Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Xylella fastidiosa: è allarme anche a Polignano?

xylella

Torniamo a parlare della Xylella fastidiosa che è diventata un vero e proprio incubo per tutta la Puglia. Seppur al centro di studi e ricerche da anni, al momento non ci sono soluzioni definitive. Soltanto poche settimane fa, la Regione Puglia aveva stipulato una convenzione con l’ARIF, l’Agenzia Regionale per le Attività Irrigue Forestali, che si era impegnata nella terza fase di monitoraggio del territorio pugliese con l’intento di verificare la presenza o meno del batterio nei territorio di Foggia, Barletta-Andria,Trani, Bari, Brindisi e Taranto.

L’ARIF aveva scritto al Sindaco Vitto, chiedendo collaborazione per le operazioni di monitoraggio sul territorio Polignanese, partite nello scorso mese di novembre.

Allo stato attuale, è noto che ben 75 sono i nuovi focolai individuati in Puglia dai nuovi monitoraggi dell’Arif, ma si attendono gli esiti dei campioni prelevati da una vasta area che va da Carovigno a Polignano. Se soltanto la metà risultasse positiva, ci sarebbero i presupposti per considerare la piana degli ulivi quasi del tutto persa. Sarebbe un vero e proprio incubo per tutto il territorio barese.

Un ulivo situato nelle campagne tra Monopoli e Castellana Grotte è stato ritrovato infetto al batterio da quarantena della Xylella fastidiosa. Una delle possibili conseguenze della scoperta potrebbe essere l’estensione della zona di contenimento ancor più a nord, e pertanto nel territorio di Polignano

Eppure porta addirittura la data del 17 maggio 2018 la mozione depositata dal Movimento 5 Stelle Polignano che impegna l’Amministrazione ad istituire, nel quadro organico delle strutture comunali, un permanente Ufficio Agricoltura che rappresenti un punto di riferimento per gli imprenditori agricoli, coltivatori diretti, o semplici contadini, con dotazione organica idonea allo svolgimento delle funzioni in materia agricola.

“Uno strumento fondamentale ora che l’allerta Xylella è oramai alle porte di Polignano – dichiara la consigliera La Ghezza (M5S) – l’emergenza rende ancor più impellente ed opportuno che il Comune si doti, finalmente, di personale qualificato che possa gestire un reale Ufficio Agricoltura ed interfacciarsi con gli uffici regionali e nazionali competenti in materia. Del resto – conclude la portavoce 5 Stelle – avremo assistito ad almeno 3 campagne elettorali di fila in cui centrosinistra e centrodestra promettono questo servizio agli agricoltori e ai cittadini. Forse è proprio giunto il momento di passare dalle parole ai fatti. Cosa aspetta il Presidente De Donato a calendarizzare la nostra mozione?”.

La situazione è davvero preoccupante e non si può più far finta di nulla. E’ una situazione che va presa di petto, è fondamentale organizzare momenti di informazione attraverso seminari e tavole rotonde con l’obiettivo di informare tutti i nostri agricoltori.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI