Domenica 16 Giugno 2019
   
Text Size

TROVATO DELFINO MORTO A SAN VITO

delfino morto polignano

Legambiente: “Si sta tornando a pescare con le bombe”


Negli ultimi giorni abbiamo assistito allo spiaggiamento di delfini morti, su Polignano e Monopoli, cosa può essere successo?

“Le supposizioni sulla morte e sullo spiaggiamento dei due delfini ritrovati sui litorali di Monopoli e Polignano sono tante. Eliche ,reti da pesca ,dinamite usata per la pesca di frodo ed infine ma molto improbabili le ispezioni petrolifere con tecnica AIR-GUN di cui non abbiamo ancora notizie certe sull'inizio attività delle ricerche. Il tursiope ritrovato a Monopoli in zona capitolo presentava evidenti segni di reti da pesca su varie parti del corpo , al contrario della Stenella ritrovata sulla costa di San Vito subito dopo la torre.”

 

Sul corpo si notato macchie di sangue, possono essere stati aggrediti da altri animali?

“Le macchie di sangue presenti sulla Stenella ritrovata a San Vito non sono di certo da attribuire ad altri animali , ma sicuramente allo sfregamento sugli scogli del corpo del mammifero dovuto alla mareggiata dei giorni precedenti al ritrovamento.”

 

Qualcuno ha puntato il dito contro le reti dei pescatori, può essere?

“Sicuramente le reti sono un grosso pericolo per questi mammiferi, reti che dovrebbero essere calate ad una distanza minima di 220 metri dalla costa, ma purtroppo non è la realtà dei fatti, mancano i controlli da parte degli enti preposti ed aumentano i pirati del mare. Amici sub invece ci hanno riferito che in quei giorni durante un'immersione hanno avvertito in acqua dei boati ,questo ci fa pensare e ci riporta negli anni 80/90 quando si pescava con la dinamite.”

 

Cambiando argomento. Qual è la situazione del nostro mare?

“Dagli ultimi rilievi di Goletta verde possiamo affermare che il nostro mare gode di ottima salute ,la scorsa estate infatti dopo una nostra segnalazione per la presenza di schiuma bianca nei pressi della spiaggia di lama Monachile, abbiamo chiesto a Goletta di analizzare la qualità delle acque ed i risultati sono stati molto positivi.”

 

La presenza di delfini è la sicurezza, nell'immaginario sociale che il nostro mare è pulito. Ma la situazione del depuratore ci da un altra immagine, qual è la vostra posizione?

“Sicuramente i delfini sono sinonimo di acqua pulita e ricca di pesce azzurro di cui gli stessi si nutrono ma pare che la situazione del nostro depuratore descritta sui social annulli tutto questo. Gli ultimi rilievi dell'arpa ed i dati in nostro possesso garantiscono la funzionalità dell'impianto di depurazione e la qualità delle acque in uscita dallo stesso ,ma rimangono gli odori emanati dalle vasche specialmente in estate ,odori secondo il nostro parere dovuti a scadenti additivi usati nel trattamento dei fanghi contenenti elevate quantità di materiale batterico putrescibile.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI