Lunedì 25 Marzo 2019
   
Text Size

BICICLETTE IN STAZIONE

velostazioni

Il progetto bocciato dalla Regione era su un territorio non comunale

La possibilità di accedere a dei finanziamenti regionali resta per l’amministrazione un’occasione che non andrebbe mai sprecata.

Usiamo il condizionale perché di treni passati e non presi ce ne sono stati, e questi avrebbero rappresentato un fondo al quale accedere per la realizzazione di progetti importanti.

Il piu recente del quale, possiamo riportarvi l’esempio, è la realizzazione delle velostazioni, progetto che avrebbe cambiato il volto del nostro paese dandogli un taglio altamente innovativo a favore della mobilità sostenibile nella stazione ferroviaria.

La bocciatura già precedentemente preannunciata ora è definitiva, pubblicata sul bollettino regionale lo scorso 11 ottobre, malgrado il ricorso intentato dall’amministrazione.

Le cause sono da riscontrare nell’assenza della titolarità della proprietà del fondo sul quale il progetto era destinato a realizzarsi.

 

Biciclette in stazione: un progetto da 300 mila euro.

Il progetto presentato dal valore di 300 mila euro necessari per la realizzazione avrebbe permesso a Polignano di avere un stazione ferroviaria con una zona di stallo per le biciclette, videosorvegliata e sensori che indicassero la presenza di posti liberi nelle stesse postazioni della velostazione. Un’ innovazione per chi certamente viaggia o si sposta in bici, in questo modo saremmo stati in grado di offrire delle comodità e un servizio che avrebbero certamente incentivato uno stile di vita salutista e piu ecosostenibile, lasciando a casa l’auto e non solo un ottimo modo per fare economia.

 

Progetto bocciato perché su un’area non comunale.

Sulla questione non resta indifferente il consigliere Domenico Pellegrini il quale afferma: “che ci stessimo facendo sfuggire un’occasione importante non era di certo un mistero, questo lo avevo già preannunciato.

Non solo abbiamo perso un importante finanziamento che avrebbe contribuito alla realizzazione di un progetto importante e innovativo, ma le motivazioni per il quale la proposta è stata bocciata fanno terribilmente riflettere e arrabbiare.

Parliamo di spreco se pensiamo al fatto che l’amministrazione ha presentato e proposto alla Regione la realizzazione di un progetto su un’area della quale non è titolare, e non credo che questo dettaglio fosse certo un mistero.

Sono stati spesi circa 12 mila euro per realizzare il progetto, insomma un vero e proprio inconfutabile fallimento da associarsi alla presenza delle inutili e deludenti vuote postazioni per il bike sharing, idealmente avviato nel nostro paese”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI