Lunedì 24 Febbraio 2020
   
Text Size

Polignano premiata ancora una volta con la ‘bandiera blu 2019’

bandiera-blu

Ecco i criteri e le fasi da valutazione per l’assegnazione del premio

Il riconoscimento dalla Foundation for Environmental Education (FEE) che quest'anno giunge alla 33esima edizione, premia la qualità delle acque di balneazione, il turismo sostenibile, la gestione dei rifiuti l'efficienza della depurazione e la valorizzazione delle aree naturalistiche.

La bandiera blu è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 e che viene conferito ogni anno in 49 paesi europei ed extraeuropei. L'obiettivo principale è quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose località verso un processo di sostenibilità ambientale. La Bandiera Blu ha valore solo per l’anno nel quale viene assegnata. Può essere rimossa in qualsiasi momento se si dovessero concretizzare i presupposti per tale provvedimento. Una spiaggia deve rispondere a tutti i requisiti per poter avere il prestigioso riconoscimento.

Entriamo nel dettaglio per capire realmente come viene assegnata la bandiera blu e quali sono i criteri da seguire.

Si parte dalla qualità delle acque:

  • La spiaggia deve rispettare pienamente i requisiti di campionamento e frequenza relativamente alla qualità delle acque di balneazione
  • La spiaggia deve rispettare pienamente gli standard ed i requisiti di analisi relativamente alla qualità delle acque di balneazione
  • Conformità alle Direttive sul trattamento delle acque reflue e sulla qualità delle acque di scarico. Nessuno scarico di acque reflue (urbane o industriali) deve interessare l’area della spiaggia
  • La spiaggia deve rispettare i requisiti di Bandiera Blu per i parametri microbiologici
  • La spiaggia deve rispettare i requisiti di Bandiera Blu per i seguenti parametri fisici e chimici.

Poi si passa a valutare la gestione ambientale:

  • L’Autorità Locale / Operatore balneare dovrebbero istituire un Comitato di Gestione della Spiaggia
  • L’Autorità Locale / Operatore balneare devono rispettare tutte le normative relative alla ubicazione e al funzionamento della spiaggia -
  • Le aree sensibili vicino ad una spiaggia Bandiera Blu richiedono una gestione speciale, per garantire la conservazione e la biodiversità degli ecosistemi marini;
  • La spiaggia deve essere pulita
  • Vegetazione algale o detriti naturali devono essere lasciati sulla spiaggia
  • Sulla spiaggia devono essere disponibili cestini per i rifiuti in numero adeguato che devono essere regolarmente mantenuti in ordine;
  • Sulla spiaggia devono essere disponibili contenitori per la separazione dei materiali della raccolta differenziata
  • Sulla spiaggia deve essere presente un adeguato numero di servizi igienici o spogliatoi
  • I servizi igienici o spogliatoi devono essere mantenuti puliti
  • I servizi igienici o spogliatoi devono avere lo smaltimento controllato delle acque reflue. Le acque di scarico devono essere allacciate al sistema fognario o recapitate in contenitori a tenuta stagna da svuotare in maniera appropriata
  • Sulla spiaggia deve essere fatto rispettare il divieto di campeggio, di circolazione ad autoveicoli o motoveicoli e deve essere proibito ogni tipo di discarica;
  • L’accesso in spiaggia di cani e di altri animali domestici deve essere strettamente controllato;
  • Tutti gli edifici e le attrezzature della spiaggia devono essere mantenuti in buono stato;
  • Gli habitat marini e lacustri (come la Barriera corallina o le praterie di Posidonia) presenti in prossimità della spiaggia devono essere monitorati
  • Mezzi di trasporto sostenibili devono essere promossi nell’area circostante la spiaggia

Altro punto di valutazione sono i servizi e sicurezza:

  • Un numero adeguato di personale di salvataggio e/o attrezzature di salvataggio deve essere disponibile sulla spiaggia;
  • L’equipaggiamento di primo soccorso deve essere disponibile sulla spiaggia;
  • Piani di emergenza per i casi di inquinamento o rischio per la sicurezza ambientale devono essere predisposti;
  • Deve essere prevista la gestione di diverse utenze e differenti usi della spiaggia in modo tale da prevenire conflitti e incidenti;
  • Misure di sicurezza per la tutela dei bagnanti devono essere attuate e libero accesso deve essere garantito al pubblico;
  • Una fonte di acqua potabile deve essere disponibile sulla spiaggia;
  • Almeno una spiaggia Bandiera Blu per ogni Comune deve avere accesso e servizi per disabili fisici.

Dopo di che si passa alle varie fase che portano poi alla proclamazione finale con l’assegnazione della bandiera blu.

La prima fase è un’attività preliminare, con il quale ogni comune partecipa alla selezione compilando un questionario completo di risposte in ogni sua sezione e corredato di tutti i supporti documentali richiesti, nei termini prescritti.

La seconda fase è “pre-analisi dei questionari”. In questa fase, effettuata d’ufficio da personale della FEE Italia, sotto la responsabilità dell’Operatore Nazionale e del Presidente della Commissione, viene verificata l’idoneità per l’accesso alla valutazione della Commissione Tecnica Giudicante. In particolare, viene verificata la completezza delle risposte ai quesiti riportati nelle varie sezioni del questionario, nonché l’idoneità e l’esaustività dei documenti allegati.

La terza fase riguarda le analisi e valutazioni delle risposte ai quesiti del questionario. Le sezioni del questionario da analizzare vengono aggregate in quattro gruppi di tematiche omogenee, al fine di utilizzare al meglio le competenze specialistiche dei membri della Commissione nelle specifiche materie. Essi, pertanto, si dividono in 4 sottogruppi di lavoro. In particolare:

1° gruppo: acque di balneazione, depurazione delle acque (sezioni C e D);

2° gruppo: certificazione ambientale, gestione dei rifiuti (sezioni H e E);

3° gruppo: turismo, spiaggia, pesca professionale (sezioni J, B e L);

4° gruppo: educazione ambientale ed informazione, iniziative per la sostenibilità ambientale (sezioni F e G).

Ciascun gruppo di lavoro assegna un voto alle singole tematiche sulla base delle risposte riportate nel questionario, alcune delle quali, obbligatoriamente, supportate da idonea e veritiera documentazione.

SEZIONE B
Per questa sezione, il criterio di assegnazione del punteggio prende in considerazione tutta una serie di fattori, quali la presenza di componenti naturali sulla spiaggia che ne aumentino il valore paesaggistico, l’adeguatezza delle infrastrutture ed attrezzature di spiaggia, nonché del soccorso e della sicurezza, la conduzione, da parte degli stabilimenti balneari, di una corretta gestione ambientale e la predisposizione di dispositivi per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

SEZIONE C
Solo le località, le cui acque sono risultate eccellenti nella stagione precedente possono presentare la candidatura. È per tale motivo che per poter procedere nella valutazione, tutte le analisi devono rientrare negli standard FEE

SEZIONE D
La valutazione di questa sezione avviene con il supporto della documentazione tecnica allegata: scheda esplicativa dell’impianto e/o degli impianti schema a blocchi dell’impianto o degli impianti potenza max. installata dell’impianto o dei singoli impianti;

SEZIONE E
La valutazione di questa sezione avviene con il supporto della documentazione allegata, ossia del MUD (Modello Unico di Dichiarazione) in formato cartaceo, che le singole amministrazioni comunali sono obbligate per legge a compilare annualmente per indicare quantità dei rifiuti raccolti, tipologia e luogo dove gli stessi vengono riciclati (impianti di riciclo) ovvero smaltiti (discarica o termovalorizzatore).

SEZIONE F
In questa sezione devono essere riportate un minimo di 5 iniziative di educazione ambientale/progetti o programmi intrapresi dal comune o dalla spiaggia candidata che siano rivolte alle scuole, ai giovani residenti o turisti ma che soprattutto permettano al comune di crescere e migliorarsi anche attraverso buone pratiche ambientali.

SEZIONE G
Per le iniziative volte a migliorare la vivibilità del territorio, è previsto un voto massimo di 12,5 punti, da attribuire in considerazione di alcuni parametri che incidono direttamente ed immediatamente sulla qualità della vita della popolazione residente e di quella turistica.

SEZIONE H
Punti di attuazione Sistema di Gestione Ambientale e definizione Programma di Miglioramento Ambientale, Possesso certificazione ambientale ISO 14001, Possesso di certificazione ISO/EMAS da più di tre anni

SEZIONE J
Per questa sezione, il criterio di assegnazione del punteggio (da un minimo di 1 ad un massimo di 10 punti) si basa considerando il corretto rapporto tra flusso turistico e ricettività, sia essa intesa come numero di alberghi o seconde case. Il Comune deve garantire la presenza di strutture adeguate per ospitare i turisti, ma nello stesso tempo il flusso turistico non deve causare un impatto negativo sul territorio comunale.

L’ultima fase consiste nell’approvazione dell’idoneità e le verifiche in loco da parte di osservatori FEE.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI