Venerdì 15 Novembre 2019
   
Text Size

Polignano dice ‘no’ alla mafia

img-0607d6d08461d5a126c55d7eaee7d2a8

L’Amministrazione Vitto aderisce ai “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale”

A luglio 2017, la Regione Puglia ha approvato l’Avviso pubblico “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale”. L’obiettivo è promuovere iniziative di sensibilizzazione e di educazione alla cittadinanza attiva: imparare a dire “no” alla mafia attraverso progetti di rigenerazione sociale ed urbana. Il tutto mobilitando risorse pubbliche e del privato sociale.

Requisito obbligatorio per accedere all’avviso regionale era la costituzione di Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) tra operatori del terzo settore e enti pubblici destinatari di beni confiscati alla mafia.

In osservanza a tale vincolo, la Cooperativa putignanese “Herbora SCS” ha presentato al Comune di Polignano la richiesta di partecipazione all’ATS, denominata “ATS Herbora SCS - Capofila”, per la realizzazione del progetto “Comunità disegnano insieme coscienze e conoscenze responsabili”. L’intervento, articolato in tre anni per un importo complessivo di 450mila euro, prevede “la realizzazione di processi formativi sulla legalità, laboratori di manualità, cantieri formativi, attività di sensibilizzazione, forum e workshop”.

L’Amministrazione Vitto ha ritenuto di aderire all’iniziativa, valutando l’alto profilo della progettualità, intesa a “a dar forza alla lotta alla criminalità, anche organizzata, sul piano culturale ed educativo, oltre che giudiziario”.

Il progetto viene candidato all’avviso regionale e, esattamente un anno dopo, a luglio 2018, la Regione Puglia lo approva, finanziandolo con poco più di 427mila euro. Con delibera di Giunta dello scorso 2 ottobre, si è dunque confermata l’adesione del Comune di Polignano all’Associazione Temporanea di Scopo “Herbora SCS - Capofila”, autorizzando il sindaco a sottoscriverne l’Atto Costitutivo.

L’intervento comporta una quota compartecipazione da parte del Comune pari a 4.500 euro, somma che l’Amministrazione onorerà fornendo beni e servizi già in dotazione all’Ente e l’apporto di risorse umane già in carico al Comune. Parallelamente, riceverà un finanziamento di circa 2.600 euro, vincolati alla realizzazione delle azioni di comunicazione e promozione e di quant’altro è previsto dal progetto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI