Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Pedalò in tempesta, tragedia sfiorata in mare

I pedalï portati in salvo a Lama Monachile

Hanno sfidato il maltempo, nonostante le previsioni e i nuvoloni che si facevano minacciosi all’orizzonte. Eppure hanno continuato a pedalare. Quando si sono accorti che il vento cambiava, e il cielo si oscurava, hanno pedalato alla velocità della luce, ma era troppo tardi per rientrare a Cala Paura. Così sono rimasti bloccati a Grottone, e si sono visti la morte con gli occhi.

È accaduto a quattro pedalò, soccorsi lunedì scorso quando è arrivato l’improvviso, ma lungamente atteso, maltempo. I turisti sono stati soccorsi grazie all’intervento degli abitanti del quartiere Gelso, che li hanno notati in difficoltà e in mare in tempesta. Alcuni residenti hanno contattato la Capitaneria di Porto e un pescatore è intervenuto con il gozzo per trascinarli a riva. Grazie al pescatore, e all’intervento dell’imbarcazione di Michele Serripierri utilizzata per il giro nelle grotte, sono stati tratti in salvo a Lama Monachile, l’approdo più vicino.

Anche questa volta l’intervento di Serripierri è stato provvidenziale e si è evitata una possibile tragedia in mare. “Tempesta! Tempestivi!” – commenta Serripierri tirando un sospiro di sollievo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI