Giovedì 16 Agosto 2018
   
Text Size

“Polignano è una delle punte del turismo in Puglia”

Luca Scandale

InfoPoint, stagione 2018 e tanto altro. Intervista a Luca Scandale, uno dei massimi esponenti del turismo pugliese

“Polignano è una delle punte di diamante del turismo in Puglia, e la finale dei tuffi chiuderà simbolicamente l’estate pugliese”. Così, Luca Scandale, 43 anni, uno dei massimi esponenti del Turismo in Puglia. È docente di marketing del turismo all'Università di Bari e dal 2016 coordina il Piano Strategico del Turismo Puglia365 per l'agenzia Pugliapromozione. Questa settimana lo abbiamo contattato per analizzare il fenomeno turistico in Puglia e a Polignano. Ha risposto così alle nostre domande.

 

Che primo bilancio possiamo tracciare di questa stagione turistica in Puglia?

“È presto per fare bilanci, ma i dati di Pasqua sono stati incoraggianti e per l'estate gli operatori sono ottimisti. Non dobbiamo però basare tutta la nostra soddisfazione sui numeri, conta anche la qualità e la sostenibilità del turismo”.


E a Polignano?

“Polignano si distingue per la qualità e la quantità dell'offerta anche nel 2018. È una perla del Medietrraneo, una delle punte di diamante della nostra Puglia. Per i dati, ripeto, è presto per fare bilanci”.


Alcune strutture ricettive lamentano la brevità dei soggiorni rispetto all'anno scorso. È un dato che vi risulta?

“No, al momento non risulta. Se non in linea con gli altri anni. Ma possiamo approfondire. Posso dire che Giugno ha avuto condizioni climatiche anomale e questo forse ha penalizzato il turismo last minute”.


Che ci dice degli InfoPoint turistici a Polignano?

“Dall'ufficio valorizzazione mi dicono che è stato dapprima ammesso con riserva e poi, a seguito di controlli trasparenti, ha superato la prova con profitto. È un gran bene che ora Polignano abbia un InfoPoint coordinato e con immagine unitaria rispetto a tutta la regione”.


E dell'evento Red Bull?

“Dopo il Libro Possibile e Meraviglioso Modugno, quest'anno Polignano non si ferma un secondo. Avremo la finale mondiale dei tuffi a Settembre, finanziata da Pugliapromozione: un evento unico che chiuderà simbolicamente l'estate pugliese”.


Cosa manca ancora al nostro turismo per uno sviluppo totale?

“Manca l'allineamento di mesi come maggio e giugno, settembre e ottobre alle performance di luglio e agosto. Vorrei vedere una stagione più lunga: ce lo possiamo permettere e ce lo meritiamo”.


Siamo un turismo di elite o di massa?

“Un po' entrambe le cose e va bene così. Ma dobbiamo stare attenti a non esagerare nei mesi di punta. Il fenomeno turistico è rischioso se supera la capacità di carico; l'esperienza diventa negativa e i turisti non tornano. Siamo in pieno boom, ma non dobbiamo cullarci. La tensione serve per rendere duraturo il nostro sviluppo”.


Come risolvere il problema del caro prezzi e caro affitti e case per i residenti?

“È un fenomeno globale su cui bisognerebbe intervenire per legge. Parlo delle case in fitto. Sul caro prezzi invece ci sono due elementi. Uno è la legge che si insegna alle prime lezioni di economia: domanda e offerta determinano il prezzo. Il secondo aspetto è una sensibilizzazione degli operatori: chi troppo vuole nulla stringe diceva mia nonna”.


Cosa possiamo prevedere per il futuro e quale programmazione state avviando?

“L'anno scorso abbiamo lavorato molto sull'accoglienza e la rete degli InfoPoint è sotto gli occhi di tutti. Anche nei porti e negli aeroporti pugliesi. Questo è l'anno del prodotto: lavoriamo per costruire 4 prodotti. Cultura, enogastronomia, turismo sportivo, congressuale/wedding”.


Cosa prevede il piano strategico del turismo?

“Il piano è stato approvato dalla giunta regionale e dota Pugliapromozione di 40 milioni di euro per 3 anni. Chi dice che stiamo lavorando sulle risorse passate, dice una cosa vera, ma va detto che questa nuova programmazione è molto più ampia come budget. E i risultati si vedono; record nel 2016, ancora record nel 2017 e 2018 ancora in crescita. Come ha detto Bankitalia nella relazione annuale: il turismo traina l'economia dei servizi in Puglia”.


Che ne pensa dell'operato dell'assessore al turismo, il sindaco Vitto?

“Non me la faccia buttare in politica questa bella intervista. Non spetta a me dare giudizi sul sindaco e sull'assessore. Posso solo dire che sono persone rispettate nel settore e che il sindaco ha avuto il riconoscimento di presidente dell'Anci Puglia. Ma ripeto, quello che conta è il giudizio dei cittadini di Polignano. Quindi no comment”.


Altro da aggiungere...

“Viva Polignano! Viva la Puglia!”.

Commenti  

 
#3 Dasfi 2018-08-09 15:56
Bellini, di certo la Puglia non è cresciuta grazie a te.
Scandale non mi risulta essere amico di nessuno, è un professionista che fa benissimo il suo lavoro, nonostante i tanti problemi, come esempio i pugliesi che abbandonano rifiuti in ogni dove.
 
 
#2 bellini 2018-07-24 18:15
un altro amico di emiliano, se la puglia è cresciuta non certo per lui
 
 
#1 nadia 2018-07-17 22:56
SI TUTTO MOLTO BELLO MA, PER FARE UN BAGNO BISOGNA ANDARE A MONOPOLI ,SAN GIOVANNI è DIVENTATATO IMPOSSIBILE E PER I GIOVANI NON CI SONO LOCALI.E VE LO SRIVE UNA CHE HA COMPERATO UNA CASA NEL 1983 HO PORTATO PRIMA I MIEI FIGLI ,POI I MIEI NIPOTI.ORA SCIVO L;UTIMO COMMENTO,MA CHE CAVOLO FACCIAMO A POLIGNANO .QUESTO èIL LORO COMMENTO .ATTENZIONE PENSATE AI GIOVANI SONO IL FUTURO.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI