Domenica 16 Giugno 2019
   
Text Size

Meraviglioso Natale e suolo pubblico

Meraviglioso Natale 2018 (4)

Pellegrini risponde all’assessore La Volpe

Non si è fatta attendere la risposta del consigliere di Forza Italia Domenico Pellegrini sulla questione suolo pubblico all’assessore Francesco La Volpe.

La scorsa settimana ci siamo occupati del caso del suolo pubblico non pagato dall’organizzazione dell’evento Natalizio.

L’assessore La Volpe ha chiarito che la questione è sotto controllo e il Consigliere Pellegrini ha violato la privacy chiedendo nel dettaglio se l’organizzazione avesse versato la quota spettante.

Meraviglioso Natale 2018 (3)

Il consigliere Pellegrini chiarisce: “Ho chiesto l’accesso agli atti al Comune di Polignano a proposito dell’occupazione di suolo pubblico dell’evento “Meraviglioso Natale”. Questa è la risposta che il dott. Nico Vitto, dirigente comunale, mi ha dato: “in risposta alla Sua nota prot. N. 40427/2018 si comunica, preliminarmente, che agli atti non risultano effettuati pagamenti della Tassa de qua. Si fa presente, di più, che, allo stato, non risultano pervenuti, dai competenti uffici (Polizia Locale e/o SUAP competenti al rilascio), atti di concessione e/o autorizzativi necessari ad occupare temporaneamente il suolo pubblico indicanti la durata dell’occupazione, misura dello spazio concesso nonché condizioni alle quali si subordina la concessione medesima. E’ pleonastico sottolineare, oltre a ciò, che per l’Ufficio Tributi, i suddetti, sono dati essenziali per la preventiva quanto corretta quantificazione della tassa dovuta dal soggetto organizzatore l’evento “Meraviglioso Natale – Il Villaggio di Natale e le Luminarie Artistiche a Polignano a Mare”. Ad ogni buon conto, come di consueto, sarà garantito dall’Ufficio Tributi, il pedissequo quanto ossequioso rispetto dalle leggi e regolamenti vigenti in materia, circa l’assoggettamento a tassazione delle occupazioni temporanee del suolo ed aree pubbliche sebbene non autorizzate e/o di fatto”.

La replica del consigliere Domenico Pellegrini: “la trasparenza costituisce livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni pubbliche. Inoltre, la trasparenza viene intesa come accessibilità totale, secondo quanto definito nell’art. 117, secondo comma, lett. m. della Costituzione. Nella mia richiesta non c’è stata alcuna violazione della privacy, non ho chiesto dati sensibili, ovvero informazioni delicate attenenti alla sfera privata delle persone: quali ad esempio salute, abitudini sessuali, convinzioni religiose, politiche, sindacali, filosofiche, origine razziale ed etnica o ancora informazioni giudiziari. Secondo il D. Lgs. n. 196/2003, queste sono le informazioni sensibili per le quali è previsto il diritto alla privacy. Con il mio gruppo siamo soliti agire sempre secondo cognizione di causa. E’ nel pieno diritto non solo del mio ruolo, ma anche come semplice cittadino chiedere l’accesso agli atti”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI