Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Ma quanto ci costano le 'barriere jersey'?

La consigliera Maria La Ghezza

Per il “servizio di noleggio new jersey in occasione del Libro Possibile”, il cui nome corretto è però semplicemente “barriera jersey”, il Comune di Polignano ha speso ben 3.904 euro. In pratica, 49 euro al giorno per ognuna delle 20 barriere larghe 2 metri e altre 45 centimetri.

Si tratta di un dispositivo di sicurezza modulare di calcestruzzo utilizzato per incanalare il flusso stradale o in situazioni di emergenza. A seguito dell’attentato del 19 dicembre 2016 a Berlino, le disposizioni del Ministero dell’Interno (Direttiva 7 giugno 2017) prevedono l’installazione di questo tipo di barriere a difesa delle aree pedonali e di altre zone sensibili per scongiurare altri attacchi terroristici con l’utilizzo di autocarri per travolgere la folla.

“Quasi quattromila euro per quattro giorni di festival – dichiara la consigliera Maria La Ghezza (M5S). Eppure basta dare uno sguardo ai computi metrici redatti da altri Comuni italiani, disponibili online, per comprendere come la spesa del noleggio risulti se non eccessiva quantomeno non strategica, configurandola come uno sperpero. L’acquisto, infatti, si aggira sui 70 euro per barriera jersey. In pratica sembrerebbero bastare 2 giorni di noleggio per poterne comprare una per sempre. Infatti, non trattandosi di merce deperibile che potrebbe essere conservata nei depositi comunali, costringendoci a pagare ogni volta solo il trasporto e null’altro. A tal riguardo – conclude La Ghezza (M5S) – ho presentato una interrogazione per chiedere alla Giunta Vitto di vagliare questa opportunità

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI