Sabato 25 Maggio 2019
   
Text Size

Dopo Conversano anche Mola si lancia alla conquista della costa polignanese

Parco dei trulli

Si torna a parlare della costa di Ripagnola, già approvato dalla Regione Puglia e conseguentemente dal comune di Polignano a mare il progetto per un creazione turistica-alberghiero a monte della statale, mentre la parte a mare sarà caratterizzata da aree a parcheggio pubbliche, ripristino dei trulli esistenti con conseguente area verde attrezzata. Progetto che non convince per niente il gruppo nato a tutela di quell’area nominato “pastori della costa”.

Ora in supporto arriva anche la sezione locale del partito socialista della sezione di Mola di Bari. Da qualche anno un Comitato spontaneo di cittadini dei nostri territori, denominato “I Pastori della costa”, si è reso promotore di un’iniziativa per l’istituzione di una Riserva naturale Regionale nel territorio costiero a Nord di Polignano a Mare e fino a Cozze, in località “Ripagnola”. La riserva, specie nel tratto a valle della S.S. 16, consentirebbe la salvaguardia di un habitat naturale ancora intatto, unico e ultimo tratto di costa ancora primigenio in Terra di Bari. Tutelare questi pregiati luoghi è una condizione necessaria e indispensabile per conservare un ambiente naturale, da preservare secondo metodi ecosostenibili, e da valorizzare a fini ambientali e turistici.

Per queste ragioni è stata avanzata, da tempo, proprio dal gruppo dei “pastori della costa” con consequenziale richiesta alla Regione Puglia per il riconoscimento del valore ambientale di tale tratto di costa e per legiferare l’istituzione del PARCO RIPAGNOLA, quale Riserva Naturale regionale.

“Le Amministrazioni comunali del Comune territorialmente competente e di tutti quelli contermini – si legge nel comunicato - ma riterremmo non solo, per i benefici del brand turistico Puglia, in generale, e della Terra di Bari, più in particolare, possono e devono giocare un ruolo importante e, per alcuni versi, determinante per conseguire tale obiettivo. Sarebbe allo scopo utile e necessario far votare nei rispettivi Consigli Comunali un ordine del giorno finalizzato a richiedere alla Regione Puglia di rendere finalmente operativo tale progetto, con apposita legiferazione in materia. Chiediamo, pertanto, - conclude il comunicato - che il Consiglio Comunale e l’Amministrazione si rendano in proposito parte attiva e deliberino un apposito O.d.g. da rimettere, in tempi ragionevoli, alla Regione Puglia.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI