Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

4 NOVEMBRE: IL DISCORSO DI BOVINO

4novembrecopertina_410_x_200

La guerra, il terrorismo, i giovani e il futuro, la memoria storica.

BOVINO: "Combattere per un territorio e dei valori non è un fatto astratto"

4 novembre nel ricordo dei caduti delle guerre e per dire "basta alla guerra". L’amministrazione comunale, al completo, davanti al monumento simbolo di tutte le guerre si è riunita stamane in piazza con scolaresche, insegnanti e forze dell’ordine per deporre la corona d’alloro.

“Oggi bisogna portare avanti il valore altissimo della pace in tutto il mondo” - ha esordito il primo cittadino, Angelo Bovino, dopo il minuto di raccoglimento. “Lo dobbiamo - ha aggiunto, sfiorando appena il capitolo terrorismo - a quei popoli che hanno appena iniziato un percorso di democrazia”.giuntacomunale4novembre

I GIOVANI E LA MEMORIA STORICA – Mancano i giovani all’appello. Ci si consola con i più piccoli delle scuole elementari, guidati dal vicesindaco Beatrice De Donato e dalle insegnanti. “Questa festa la celebriamo coinvolgendo soprattutto voi - ha sottolineato Bovino rivolgendosi a loro - oggi solo in pochi possono ricordare quei tristi momenti di guerra”. Poi un pensiero ai genitori e agli educatori: “Questi bambini devono essere stimolati a guardare lontano, nei cuori. Devono sapere che tutto ciò che abbiamo oggi è frutto di sacrifici. Il 4 novembre è una giornata importante in una società troppo materialista come quella attuale, che ci fa correre e dimenticare”.

I GIOVANI E IL FUTURO - Per il sindaco di Polignano i giovani, nella nostra società, hanno altre preoccupazioni, ma, avverte: “esiste un territorio, esistono dei valori. Combattere per un territorio non è un fatto astratto, ma concreto”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI