Giovedì 25 Aprile 2019
   
Text Size

Posidonia: rimuoverla e avviarla al compostaggio

posidonia polignano

L’invito della consigliera La Ghezza all’amministrazione Vitto

La costa del Comune di Polignano a mare anche quest’anno ha subito gli effetti della posidonia spiaggiata che non consente una piena fruizione del demanio marittimo “pubblico” dovuto soprattutto agli effetti della decomposizione di queste biomasse vegetali che diventano sgradevolmente odorosi. In particolare ciò accade sul litorale di Cozze Nere, spiaggia dedicata alla libera e pubblica balneazione, specialmente per i polignanesi, che risulta invasa da queste biomasse al punto da non consentirne l’accesso al mare.

“Una situazione insostenibile e che è visibilmente peggiorata con la realizzazione dell’ampliamento del porto turistico – commenta Maria La Ghezza (M5S) – Ovviamente non vi è una certezza scientifica di causa-effetto ma è ciò che tutti i polignanesi hanno potuto constatare in questi anni. In vista dell’oramai prossima stagione turistica, ho presentato una interrogazione all’Amministrazione Vitto per invitare il Comune a provvedere alla rimozione delle biomasse vegetali perché il rifiuto insiste in area libera non oggetto di concessione a terzi”.

Le “Linee Guida per la gestione delle Biomasse Vegetali Spiaggiate”, infatti, precisano che le biomasse vegetali spiaggiate sono inquadrabili fra “i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua”, rientrando di fatto nella categoria dei rifiuti urbani. Questa particolare tipologia di rifiuti, pertanto, secondo l’interpretazione della stessa Regione Puglia parrebbe più coerentemente associabile, anche per loro stessa natura, nella definizione che include nei rifiuti urbani “i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali”. Le stesse Linee Guida, infine, stabiliscono che ai concessionari è fatto obbligo di intervenire limitatamente alla spiaggia in concessione e, pertanto, toccherebbe al Comune liberare le altre aree dalla posidonia.

“Ricordiamo che la normativa comunitaria e nazionale in materia attribuisce un notevole valore ecologico alla posidonia perché contribuisce a proteggere le spiagge dall’erosione – continua Maria La Ghezza (M5S) – È una riserva trofica e una fonte di carbonio e nutrienti nonché costituisce l’habitat naturale per molti organismi, favorendo la formazione delle dune embrionali. Ciò, però, va conciliato con quelle che rappresentano le esigenze dei bagnanti polignanesi e della fruizione turistica dei litorali. La circolare n. 8123/2006 dispone tre possibili strategie di intervento: mantenimento in loco delle banquettes, spostamento degli accumuli in altre zone della medesima spiaggia o in altre vicine, rimozione permanente e trasferimento in discarica.

Quest’ultima opzione è la modalità dai costi maggiori – prosegue la portavoce 5 Stelle – sia in termini economici sia ecologici, interamente a carico della collettività in misura sia diretta sia indiretta; da realizzarsi solo quando nessun’altra soluzione è attuabile. In realtà, però, una ulteriore alternativa con una modalità di gestione eco-compatibile delle biomasse spiaggiate è stata realizzata, nell’ambito dei progetti Life+, proprio dal vicino Comune di Mola di Bari. Il progetto PRIME (Posidonia Residues Integrated Management for Ecosustainability) finanziato dalla Comunità Europea ha previsto l’impiego agronomico della posidonia.

Insomma, come si faceva un tempo ma con delle linee guida ben precise per avviare a compostaggio questa biomassa senza gravare sulle tasche dei cittadini. Una opzione che proponiamo all’Amministrazione Vitto dal 2015 – conclude La Ghezza (M5S) – ma sinora è rimasta inascoltata”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI