Lunedì 15 Luglio 2019
   
Text Size

Il depuratore è tornato a emanare le sue puzze

area per depuratore

Domenico Pellegrini: “Si intervenga il prima possibile”

“Nei giorni scorsi, la città di Polignano ha potuto vivere un assaggio di primavera, soltanto per pochi giorni, come se appunto la primavera fosse arrivata in anticipo. Le belle giornate di sole però sono state brutalmente rovinate dai miasmi del depuratore, che è tornato a farsi sentire già dal primo caldo. I cattivi odori si sono potuti sentire in tutta la parte sud di Polignano e hanno messo in allarme i residenti della zona, che sui social hanno manifestato tutta la propria preoccupazione. “Il problema depuratore è tornato a farsi sentire – spiega il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Forza Italia – i cittadini giustamente sono in stato di allarme. Le puzze e i miasmi per i residenti della zona non sono certo una novità, negli ultimi anni la situazione era diventata davvero insostenibile”. Per molto tempi, i cittadini che abitano nei pressi del depuratore erano costretti a vivere all’interno delle proprie abitazioni con le finestre chiuse anche d’estate, come dei reclusi. L’aria davvero irrespirabile aveva anche portato i residenti a costituire un comitato e a rivolgersi alla troupe di Striscia la Notizia per fare appello alle autorità competenti affinché fossero presi i dovuti provvedimenti.

Il problema sembrava risolto, ma gli ultimi episodi hanno fatto breccia nuovamente tra i residenti. “Facciamo appello al Comune di Polignano, all’Acquedotto Pugliese, alla Regione Puglia affinché venga presa in carico questa situazione e vengano accertati degli eventuali difetti nel funzionamento del depuratore – continua il consigliere Pellegrini – e all’Arpa che metta in campo di nuovo le operazioni di monitoraggio dell’aria. Se già con il primo caldo tornano a farsi sentire le puzze, cosa ci dovremmo aspettare quest’estate? Questo depuratore rappresenta una ferita per tutta la città di Polignano”.

A tal proposito, il consigliere Pellegrini torna a parlare anche dell’iter di spostamento del depuratore. “Dopo aver raggiunto l’accordo con il comune di Polignano, quali sono gli altri passi in avanti fatti dall’Amministrazione polignanese e da quella regionale? E’ ormai risaputo che l’attuale depuratore non è in grado di soddisfare tutto il territorio polignanese perché è sottodimensionato. Con l’aumentare dei flussi turistici è importante velocizzare il trasferimento. Ci vorranno certamente tanti anni ma è importante aggiornare la popolazione sui tempi e sul luogo di realizzazione del nuovo impianto consortile. Queste domande sono ad oggi ancora senza risposta. Non vorremmo che lo spostamento del depuratore fosse solo un’illusione”.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI