Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

FESTA DELL'ALBERO E DEGRADO SUL LUNGOMARE COLOMBO

festaalbero1_640_x_300

Ieri mattina, alle 9.30, in zona Sant’Anna Vagno abbiamo assistito alla  piantumazione di alberi nella piazza verde centrale da dove partirà il progetto del nuovo parco comunale, in occasione della Festa dell’Albero.

Alla manifestazione avrebbero dovuto partecipare i ragazzi del 1° e 2° Circolo Didattico e della scuola media Sarnelli-De Donato. La pioggia ha smorzato un po’ i toni della festa, organizzata da Legambiente Circolo Hippocampus, con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Polignano, comando di Polizia Municipale, Comando Stazione Forestale di Monopoli.

Festa dell'Albero è una campagna di sensibilizzazione Legambiente patrocinata da: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; Corpo Forestale dello Stato; Dipartimento della Protezione Civile; Anci; Federparchi; Upi.

AMBIENTE E VERDE PUBBLICO - “Un giorno - spiega Vito Montalbò di Legambiente - in cui grazie alla Festa dell’Albero del nostro Circolo Hippocampus, ogni angolo grigio e brutto delle nostre città può essere pennellato di verde”.

In quel di Sant’Anna Vagno, luogo ancora da valorizzare e integrare al resto della città, abbiamo assistito alla messa in dimora di nuove piantine, arbusti, semi e fiori colorati. La Festa dell’Albero per principio è l’iniziativa che vede impegnati cittadini di ogni età, scuole, amministrazioni e aziende, a partire da un piccolo gesto concreto per l’ambiente, in una grande missione: rendere gli spazi, le città e i territori che viviamo più respirabili, belli e rigogliosi. E ridurre l’effetto serra. Trasformare la città in giardino: rimodellare e abbellire zone dimesse o dimenticate e contribuire così alla salvaguardia dei delicati equilibri naturali, creando piccole oasi e isole di biodiversità.

Foto Legambiente Circolo Hippocampus Polignano

http://picasaweb.google.it/redazionepolignanoweb/Anno2009?authkey=Gv1sRgCJitzJjkz4Thag&feat=directlink
festalbero

Vito Montalbò lancia un appello al rispetto dell’ambiente e a una nuova concezione degli spazi pubblici: “Ognuno di noi, nel proprio piccolo e in prima persona, può fare qualcosa per contrastare l’effetto serra e i mutamenti climatici. Lo si può fare risparmiando energia, facendo la raccolta differenziata, muovendosi in modo sostenibile, usando le energie rinnovabili, facendo scelte di consumo sostenibili”. Aspettando il Natale, si possono intanto acquistare alberi artificiali, possibilmente in materiale biodegradabile, quanto più resistente per poterlo riutilizzare negli anni.

IL VERDE DIMENTICATO AL MACELLO - Parlando di ambiente, verde pubblico, città giardino, qualcuno, forse, ha però dimentica cosa sta accadendo alle aiuole e ai giardini sul lungomare Cristoforo Colombo, nei pressi del campo sportivo Madonna d’Altomare. Una lenta e costante agonia. Le aiuole sono ricettacolo di erbacce, feci di cane, sterpaglie e qualche volta immondizia. Le promesse, negli ultimi anni, si sono sprecate. Ora che il museo d’arte contemporanea nell’ex mattatoio dovrebbe essere pronto, tutto l’ambiente circostante, desolato e abbandonato, stride con quella che è destinata a essere l’ennesima cattedrale nel deserto. Per non parlare del ponte di collegamento tra Largo Ardito e Cristoforo Colombo: doveva essere inaugurato quest'estate, e invece niente. Vi riproponiamo, dal nostro archivio, le riprese del 10 maggio del 2009, data in occasione della quale intervistammo il consigliere Focarelli. Ecco come si presentava lungomare Cristoforo Colombo, sbandierato come aree verde di Polignano, e come si presenta oggi, a distanza di sette mesi:

Commenti  

 
#2 passavo di qua 2009-11-30 17:19
A proposito di alberi....che fine hanno fatto le palme spiantate qualche giorno fà su via P. Sarnelli?
 
 
#1 bludipintodiblu 2009-11-30 00:49
l'interesse dei polignanesi nei confronti dell'ambiente è così alto che persino in un giornale alternativo come questo non si trova un solo commento a questi scempi!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI