Lunedì 24 Febbraio 2020
   
Text Size

Avviate le procedure per lo spostamento del depuratore

Cala Incina

Dopo la lettera congiunta inviata dai sindaci di Polignano a Mare e Monopoli alla Regione Puglia ed alle Autorità idriche Pugliesi, l'Assessore regionale Giannini ha accolto positivamente le richieste del comune di Polignano a mare relative allo spostamento dei rispettivi depuratori attraverso la realizzazione di un unico impianto consortile, lontano dai centri abitati, con la contestuale dismissione degli impianti depurativi attualmente in servizio.

L’opera sarà da compiere in maniera consortile con un elevata rilevanza strategica e con un positivo impatto ambientale. Il nuovo depuratore potrebbe nascere all’interno degli agri di confine dei comuni tra Polignano a mare e Monopoli, lontani dalle coste. Sarà dunque importante trovare una giusta area in modo da implementare l’appeal turistico, migliorando fruibilità e salubrità dell’aria vicina ai centri abitati.

L'Assessore Giannini ha riconosciuto la necessità insita nelle ragioni espresse dai comuni, manifestando una piena volontà politica della Regione di assecondarle. Ha inoltre reso noto ai rappresentanti dei due comuni che l'Ing. Andrea Zotti, dirigente della sezione risorse idriche della Regione Puglia, sta già introducendo questa previsione nell'aggiornamento del piano di tutela delle acque e che, chi di competenza, è già all'opera nel reperimento delle economie necessarie alla realizzazione.

Il nuovo depuratore avrà il recapito finale nel mare Adriatico, tramite condotta sottomarina, e dovrà provvedere la possibilità di riuso agricolo/industriale e civile dei reflui consegnati. Unica richiesta avanzata dall'Assessore, nei confronti delle amministrazioni di Polignano a mare e Monopoli, è stata quella di collaborare con l'autorità idrica pugliese, al fine di individuare un sito condiviso dove allocare il nuovo impianto.

Vuoi vedere che distruggeranno questo paradiso terrestre?

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI