Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Un encomio per il Maresciallo Maggiore Domenico Pagano

DOMENICO PAGANO (1)

“Spiccato intuito investigativo, alto senso del dovere e non comune spirito di sacrificio”. Con queste doti specifiche è stato riconosciuto l’ENCOMIO dal comando Legione carabinieri “Puglia” al maresciallo maggiore Domenico Pagano.

DOMENICO PAGANO (2)

Fra le tante operazioni di servizio emergono gli arresti ai rapinatori di banca( Rapina la banco di Napoli di Polignano a mare in data 25 luglio 2000 con l’arresto di pericolosi rapinatori del brindisino, ma anche la rapina alla banca popolare Pugliese di Polignano a mare il 12 settembre 2008 con arresto di pericolosi rapinatori di Andria.

Gli viene riconosciuto anche l’impegno al contrasto del fenomeno della detenzione e spaccio di stupefacenti, anche a livello internazionale, tra questi primeggia il recupero di 14 kg di droga allo stato puro effettuato il 6 luglio 2009 con il successivo arresto di 47 persone per traffico internazionale di stupefacenti.

Al maresciallo Pagano gli è stato riconosciuto anche l’impegno nelle indagini per l’omicidio dell’anziana donna avvenuto il 7 maggio del 2010, nel centro storico di Polignano a mare, con la conseguente cattura della coppia di coniugi autori dell’efferato delitto.

Per ultimo, ma solo per una questione di date e che gli ha permesso di ricevere l’ambito encomio dal comandante della Legione Puglia, per aver scoperto il tentato omicidio in danno di un cittadino di Mola di Bari con la motivazione: "Addetto al nucleo operativo e radiomobile di compagnia distaccata operante in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità, con tenace abnegazione e notevole capacità professionale, forniva determinante contributo a complessa attività investigativa che consentiva di individuare e trarre in arresto due persone". Responsabili di un tentato omicidio di un pregiudicato e di sottoporre a sequestro una pistola con matricola abrasa.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI