Venerdì 29 Maggio 2020
   
Text Size

Misure restrittive prolungate fino al 13 aprile

conte

Ognuno di noi ha sperato fino alla fine che il presidente del consiglio Giuseppe Conte, iniziasse a dare il via libera per l’apertura di alcune attività, anche se in minima parte o solo alcuni settori. Nonostante la curva dei contagi si fosse stabilizzata, non è il momento di allentare la presa. Anzi, proprio questo è il momento in cui bisogna mantenere la calma e stringere i denti fino al 13 aprile. Sia chiaro, questo non vuol dire che dal 14 aprile potremo tornare alla vita di tutti i giorni. Probabilmente ci sarà un piccolo e graduale apertura di alcune attività, ma niente sarà come prima. Il pericolo di una ricaduta è dietro l’angolo e l’Italia non si può permettere un ulteriore stop delle attività e della vita sociale, sarebbe la fine definitiva di un’intera nazione.

I morti sono “una ferita che mai potremo sanare: non siamo nella condizione di poter allentare le misure restrittive e alleviare i disagi e risparmiarvi i sacrifici a cui siete sottoposti”, le parole del Presidente Giuseppe Conte durante la conferenza stampa. “Non siamo nelle condizioni di dire che il 14 aprile allenteremo le misure – afferma il Premier - Quando gli esperti ce lo diranno, entreremo nella fase 2 di allentamento graduale per poi passare alla fase 3 di uscita dall’emergenza, della ricostruzione e del rilancio”. “Ci rendiamo conto che vi chiediamo un ulteriore sforzo, ma se noi smettessimo ora, se iniziassimo ad allentare queste misure, tutti gli sforzi sarebbero vani.” L’ultimo appello alla nazione.

Ma durante la conferenza stampa il Premier Conte è tornato a chiarire la questione che ha creato molti disguidi in Italia. Una nota del Viminale parlava di dare libero accesso ad un solo genitore per portare il proprio figlio a fare una passeggiata. Su questo Conte è stato categorico, “Non abbiamo affatto autorizzato l'ora del passeggio coi bambini. Abbiamo solo detto che quando un genitore va a fare la spesa si può consentire anche l'accompagno di un bambino. Ma non deve essere l’occasione di andare a spasso e avere un allentamento delle misure restrittive.”

Il Garante dei Minori della Regione Puglia Ludovico Abbaticchio, è intervenuto in merito alla notizia, “le regole sugli spostamenti non cambiano, ha specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore ed in prossimità della propria abitazione. Le motivazioni consentite sono solo ed esclusivamente, per spostamenti dovuti a motivi di necessità o di salute. Non c'è alcun allentamento dei controlli.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI