Sabato 20 Luglio 2019
   
Text Size

LETTERA APERTA A GIALLUISI GIUSEPPE SANTE

penna1

INDIGENI E QUERELE: LETTERA APERTA A GIALLUISI GIUSEPPE SANTE EX CONSIGLIERE COMUNALE

Gentile Gialluisi Giuseppe Sante,

Le scrivo in merito al commento di “Indigeno” che ha suscitato una Sua reazione, a mio avviso esagerata.  La scelta di molti commentatori di restare nell’anonimato è concessa da noi di Polignano Web come da tantissimi altri giornali on line, e anche se il mio più profondo rispetto va in direzione della gente che trova il coraggio di esporsi facendo seguire nome e cognome alle loro idee, non ritengo del tutto condannabile chi si nasconde dietro un nikname, anzi Le dirò che questa prassi dell’anonimato fa un po’ l’effetto del vino, liberando verità che diversamente sarebbero state se non celate, quanto meno elaborate in altro modo. L’anonimato disinibisce chi scrive e abbatte l’autocensura.

Il secondo punto che vorrei chiarire è che quando si è un personaggio pubblico, o anche solo una persona che lavora esponendo idee, pensieri, azioni come succede anche a noi che scriviamo gli articoli, sbagliando a volte, il fatto di essere sottoposti alle critiche è cosa del tutto normale, e penso che un reale interesse nei confronti del proprio lavoro imporrebbe agli interessati di vivere le critiche come strumenti di confronto e importanti osservazioni che possono indicarci una strada che non avremmo diversamente previsto verso il miglioramento.

Se si soffre di sindrome di irritabilità forse sarebbe meglio non fare “cittadinanza attiva”, né politica: è scontato che ci si vada a sottoporre al giudizio dei cittadini, che nel caso di occupazioni in ambito amministrativo hanno il sacrosanto diritto di dire quello che vogliono, perché durante gli anni in cui Lei è stato consigliere comunale, il Suo - se pur ridottissimo stipendio - è stato pagato con i nostri soldi.

La terza osservazione che vorrei muoverLe è che il post in questione non mi sembra affatto offensivo e a muovere una querela farà senz’altro meno fatica “Indigeno”, visto che a fronte di una responsabilità politica che Le viene attribuita con toni per niente lesivi Lei invece gli attribuisce degli aggettivi che mi sono sembrati quanto meno esagerati: (“Politicamente e culturalmente sei penoso, sciocco, qualunquista, al soldo dei signorotti del luogo? Sguazzare nel letamaio dei loro retrobottega, godendo delle briciole delle loro malefatte ti fa sentire eroe?”). Tra l’altro, l’anonimato non Le consente di conoscere la vita del diretto interessato e quindi di esprimere considerazioni che siano veritiere e non semplici calunnie. A meno che Lei non sappia chi si celi dietro quel nickname.

Quarta e ultima cosa, dopo questa ho finito. A mio avviso sarebbe bastato che Lei rispondesse con i fatti alle accuse che Le venivano mosse. Questa mania di impugnare azioni legali a destra e a manca ci evoca un personaggio della nostra show-politik nazionale che ci sembrava lontano anni luce dal Suo modo di intendere la vita e la politica. Con queste Sue esternazioni ci ricorda che i politici sono tutti uguali e che basta sfiorarli anche solo con il pensiero, perché essi trovino la via della ribellione andando ad impugnare la calunnia, la mancanza di rispetto, la querela. Cosa dobbiamo fare Signor Gialluisi Giuseppe Sante, dobbiamo trovarci tutti un buon penalista????

Le vorrei chiedere di aver più pazienza, per il ruolo che lei ancora ricopre all’interno della comunità polignanese, di essere meno pignolo, o se vuole esserlo mi auguro che avrà il buon gusto e la coerenza di esserlo nei confronti di tutti, perché sfogliando i commenti mi è sembrato di leggerne alcuni molto, ma molto, ma molto più borderline rispetto a quello in questione;  su quelli né i diretti accusati, né il “Cittadino attivo” si sono sentiti in dovere di processarne l’autore o di esprimersi con i toni da Lei usati.

Sicura di una Sua celere risposta sull’argomento, e sperando che questa mia non diventi anch’essa oggetto di querela, La saluto augurandoLe buon lavoro e un rapido rinsavimento.

Cordiali Saluti.

Manuela Martignano

Commenti  

 
#9 Lindigeno 2009-09-14 12:09
Gentile Nicola,
mi sembri una persona preparata e soprattutto equilibrata, ma toglimi una curiosità cosa è cittadinanza attiva???
Mi spiego meglio...tranne che nei post di polignano web non ho trovato in rete nulla su tale associazione!
Da chi o da cosa nasce tale associazione?? quali sono i fini di "cittadinanza attiva"? Al di là degli esposti e delle denunce cosa ha organizzato? Come si sostiene e quanti soci annovera? Come ci si iscrive?
Ora in merito al confronto ripeto che non devo confrontarmi con nessuno perchè la mia codivisione della lettera del sig.Gialluisi (non dell'ex consigliere) è totale!!!
Ritrovarci per una Polignano migliore...sono daccordo ma solo dopo che "cittadinanza attiva" avrà risposto alle mie domande dimostrando la totale assenza di legame a qualsiasi partito passato o presente!
Un caro saluto a tutti...l'indigeno!
P.S. si continua a fare un gran baccano sull'anonimato...il "popolo" della rete condivide delle nuove identità costituite dai "Nick" dietro i quali ci sono le reali identità!!! Non si tratta di anonimato ma di "soprannomi"!!!
Il popolo "virtuale" proprio perchè staccato dalle logiche "terrestri" comunica e si conosce tramite "Nick"!!!
Chi come spesso accade su polignano web non è abituato alla rete confonde le identità di rete per anonimato...non è così!!!
 
 
#8 nicola menna 2009-09-09 22:49
Cara Manuela, ho appena letto l'articolo in questione la corretta, dal punto di vista della linguistica, risposta nel post di indigeno e l"arrabbiata" risposta dell'articolista.
Mah! in tanti anni di politica e non da ex ma da militante non avevo mai sentito tanta acredine per una semplice opinione.
Forse la suscettibilità dell'articolista è dovuta al fatto che in qualche ambiente polignanese qualcuno alzi la testa ed esprimi opinioni.
Non mi scandalizzo se come si asserisce "indigeno" sia al soldo di qualcuno, sguazzi nei retrobottega, perchè ha comunque espresso la sua opinione, il suo pensiero e questo è già tanto in una comunità abiutuata all'allevamento degli struzzi. Una domanda però vorrei fare all'articolista: invece della redazione o della piazza per un incontro perchè non incontrarci tutti per un dibattito nella sede di "cittadinanza attiva"? Vedo che gli articoli (così come i post) vengono scritti in terza persona allora mi auguro di non trovarmi dinanzi ad un novello Mago Otelma ma al cospetto di un'organizzazione plurale e davvero laboriosa per il bene di Polignano
 
 
#7 nicola menna 2009-09-09 22:36
Cara Manuela, innanzitutto onde evitare ho messo nome e cognome così non vi è nessun problema nel riconoscermi.
Quoto la tua lettera, le tue intenzioni in tutto.
Non entro qui nell'ambito dell'articolo di cui parli, devo ancora leggerlo.
Io sono uno di quelli che la politica la fa anche muro contro muro quando qualcosa davvero non va ma, per arrivare a ciò prima devo aver prodotto una seria autocritica poi aver compiuto una critica costruttiva del pensiero altrui così da proporre una reale proposta alternativa. Ecco, penso che quel che manca nella nostra polignano (posso permettemi di dire nostra vero?) è proprio questo. La serietà di schierarsi, incidere con scelte serie e motivate essere presenti e vigili al controllo delle cose.
Ma a Polignano ancora non si può ancora si sceglie di stare lì al centro della disputa così da cadere da una parte e dall'altra alla prima occasione.
 
 
#6 sgomento 2009-09-09 21:22
Indigeno, non giustificarti troppo...tanto non ti querela. Non ci sarebbero le basi per farlo! A parte che se lo facesse, allora potresti contro-querelarlo tu...e per te si che ci sarebbero le basi. Quindi sta tranquillo e scrivi pure ciò che vuoi, con i modi rispettosi che hai sempre usato. Pre fortuna esiste ancora la liberta di esprimere il proprio pensiero.
 
 
#5 Lindigeno 2009-09-09 17:33
Caro gino lo spazzino...credo che anche tu sarai querelato!!!
Apparte gli scherzi...voglio spiegare meglio le intenzioni e le motivazioni del mio intervento che non sono ribadisco contro il sig.Gialluisi ma contro il suo firmarsi "ex consigliere"!!!
Purtroppo negli ultimi trentanni la nostra politica (intesa come la politica italiana) ha prodotto solo "mostri" i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti.
Personalmente non metto in dubbio nessuna delle lotte e delle denunce condotte dal'ex Consigliere ma quali sono stati i risultati...mi chiedo è stato abbattuto quelcuno dei mostri edilizi? gli esposti alla procura sono andati avanti e che risultati hanno prodotto?
Ripeto il mio intervento era rivolto esclusivamente alla firma "ex consigliere" perchè evocatrice di un "sistema" che personalmente vorrei vedere rivoluzionato dal basso senza nostalgia alcuna.
Ritengo che le idee devono essere avvalorate dalle persone non dagli "ex consiglieri o ex segretari di partito o ex assessori ecc..." di ex ne abbiamo fin troppi in Italia.
Certo non mi sarei mai aspettato una simile reazione al mio intervento ma soprattutto non mi sarei mai aspettato delle "oscenità" come quelle scritte dall'ex consigliere, evidentemente troppo legato al sistema ed al passato.
 
 
#4 vitostoppa 2009-09-09 17:00
caro dott. gialluisi

non si scaldi tanto o meglio non si attapiri.. lei ogni volta fa critiche a destra e manca su ogni situazione che sia polita o non, ed alla prima contro una sua opinione tira fuori azioni legali... come diceva un noto attore, "ma mi faccia il piacere..!!"
mi dica lei di buono politicamente cosa ha fatto!!!?, cosa ha creato!!!?
di costruttivo cosa ha realizzato!!!?. lei fa parte dei tanti volta bandiera che abbiamo sul territorio, la sua fortuna o meglio la nostra fortuna è che non ha avuto la possibilita' di riproporre nei consigli comunali i suoi monologhi politichesi.
basta con questi personalismi difattisti e per benisti, Polignano ha bisogno di fatti non "Pugnette".

complimenti manuela ed ora che mettiamo su una voce vera del paese.
 
 
#3 Lindigeno 2009-09-07 11:34
Grazie Manuela,
mi hai tolto le parole dalla penna...
Nei miei commenti non penso di essere mai stato offensivo con nessuno men che meno con la persona in questione...ovviamnte mi rendo conto che per un "politico" vecchio stampo è difficile mantenersi al passo con i tempi...
Il sig.Gialluisi mi invita ad un confronto nella vostra redazione...ma su cosa mi dovrei confrontare con lui visto che il mio commento in questione cominciava con:"caro Gialluisi bravo...tutto condivisibile!"???
Personalmente senza giustificazione alcuna aborro qualsiasi forma di violenza fisica e verbale e sinceramente vista la "spropositata" e quanto mai offensiva reazione dell'ex consigliere (come si è firmato lui stesso) avrei timore ad incontrarlo.
Cari saluti a tutti voi della redazione e a tutti gli internauti!!!

P.S. "Aborro" non è una parolaccia...ma è un sinonimo di "rifiutare"!!!
scusate la precisazione ma non si sa mai...!!!
 
 
#2 Rini 2009-09-07 02:18
Salve Gialluisi mi dispiace vedere come è rimasto in dietro con il tempo il Web non è come la "carta". Penso che sia normale avere un nick in un contesto Web. Trovo antiquato anche il suo sistema di fare politica.....muro contro muro!!! Gli anni 60 sono passati da 40 anni........ e poi veramente "questa mania di impugnare azioni legali a destra e a manca ci evoca un personaggio della nostra show-politik nazionale" è veramente triste. Meglio aggiornarsi con i tempi!!
Cordiali saluti Olof
 
 
#1 Nathan Never 2009-09-06 23:01
Non posso far altro che quotare!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI