ANTENNA A SAN GIOVANNI: SCOPPIA POLEMICA

antenna_san_giovanni_1

NUOVA ANTANNA DI TELEFONIA A SAN GIOVANNI AUTORIZZATA

L'ANAS chiede spiegazioni. Focarelli: "Dov'è finito il piano delle antenne?"

Da quattro giorni circa una nuova antenna di telefonia mobile sovrasta l’intera area della stazione di servizio Agip, all’altezza dell’hotel Castellinaria, ben visibile già dal ristorante Tuccino. L’antenna possiede regolare autorizzazione rilasciata dall’Ufficio Tecnico comunale in data 19 giugno 2009. La base è stata costruita solo una quindicina di giorni fa.

IL PIANO ANTENNE - L’antenna, dunque affonda le radici su suolo privato, motivo scatenante delle polemiche che antenna_san_giovanni_2stanno montando nelle ultime ore. Angelo Focarelli, consigliere all’opposizione, tira fuori dalle carte un piano delle antenne adottato nell’ultimo biennio Di Giorgio.

Il consigliere vuole vederci chiaro e accusa l’amministrazione comunale: “che fine ha fatto il piano dell’antenna che approvammo all’epoca?” - si domanda perplesso - “L’Ufficio Tecnico ha rilasciato autorizzazione su suolo privato, in presenza di un piano antenna che prediligerebbe un sito pubblico. Il comune ha agito in deroga alla regolamentazione”.

Poi l’affondo; Focarelli non lesina altre bordate verso l’attuale primo cittadino, a conferma del clima pesante a Palazzo di Città: “Con Bovino sindaco si tornano a mettere antenne su suolo privato, come aveva del resto fatto nel suo precedente mandato. Un’antenna vicino alla spiaggia bandiera blu...”.

CENTRONE: "ATTENDO UNA RISPOSTA" - “C’è già una corrispondenza in atto tra il mio Comando, l’ANAS e l’Ufficio Tecnico”. Così, la comandante della Polizia Municipale di Polignano, Maria Centrone, in partenza per il convegno a Riccione. “Attendo le carte da due giorni. L’Anas ritiene che non siano state rispettate le norme di distanza. Ma, d’altro canto, è stato già fatto un sopralluogo e ci sono delle perplessità sulla norma, perché troppo tecnica, in particolare la seconda. Infatti, ci sarebbero due norme, una sulla distanza delle antenne rispetto alle costruzioni, mentre le altre sono normative specifiche per le strutture verticali, le ultime delle quali non sono mai state applicate. Prima di fare dei verbali ho chiesto, quindi, dei chiarimenti”.