Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

32enne muore di stenti. Indagati i genitori

carabinieri


TEMPO REALE: Indagati i genitori. La conferma dell'ANSA CLICCA QUI

 

Indagano i carabinieri di Polignano sulla morte di ieri di una 32enne, P.M.. La ragazza viveva in casa con i genitori, nei pressi della piazzetta Minerva. I genitori hanno segnalato il decesso in casa ma non si conoscono le cause. Secondo alcune prime ricostruzioni, non si esclude che possa essere morta di stenti.

Non a caso, la famiglia era seguita dai servizi sociali da molti anni, per effetto delle proteste dei vicini.

La ragazza è stata ritrovata in condizioni indigenti e l’abitazione era in una situazione precaria sul piano igienico-sanitario. Non si era esclusa neanche l'ipotesi di un suicidio.

Ieri sera, sul posto c’erano Carabinieri, Polizia Municipale e un numerosi curiosi e vicini accorsi nei pressi dell’abitazione. Poi la bara per accogliere la povera Paola.

Commenti  

 
#19 vito totire 2018-02-04 13:13
Non voglio "insistere" ; 17 commenti per la triste vicenda umana di Paola non sono certo sintomo di indifferenza;
ma ci aspettiamo qualcosa di davvero significativo dalla (pur doverosa) indagine della Procura della Repubblica?
Individuare un "colpevole" allevierà il nostro dolore?
Difficile; occorre fare di più; certo se è stata fatta l'autospia vorremmo sapere ma , soprattutto, dovremmo parlare di come e se è possible fare prevenzione e su come sia possibile cotruire reti di solidarietà sociale.

Vito Totire
 
 
#18 G.G.S. 2018-02-01 14:20
Auspichiamo e chiediamo che si costituisca anche il Comune di Polignano a mare. Il settimanale "La voce del paese" di sabato scorso ha riportato la dichiarazione di una dipendente assunta il 1998 e che indossa la divisa di P.M.! Costei, ha precisa domanda, ha detto di aver saputo della esistenza della povera P. Manghisi, morta di fame e stenti e lasciata sola ed abbandonata per moltissimi anni dall'irresponsabilità e deficienza della famiglia e dall'irresponsabilità o dallo scarica barile di vari enti pubblici e personale al momento ignoto, solo a settembre-ottobre 2017! La magistratura sta indagando, aspettiamo fiduciosi e con speranza che i responsabili vengano chiaramente identificati e paghino per quel che non hanno fatto per salvare quella povera ragazza!
 
 
#17 vito 58 2018-01-21 07:22
Non è possibile che il sindaco non sapeva!
 
 
#16 vito totire 2018-01-19 21:47
Quello che ho sentito a Chi l'ha visto è impressionante;non so se le indagini penali-pur doverose sul comportamento dei genitori-daranno un grande contributo a sanare le ferite che la comunità ha subito a causa della morte di Paola; mi ha impressionato il discorso del parroco per le sue doti di compassione e di autocritica; ha parlato delle nostre fragilità ed ha parlato molto bene; io sono uno psichiatra e dico che troppi segnali sono stati sottovalutati; che Paola soffrisse di anoressaia o di altre problematiche , comunque non abbiamo saputo aiutarla; bisognava "sfondare" una porta? Bisognava avere capacità e volontà di essere buoni samaritani, non come fanno le istituzioni per le quali il "problema" esiste se è un problema di "ordine pubblico" , se invece è un problema di sofferenza...non è altrettanto importante...
Faccio appello a tutti e in particolare anche al parroco: si dia continuità agli interrogativi e al ricordo di Paola perchè questa tragedia possa indurci da oggi a non essere più indifferenti;
propongo che al trigesimo venga rispettata una giornata di lutto e-ripeto-si dia vita una associazione nel nome di Paola Manchisi con l'intento di prevenire ulteriori sofferenze.

Vito Totire
 
 
#15 vanità 2018-01-17 19:38
troppi selfie e pochi fatti.
 
 
#14 Vito 58 2018-01-16 11:01
Il 27 gennaio viene celebrato il giorno dell'Olocausto, il 6 gennaio noi polignanesi dovremmo celebrare il giorno della vergogna: a partire dal sindaco (non sentiva la puzza dal suo mega B&B? pecunia non olet!)all'ultimo dei nostri concittadini che sapevano e non hanno fatto il loro dovere. Vergogna!
 
 
#13 x assurdo 2018-01-16 09:40
il sindaco dorme a casa sua. Lei dove dorme ?
 
 
#12 assurdo 2018-01-12 12:41
Ma il sindaco che ha pratiacmante il suo albergo al interno della casa della ragazza.. nn sapeva niente ? non sentiva niente ?
mah
 
 
#11 polignanese 2018-01-11 11:52
"indagati i genitori"....e il fratello ?
 
 
#10 mimmo 2018-01-10 10:20
Naturalmente non sfuggirà a giustizia divina chi consapevolmente poteva e non ha fatto nulla. Ti accolgano gli angeli sorella in Gesù e Maria, sicuramente ci hai perdonato tutti e preghi per noi. Deo gratias et Maria.
 
 
#9 vito totire 2018-01-09 20:17
Sono addolorato dalla notizia; vogliamo sapere cosa è successo ; non si può fare confusione tra suicidio , morte per stenti e (asserita) assenza dei servizi sociali;
tutte le persone colpite dalla notizia potrebbero collegarsi tra loro e cercare di fare qualcosa insieme per la prevenzione;
davvero , fateci sapere e dedichiamo un ricordo a Paola, se possibile, anche una associazione.

 
 
#8 G.G.S. 2018-01-09 17:01
"Per anni hanno rifiutato l'intervento -dei servizi sociali del Comune di Polignano a Mare- a tutela di questa povera ragazza disabile". Qualcuno e la magistratura spieghino come mai nessuno ha messo in moto le procedure per la perdita della patria potestà? Questo risultato le avrebbe consentito di avere le cure e le attenzioni dovute e, quasi sicuramente, le avrebbero salvato la vita!
 
 
#7 Morta di stenti 2018-01-09 05:34
Tutti sapevano e nessuno ha fatto niente. Tutti alla ricerca del colpevole ma mi piacerebbe capire chi ha fatto qualcosa conoscendo il problema? Dobbiamo cercare il colpevole? Tutti quelli che non hanno aiutato la famiglia; una società basata sul cellulare - INCREDIBILE. Spendiamo soldi a cellulari etc. e nulla per aiutare persone in seria difficoltà salvo poi cercare il COLPEVOLE: prima di parlare sarebbe opportuno guardarsi allo specchio.
 
 
#6 G.G.S. 2018-01-08 15:14
Ecco un gravissimo episodio per cui sarebbe utile sapere come funzionano i nostri servizi sociali! Al di la delle chiacchiere e delle vanità esibite sui mass media -che spero vorranno approfondire con un inchiesta seria e non con veline di comodo- ed in ogni occasione pubblica dagli ass.ri che si passano il testimone lasciando intatti o quasi le problematiche delle varie e diverse asocialità che nascono, crescono e maturano nel paese e nelle sue fasce più deboli. Questa povera ragazza è stata vittima di chi e di che cosa? RIP.
 
 
#5 Indiscreto 2018-01-08 14:51
Polignano sapeva di questa situazione....ma chi se ne frega!!intanto una ragazza è morta .Adesso mi chiedo ,se è vero che la famiglia era seguita dai servizi sociali come può essere accaduto questo?Chi ha fatto finta di nulla ,ora si prendi le sue responsabilità.
 
 
#4 Enza 2018-01-08 14:18
Se fossero stati davvero seguiti dai servizi sociali, ciò non sarebbe accaduto. Purtroppo la burocrazia prevarica la vera necessità. Comunque... Chi ne ha la responsabilità, deve rispondere di mala gestione del caso.
 
 
#3 polignanese 2018-01-08 12:37
se erano seguiti dai servizi sociali come essi svolgono il loro lavoro???hanno fatto il dovuto che sia faþo giustizia non si può morire così giovane.
 
 
#2 Annella 2018-01-08 11:53
Morire di stenti sotto gli occhi di tutti...una vergogna per un paese.
Vorrei capire chi è stato disattento, bisogna che ci dia una spiegazione. Polignano ha fama di essere accoglientemi lascia basita.
 
 
#1 servizi asociali 2018-01-08 09:57
Dove sono i servizi sociali? Come è stato possibile questo? QUalcuno deve rispondere del caso..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI