Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

REC.OIL, STORICO ACCORDO CON IL COMUNE

raccolta_oli_da_cucina_640_x_300

Un passo avanti per la nostra città verso le forme di economia pulite e rinnovabili.

La gioia di Angelo Palazzo è incontenibile.

E’ fatta, è ufficiale. C’è l’accordo tra il Comune di Polignano a Mare e la società Rec.Oil che si occupa della raccolta di oli vegetali esausti.

Dopo due mesi di prova, quando l’attesa cominciava a farsi insostenibile, è arrivata la felice novella. I due giovani imprenditori polignanesi passeranno alla storia per aver combattuto e vinto una battaglia dopo mesi di duri sacrifici. Il servizio di raccolta oli esausti farà onore alla nostra città e si spera possa dare una spinta nel campo dell’economia alternativa, pulita e rinnovabile.

Vi aggiorneremo nelle prossime ore su ulteriori dettagli circa il contratto di convenzione che legherà per un anno il comune alla ditta Rec.Oil.

Entusiasmo e soddisfazione. Angelo Palazzo, uno dei due soci, trattiene a stenti la gioia, incontenibile. Ha contattato subito la redazione per annunciare la notizia. Nelle settimane scorse la dott.sa Maria Centrone, Comandante della PM, aveva rilasciato delle dichiarazioni che facevano ben sperare. Si prevedeva una manovra di bilancio che avrebbe poi definitivamente convinto l’ente a siglare l’accordo per continuare a credere in questo grandioso progetto.

COME FUNZIONERA’ IL SERVIZIO - Non si prevedono sostanziali modifiche rispetto ai due mesi di sperimentazione del servizio. I ritiri verranno effettuati ogni giovedì del mese dalle ore 9.30 alle ore 12.00 e dalle ore 14.30 alle ore 17.00. Nelle prossime ore saremo in grado di fornirvi ulteriori dettagli.

I ritiri anche su prenotazione telefonica (per quantitativi non inferiori a 5 lt. Telefonando al numero 3315942890 dal Lunedì al Giovedì dalle ore 8.00 alle ore 12.00 o mediante segnalazione al locale Comando di Polizia Municipale (tel. 080/4240014);

Sarà possibile conferire tale rifiuto in contenitori di qualsiasi tipologia forma e provenienza purché in materiale plastico (per esempio manichette, bottiglie, contenitori di detersivi liquidi, ecc.).

SCOPRI CHE FINE FA L’OLIO USATO DI CUCINA E L’IMPORTANZA DEL RICICLO

Commenti  

 
#5 francesco bovino 2009-12-07 18:15
No alle multe! mi dispiace ma sono contrario, in quanto questo solletica gli appetiti, già famelici delle amministrazioni in questi nostri tempi. vuoi un esempio?
circolare in auto inquina ma se paghi e fai il permesso da 600 euro l'anno puoi circolare(leggi inquinare). questo succede nella gran parte delle nostre grandi città. si alla sensibilizzazione da parte degli amministratori con interviste, cartellonistica , buon esempio e altro. Io credo che i risultati, se non ottimali, sarebbero certamente migliori. I Polignanesi non sono nè migliori nè peggiori degli altri!
 
 
#4 Gordian 2009-12-07 10:40
X Angela:
Hai ragione, ma qualche associazione c'ha provato, io personalmente raccolgo ogni giorno le carte che i bambini lasciano per la strada , ovviamente loro non hanno nessuna colpa ma vedere le strade, solo in pochi minuti, di nuovo sporche dopo che si è appena effettuata la pulizia da parte degli operatori è ogni giorno una sconfitta. La verità è che la qualità dell'ambiente interessa veramente a pochi. Su una cosa sono certo; bisogna instruire a dovere il polignanese perchè il livello di ragionamento è molto mediocre. E poi... è davvero molto diffuso tra i bambini il "ce m'n freick a mei", questa storia deve finire perchè i problemi maggiori li avranno proprio loro, quindi non mi resta che dire di partire con l'educare i genitori di questi poveri bambini.
 
 
#3 angela 2009-12-06 21:21
caro Gordiam consentimi di non essere completamente d'accordo con te. Il problema esiste ed è enorme ma con le multe si recupera solo qualche spicciolo. Il sistema c'è ma e molto lento e laborioso: occorre smuovere le scuole dagli asili alle scuole dell'obbligo ma anche su questo argomento la scuola a Polignano è distratta e distante. Insegnare ad un bambino la raccolta differenziata vuole educare tutta la famiglia ad effettuarla (per esperienza personale), fissare orari per la raccolta prima occorre pubblicizzarla al massimo e poi.......punire. Per il rispetto del prossimo è un brutto momento, l'aria che tira è quella del mors tua vita mea, ma non bisogna demordere passiamo dalle parole ai fatti facciamo noi quello che pretendiamo dagli altri, rispettiamo le strisce, gli stop, le file, ma non illudiamoci non ci sono scorciatoie la cultura non si vende al mercato
 
 
#2 Gordian 2009-12-05 16:54
Sono daccordo con quanto dici ma, l'educazione in questo paese deve partire dalle istituzioni perchè qui sono duri a capire, di conseguenza la sensibilizzazione è tempo sprecato visto il livello di intelligenza poco sviluppata dei cittadini. Bisogna multare tutto ciò che non và bene, da bambini che gettano via le carte per la strada fino ad arrivare alle cose più serie come può essere la raccolta di oli vegetali esausti.
Purtroppo senza questi gesti estremi, come può essere una multa, la gente non capisce, non perchè non ha intenzione di capire ma perchè non comprende l'importanza di certe cose. In altri paesi magari basterebbe la sensibilizzazione da parte di associazioni ambientaliste. Nel caso in cui non fossi riuscito a farmi capire nelle righe precedenti, il problema è sempre uno e cioè l'educazione e il rispetto per gli altri.
Cercate di rispettare l'ambiente perchè questo stesso ambiente ve lo potreste ritrovare contro molto presto. Ovviamente quest'ultima frase era una sensibilizzazione di cui sono certo che servirà a ben poco.
 
 
#1 francesco bovino 2009-12-05 12:32
finalmente una bella notizia! un grande " in bocca al lupo" a questi ragazzi che hanno pensato di "far soldi" aiutandoci a antenere il nostro pianeta piu' pulito... faccio appello alla sensibilita' dei miei concittadini. spero che non ci facciamo prendere da quell'indolenza tutta polignanese del " che me ne frega a me!!!!" il mondo dei nostri figli sara' come noi glielo lasceremo. Qusta volta saremo bravi, come bravi sono stati Angelo Palazzo e socio e per una volta, l'amministrazione che ha saputo cogliere quest'opportunita'! adesso tocca a noi!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI