Giovedì 19 Maggio 2022
   
Text Size

Idrogeno verde dal Marocco: una soluzione per l'Europa

h2

Marocco e Germania hanno deciso il rilancio del progetto dell’idrogeno verde avviato nel 2020.

La realizzazione di questo obiettivo è stata al centro dell’incontro, nei giorni scorsi, tra il ministro degli Affari esteri marocchino, Nasser Bourita, e il ministro tedesco della Cooperazione e dello sviluppo economico, Svenja Schulze.

I due ministri hanno accolto con favore il fatto che «la cooperazione tedesca allo sviluppo aspiri a sostenere, ancor più di prima, una transizione verso le energie rinnovabili in Marocco», ponendo particolare enfasi sullo «sviluppo di un’economia a idrogeno verde». Hanno riaffermato, in questa occasione, «il comune interesse ad intensificare la cooperazione in particolare in questo ambito».

Ricordiamo che il 10 giugno 2020 a Berlino, Marocco e Germania hanno firmato un accordo per lo sviluppo dell’idrogeno verde. Esso prevede che il Marocco, attraverso l’Agenzia marocchina per l’Energia Solare (Masen), si unisca al ministero tedesco per la Cooperazione economica e lo Sviluppo per condurre progetti congiunti di ricerca e investimento nell’uso dell’idrogeno, che fa parte integrate degli obiettivi di neutralità energetica della Germania per il 2045. Si ricorda che l’Agenzia internazionale per le energie stima che le potenzialità del Marocco nella produzione mondiale dell’idrogeno verde può raggiungere il 6%.

WhatsApp Image 2022-03-29 at 09.32.19

Il Marocco è considerato uno dei Paesi leader mondiali dell’impianto delle energie rinnovabili. La produzione elettrica attuale proveniente da fonti rinnovabili è di 42% e si spera di superare il 52% nel 2030.

Anche la Francia ha mostrato grande interesse nelle potenzialità del Marocco. Total annuncia un investimento di 10 miliardi di euro nella zona del Sahara marocchino. Peraltro la società nordamericana Soluna Technologies ha annunciato un investimento di 2,5 miliardi di dollari in un parco eolico nella città marocchina di Dakhla.

Resta ora da osservare che cosa farà l’Italia per provare a smarcarsi ancor di più dal gas russo approfittando dei rapporti ottimi che il nostro Paese ha con la Nazione nordafricana anche grazie al lavoro diplomativo dell'Ambasciatore del Regno del Marocco in Italia, Youssef Bell e di Vincenzo Abbinante (nella foto sotto), Console Onorario del Regno del Marocco in Italia.

 

WhatsApp Image 2022-03-29 at 09.33.00

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/