Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

Multe in via verdi. PUM nel caos

PUM via Verdi Polignano

Domenico Pellegrini denuncia: “È la dimostrazione che il PUM non funziona
e andrebbe annullato”


Per dirla con una famosa citazione dovremmo raccontarvi della quiete dopo la tempesta.

È quanto accaduto nelle precedenti settimana in Via Verdi (alle spalle del Comando della Polizia Municipale) raggiungendo l’apice in questi ultimi giorni per poi risolversi tutto (momentaneamente) grazie a delle variazioni decisionali apportate al Piano Urbano della Mobilità (PUM).

L’oggetto del malcontento nella zona riguardava la poca chiarezza per quanto riguarda i posti auto assegnati ai residenti della zona.

Per spiegarvi con semplicità quanto accaduto, dobbiamo fare un attimo un passo indietro e ricordare quello che da anni è ormai un dato inconfutabile, ovvero la presenza in quella via di circa 8 posti auto destinati ai residenti del centro storico, contrassegno AP.

Ora, risaputo che i medesimi con quel contrassegno hanno la possibilità di parcheggiare anche lungo i posti auto presenti in prossimità del bar Campanella e lungo la zona del Bar Begula per intenderci, il problema è subentrato nel momento in cui con l’entrata in vigore del Pum i residenti della zona hanno avuto difficoltà nel ripartirsi i posti auto restanti (ovvero pochi) escludendo quelli già assegnati al centro storico.

Ci sono state una serie di multe per parcheggi in aree non consentite, un disagio generale che ha portato la gente a chiedersi <>.

Così, a suon di proteste, discussioni civili in Comando e presso il Comune dopo giorni in cui l’apposita segnaletica era coperta da un sacchetto, proprio perché neanche l’amministrazione aveva deciso di che morte morire, il buon senso è sceso sulle brillanti menti al tavolo stabilendo che, senza alcuna discriminazione, e senza alcun riferimento a cittadino di serie A e B, in Via Verdi i residenti del centro storico, i residenti della zona e i non residenti a Polignano possono dividersi i posti auto presenti senza alcuna distinzione.

L’inequivocabile disagio è nato nel momento in cui quei pochi posti, sempre escludendo quelli già assegnati ai residenti nel centro storico, erano presumibilmente da spartire con i cittadini non residenti a Polignano ma possessori di un immobile e di conseguenza aventi diritto al pass P.

Quindi ad oggi, afferma Domenico Pellegrini, consigliere di opposizione, “vicende come queste sono la prova che in realtà il Pum non funziona come l’amministrazione al contrario millanta.

Parliamo di mesi dall’entrata in vigore del Pum e qui siamo ancora cambi di rotta e di segnaletica. Non è tollerabile che senza alcun criterio e in base alle segnalazioni che pervengono giorno per girono vengono apportate modifiche al piano della mobilità.

Intanto il cittadino onesto viene anche multato. Ribadirò sino alla fine che il PUM andrebbe annullato”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI