Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

A che punto sono i controlli sui B&B di Polignano?

GDF controlli B&B

Puntare ad un turismo di qualità anche attraverso controlli più serrati, in grado di stanare gli irregolari così da “incidere positivamente sull’economia locale”. Nonché “salvaguardare gli operatori turistici onesti e tutelare allo stesso tempo anche i nostri ospiti”.

Queste le parole del Sindaco Domenico Vitto il 30 luglio scorso, giorno della sigla del protocollo d’intesa con il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Generale Nicola Altiero. Con l’obiettivo di effettuare mirati controlli fiscali ed amministrativi nei confronti di soggetti privati, ditte individuali o società che gestiscono attività di Bed & Breakfast, Affittacamere e Case Vacanze.

Da allora sono trascorsi 3 mesi e mezzo, un periodo clou per la “stagione turistica” di Polignano. Ed è per questo che la consigliera comunale Maria La Ghezza (M5S) ha presentato all’indirizzo del Sindaco Domenico Vitto (nonché assessore al turismo e proprietario egli stesso di strutture ricettive e B&B) per “sapere se l’esecuzione dei controlli a campione nei confronti delle strutture presenti sul territorio cittadino è stata effettivamente eseguita ed in che misura nonché quante attività sono risultate, alla luce dei controlli, inadeguate sotto il profilo normativo”. Dalla risposta all’interrogazione si potrà finalmente conoscere, almeno in parte, lo stato di salute del comparto ricettivo di Polignano e decidere, pertanto, le prossime mosse strategiche nel settore turistico. “Sebbene, preme ricordarlo – conclude La Ghezza (M5S) – l’unica compagine politica a presentare una vera e propria strategia turistica, messa nero su bianco, nell’ultima campagna elettorale sia stato il Movimento 5 Stelle. Mentre dall’Amministrazione Vitto assistiamo ad eventi e soluzioni spot ma a nulla che delinei una visione di come si sogna la Polignano del futuro”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI