Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

CASO SANTO STEFANO: ESPOSTO A UFFICIO IGIENE

santostefano

Ricordate il caso del b&b Santo Stefano, nel centro storico di Polignano? Bene, ieri mattina il signor Augusto Cernò, titolare della struttura ricettiva, ha inviato un esposto all’ufficio igiene.

“Se non intervengono entro 15 giorni faccio subito la denuncia e vado per vie legali, non ne posso più!”. Così, dopo un caffè in terrazza, armati di tanto coraggio, abbiamo messo a dura prova l’olfatto e per la seconda volta dobbiamo ammettere che quell’angolo di paradiso architettonico è da evitare, soprattutto quando soffia lo scirocco. Il tanfo di piscio è nauseabondo; la giungla di piante sotto le quali si celano i tombini è un trionfo esagerato di palme.

LA MULTA E IL RICORSO - “Quando sono intervenuti gli addetti alla fognatura - racconta Augusto - ci hanno invitato a togliere quelle piante abusive, ma non si è ancora compreso chi deve spostarle. Una mattina di inizio 2007, ci ritrovammo, improvvisamente, l’angolo invaso dalle piante e vasi di ogni genere. Segnalammo la cosa ai vigili urbani di Polignano e per tutta risposta abbiamo ricevuto una multa di 158 euro per una pianta nostra. Abbiamo fatto ricorso al prefetto. Poi la comandante dei vigili ricordo che ci inviò personalmente una lettera, parlo di fine 2007, invitandoci ad attendere la scadenza dei termini per un eventuale ricorso. Sono passati due anni ma le piante sono ancora lì e nessuno interviene per i cattivi odori. La presenza di queste piante impedisce agli operatori ecologici, che ormai non si vedono da un mese circa di effettuare una pulizia adeguata”.

LE DENUNCIE ALLA GAZZETTA - Vico Santo Stefano, fa notare Augusto, mentre ci mostra ritagli di articoli inviati alla Gazzetta del Mezzogiorno con le risposte dell’ex direttore Lino Patruno, è ricettacolo per siringhe, bottiglie, cicche di sigarette, immondizia, schiamazzi; è anche bagno pubblico per viandanti.

“Mi dispiace dirlo, e sicuramente dispiacerà, ma ritengo anch’io che a danno di Polignano si commetta qualche cattiva azione, perlomeno di insufficiente affetto. Polignano…di mare dà ben poco, se non di pescato fritto…liberare la stupenda Lama Monachile dagli orrori delle costruzioni <<mobili<>> che ne fanno scempio. Insomma, non rovinateci la poesia di Polignano”. Così scriveva il direttore Patruno sulla Gazzetta del 28 maggio 2009, esortando la comunità e le istituzioni a sgombrare il centro storico dalla presenza di auto.

Nessuno interviene da circa tre anni, il servizio di nettezza urbana non funziona, gli addetti alle fogne non potrebbero a causa della presenza di piante che ne ostacolano l’accesso. “La verità è che non c’è controllo e volontà nel tenere pulito il centro storico e in particolar modo questo angolo” – conclude rammaricato.

BARESE ROMPISCATOLE - La signora Rosa, moglie di Augusto, più volte tacciata con epiteti del tipo “Barese rompiscatole!” solo per aver avanzato richieste e segnalato disagi, ha più volte inviato lettere senza alcun riscontro, tanto che sta pensando di vendere l’attività”. Spende soldi per prodotti e deodoranti, e deve ripulire lei un vico aperto al pubblico.

ATTI VANDALICI DI DOMENICA SCORSA – Montano, intanto le polemiche sui recenti atti vandalici a danno delle auto di residenti e turisti che alloggiano nei bad&brankfast della città vecchia, parcheggiate nella zona residenti di fronte alla gelateria Campanella; nella notte di domenica scorsa e forse anche venerdì 14.

“Stiamo indagando. Al momento ci è arrivata una sola denuncia contro ignoti, anche se escludo possa trattarsi di una fenomenologia allarmante”. E’ il commento del maresciallo dei carabinieri Tatoli, il quale non esclude una pista. Potrebbe trattarsi di atti ostili commessi da chi non accetta che si parcheggi in quell’area, ma anche di ragazzate, le quali certamente non giovano all’immagine di una città a vocazione turistica.

VEDI ANCHE FOGNA VICO SANTO STEFANO

IMMONDIZIA A PIAZZA SAN BENEDETTO

Commenti  

 
#6 Lindigeno 2009-08-28 12:36
Ma tutto ciò deriva dalla "pochezza" della nostra politica sempre traballante e quindi legata all'immediato!
Purtroppo Polignano ha inboccato una via assai pericolosa per il proprio futuro paesaggistico...ristrutturazioni edilizie in zone RU senza controllo, esercenti che occupano interi tratti di strada anche con gazebi (non sappiamo con quali entroiti per la cassa comunale)spesso "inadeguati al contesto,interi tratti di litorale praticamente privatizzati...
In tutto ciò i residenti di Polignano...noi poveri zappatori e coltivatori di patate...quei 15.000 che ci vivono inverno ed estate cosa ci guadagnamo???...semplicemente il fatto che vediamo crescere il costo della vita nei mesi estivi di un buon 20/30%...ci guadagnamo l'impossibilità spesso di rientrare in casa o di uscirvi con tranquillità perchè il "turista" di turno ci ha parcheggiato davanti al "passo carrabile", ci guadagnamo un costo degli affitti nettamente superiore ai paesi limitrofi, un disagio sociale (che si scatena nei mesi estivi) dettato dalla impossibilità del nostro paese di accogliere una infinità di turisti che finiscono con il restare senza il controllo e l'assistenza necessaria, l'impossibilità di goderci la costa senza dover convivere con la "latrina" che chissà come mai compare solo nei mesi di luglio e agosto...ma di cosa ci lamentiamo noi abbiamo la fortuna di goderci polignano per 10 mesi l'anno...chissà se qualche consigliere comunale proporrà di far pagare le tasse (tarsu, ici ecc...) solo per 10 mesi abbonando luglio ed agosto!!!
 
 
#5 Lindigeno 2009-08-28 12:36
Alcuni mesi fà si paventò l'ipotesi che Polignano potesse entrare a far parte del patrimonio dell'UNESCO!!!
Io ritengo che ciò possa accadere nei mesi invernali...in quelli estivi torna ad essere un enorme "McDonald's"!!!
Chiedo a voi utenti di questo sito...c'è differenza tra il "cucinato" di una qualsiasi trattoria di Polignano in inverno ed in estate??
Secondo me si...è l'effetto del turismo "mordi e fuggi" che condiziona ovviamente le scelte degli stessi "operatori"!!
A Polignano la filosofia dello "slow food" sembra lontana chilometri!!
In paesi come Amalfi, Positano, Capri ecc... il parcheggio costa € 4,00/h...a Polignano solo €0,50/h...è ridicolo!
----CONTINUA---
 
 
#4 augusto cernò 2009-08-26 22:19
Perdura lo stato di invivibilità in vico santo stefano.Da locali fatiscenti attigui al mio bed & breakfast pervengono inspportabili miasmi di cani ( puzza di escrementi e urine ).I clienti,soprattutto stranieri,sono sconcerati da tanto.Sono ancora in attesa di un concreto intervento della asl.In mancanza adirò le vie legali per la tutela della salute e dei miei interessi.....bandiera blu ????.....
 
 
#3 B. G. un terrorista culturale. 2009-08-20 22:59
Nel cent(tanto vale)ro "storico" non c'è nessuna attività culturale,o sono poche, ma se me ne sfugge qualcuna vuol dire che non fa opera di sensibilizzazione. Le pappatoie sono troppe ed anche i B&B che hanno poco di B&B nonostante i prezzi altissimi. Pochissime attività di artigianato, strozzate da mastodondici pseudo e fatiscenti trattorie e "Bar". In questo paese ripeto mancano attività culturali e similari che sono il veicolo trainante dell'economia collettiva. Vedi Narducci un pittore rimpiazzato da una attività non consona al posto(ridicolo). Un consiglio per i Polignanesi non per quelli di Polignano :Prossime aperture sale gioco per fare soldi (Picche maledette e subite).
 
 
#2 passione 2009-08-19 15:22
ma ci rendiamo conto in che paese viviamo... ?:o:o
Discriminiamo e denunciamo le Ronde istituite dalla lega nord, ma noi che facciamo ?
Bravi nel fare fare i nostri p... comodi, scaricando tutte le responsabiltà paima a destra e poia manca.
Mi sa tanto che a questo punto siamo veramente alla frutta.
Ricordo che tempo fa l'amministrazione Comunale aveva o doveva istituire " Il Volontariato", gente che doveva seguire tutta la vita sociale della nostra città.
Con il gruppo dei volontari, avremmo sicuramente risolto molteplici problemi, in cui la nostra città e' purtroppo sprofondata
 
 
#1 alb 2009-08-18 23:46
Per cio che riguarda gli atti vandalici ,ci tengo a precisare che non si tratta di un fenomeno isolato ma le denuncie a mia conoscenza sono ben 4 e come fatto notare aigli stessi carabinieri molte altre macchine sono oggetto dei vandali ma per sfiducia non espongono denuncia,pertanto sarebbe opportuno adottare dei provvedimenti ,si parla tanto di telecamere alloggiate sotto l'arco,basterebbe direzionarle ,e forse....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI