachile. Il comandante dei carabinieri di Polignano, Sergio Tatoli, dall’ospedale di Conversano presso il quale il ragazzo è ora sotto tutela dei medici in stato di ricovero provvisorio, ha confermato che si è trattato di un chiaro tentativo di suicidio.

Provvidenziale l’intervento di un brigadiere della compagnia locale. Franco Schena ha attraversato di corsa il tratto stradale che divide il bar Solarium dalla balaustra sospesa a oltre 20 metri di altezza, ha proteso titubante il capo dalla ringhiera e, secondo le testimonianze dei presenti e del militare, si è sfilato la sciarpa dal collo per bendare gli occhi. Il papà di Franco era all’esterno del bar quando ha assistito sconcertato alla scena. Il carabiniere si è fiondato sul posto per evitare la tragedia. I medici del nosocomio di Conversano l’hanno sottoposto a terapia e, superato un lieve stato di shock, ha ringraziato i carabinieri.

GUARDAVANO INDIFFERENTI A CIO’ CHE STAVA ACCADENDO” - Coraggioso l’intervento di un giovane polignanese che, nell’indifferenza generale degli altri presenti, ha dato manforte al carabiniere fino alla caserma. “Ero in moto - racconta il giovane polignanese - quando il ragazzo si è bendato gli occhi sporgendosi da quella ringhiera ho provato un brivido lungo la schiena. Ho lasciato la moto e ho aiutato il carabiniere. Solo dopo, a caldo ho realizzato che molta gente stava ferma lì a guardare, assisteva alla scena passivamente senza muovere un dito”.

Siamo convinti del fatto che un tentato suicidio sia spesso un tentativo, per quanto estremo, di chiedere aiuto, un aspetto che non dovrebbe mai essere ignorato. E’ fondamentale, in questi casi, il supporto di famigliari e amici per comprendere i motivi che lo hanno spinto a una richiesta di aiuto così estrema. Tuttavia, vogliamo riportare all’attenzione dell’opinione pubblica un fenomeno che troppo spesso fa il paio con l’indifferenza della comunità. Dobbiamo domandarci se le istituzioni locali e i settori preposti non abbiano mai pensato di condurre degli studi seri e approfonditi su questo fenomeno sociale. Possibile che non ci sia mai stato un tentativo di pianificazione programmatica nell’ambito delle politiche sociali?

Il 13 giugno scorso, un nostro concittadino, Pasquale Laselva, presidente dell’Associazione Psicologi Psichiatri cattolici di Puglia, prese parte a un interessante dibattito organizzato a Bari dal giornalista Enzo Quarto: “Diritto di cronaca e deontologia. Il rispetto dei soggetti deboli protagonisti e fruitori dell’informazione”.  Riportiamo uno stralcio da alcune riflessioni di Laselva: “Vi sono degli elementi che anticipano il gesto folle. E’ la fase del presuicidio, una miscela esplosiva di ansia e depressione fa in modo che, con il tempo, le fantasie suicide diventino sempre più precise e concrete. A quel punto iniziano i preparativi e qui subentra il ruolo fondamentale e incisivo dell’informazione”. “Questa gente - ribadì Pasquale Laselva in quell’occasione - spesso ha bisogno di aiuto”. L’indifferenza di una comunità e i facili sensazionalismi adottati dalla stampa non aiutano di certo.

Dall'archivio del nostro giornale riproponiamo l'articolo del dibattito: CLICCA QUI PER LEGGERE

Commenti  

 
#6 A Gamba Tesa 2009-10-12 12:34
era davvero indispensabile ai fini di una corretta informazione, riportare nome e cognome dello sfortunato protagonista di questa storia?
 
 
#5 cittadino 2009-10-10 19:49
mi associo alle parole dette
l'indifferenza di fronte a queste situazioni è l'atteggiamento più disumano che una persona possa esprimere

non dobbiamo dimenticare che facciamo tutti parte della stessa razza animale
a volte solo un filo sottile di circostanze divide la gioia dalla disperata follia;
non esiste niente al mondo che possa dare certezze e sicurezza tale da potersi permettere di essere insesibili dinanzi a situazioni drammatiche , di gente che non sorride piu da tempo con una tristezza che lacera in continuazione la loro anima, che giorno per giorno, sprofonda in una soffocante solitudine

provate solo per un istante ad immedesimarvi in quelle situazioni , vedrete che duole il cuore solo al pensiero

mi fa schifo pensare a quanta superficialità c'è nel cuore della gente

io penso che dietro ad ognuno di noi senza eccezioni , si nasconde un baratro

quindi non siate superficiali quando ci sente una notizia del genere

pensate per un attimo alla sofferenza che si porta dentro
 
 
#4 rembow 2009-10-09 20:27
Con tutto il rispetto che nutro per la drammaticità del gesto...mi sembra quantomeno strano che tutto venga puntualmente rimbalzato alle Istituzioni ree sempre di non rispondere. Quasi si possa sempre essere al corrente di tutti i casi nell'ottica di prevenirli. Dall'articolo Nicola si evidenzia l'indifferenza della gente, di noi polignanesi, moilti dei quali sono passati avanti senza fermarsi o magari pronti al petteglezzo nei bar. Troppo facile criticare sempre le istituzioni, il mea culpa generale mi sembrerebbe nella circostanza più appropriato.
 
 
#3 ladonnaricciano 2009-10-09 16:29
E' assurdo come l'indifferenza sta uccidendo questa nostra società. vorrei sapere se le nostre istituzioni, amministrazioni si preoccupano e se fanno qualcosa per questo problema
 
 
#2 nicolateofilo 2009-10-08 20:22
Bravissima Vittoria. Hai riportato alla luce una pagina nera della nostra storia, finita stranamente nell'oblio delle istituzioni, dei programmi elettorali, dell'agenda politica, delle interrogazioni consiliari, di parte della stampa: nel 2008 solo a Polignano sei suicidi.
Dire poi che "non è colpa mia se...(non continuo perchè sennò rimetto di corsa in bagno)" sintetizza appunto il concetto di indifferenza.

Hai ragione, tutti pensano a organizzare la propria giornata o fare altro, perchè vedi, si ha la sensazione oggi che l'uomo non voglia più riflettere su questi aspetti della vita, spesso liquidati come fossero degli ostacoli, dei paletti che disturbano la "quiete" pubblica, la politica e le istituzioni. A breve mi organizzerò per chiedere una intervista all'assessore Paolo Montalbò.
Grazie e buona giornata.
nicola
 
 
#1 luisi 2009-10-08 18:39
Certamente l'indifferenza di una comunità e i facili sensazionalismi della stampa non aiutano di certo ma è vero anche che è difficile affrontare questo tema e che non sempre ci si accorge degli elementi che anticipano il gesto folle, nel tram tram quotidiano si pensa solo a come organizzare al meglio la propria giornata, e se noti qualcuno a te caro un po giù, pensi solo che sia colpa del lavoro, è un momento...passerà con la fine della giornata, invece..... E'vero Nicola quando accadono questi avvenimenti si corre il rischio di cadere nella sovrabbondanza d'informazione, di dettagli inutili,anche per il chiacchiericcio stesso da bar che solitamente si genera, senza volerlo anch'io ieri sera ero presente e ti dico che ci fu solo chiacchiericcio da bar. Non dimentichiamoci che nel 2008 nella sola Polignano da Aprile a Dicembre ci sono stati sei suicidi e devo dire che le istituzioni non hanno sprecato molte parole in merito,solo qualcuno disse:' non è colpa mia se un fratello ha deciso di dare la propria anima per dispersa....' Vittoria
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI