Giovedì 24 Maggio 2018
   
Text Size

Polignano ha retto all’invasione

Il ponte preso d'assalto al Primo Maggio

Lucia Brescia parla del decoro, rifiuti, prezzi, pulizia e pic-nic all’aria aperta

Continua l’attività della consigliera Lucia Brescia nell’ambito delle tematiche dell’Ambiente e del Decoro urbano, con il supportoe la supervisione del sindaco Domenico Vitto.

Dopo l’organizzazione della Conferenza sulle fonti di inquinamento del mare e sulle buone prassi da adottare per una sostenibilità ambientale, che ha visto qui a Polignano la presenza autorevole del Capitano di Vascello Alessandro Ducci in dialogo con gli studenti, la consigliera ha continuato ad adoperarsi per studiare i punti di criticità del nostro paese e per proporre al Sindaco e alla maggioranza possibili soluzioni da condividere.

Nei giorni precedenti alle festività civili del 25 aprile e 1 Maggio l’impegno della Brescia è stato certamente notevole, vista la necessità di accogliere e soprattutto gestire masse di “turisti” amanti delle gite fuori -porta che ancora una volta hanno messo a dura prova il nostro paese, anche adesso che è entrato in un circuito internazionale di promozione del territorio e che, giustamente, si vuole elevare il target di coloro che chiedono ospitalità nelle nostre strutture alberghiere e B&B, nati grazie all’impegno e all’investimento di risorse da parte di persone che hanno fatto del turismo, quello vero, la propria attività lavorativa e la propria ragion d’essere.

 

Prof.ssa Brescia, che significa per lei occuparsi di decoro urbano?

“Occuparsi di Decoro urbano in questi giorni particolari è stato prioritario e vitale, per dare un’immagine bella del paese e lasciare un ricordo positivo in coloro che hanno scelto di trascorrere da noi qualche momento di relax. Decoro significa far pulire attentamente strade, aiuole e piazze, far lavare lungomare, carreggiate e marciapiedi, ma anche far raccogliere bottiglie, mozziconi di sigarette e cartacce da terra.

Lama Monachile il Primo Maggio, invasa come ai tuffiSignifica far tagliare l’erba che rigogliosa fa mostra di sé lungo marciapiedi del centro cittadino e delle periferie, nonché far spazzare strade e vie del centro abitato e del centro storico.

Ma non basta. Decoro urbano significa anche far rimuovere rifiuti abbandonati in maniera selvaggia da cittadini dallo scarso senso civico e far rispettare le regole di conferimento dei rifiuti differenziandoli correttamente.

Insomma, una serie di interventi necessari ed urgenti che, in accordo con il sindaco D. Vitto e il DEC Arch. V. Mariano, ho messo in evidenzia, affinché la Comandante della Polizia Locale invitasse la Ditta Tecknoservice ad eseguirli con puntualità nel rispetto del Capitolato d’appalto del servizio, per rendere il paese sempre più accogliente e pulito”.


Sembra facile a dirsi!

“Già! Facile a dirsi, ma più difficile a farsi, sia perché gli avventori che hanno preso d’assalto il paese in questi giorni di festività sono stati veramente tantissimi, e sia perché molti visitatori hanno preferito la “formula pic-nic autogestita” a quella organizzata da ristoratori e trattorie…Tutti abbiamo notato a malincuore, che il paese all’indomani della festa, ne è uscito mortificato e talvolta, ahimè, devastato.

Senza parlare delle attività commerciali che in ossequio del dio denaro, pensano solo ad aumentare i propri guadagni e dimenticano spesso di fare la raccolta differenziata, di spazzare e lavarele zone adiacenti il proprio locale, beccandosi sanzioni che non li preoccupano più di tanto. Perché? Cosa volete che sia un verbale che si aggira intorno alle 150 euro circa, o giù di lì, da pagare per irregolarità nel conferimento dei rifiuti, dinanzi a cifre enormi di denaro incassate in poche ore di attività?

Forse dovremmo tutti fare un mea culpa e cominciare a collaborare per fare del decoro urbano una nostra ragione di vita, un nostro biglietto da visita, affinché Polignano sia una “bomboniera” profumata e splendente, non un relitto reso puzzolente da fritture varie, da fumi maleodoranti o da deiezioni di cani e gatti che sporcano gli angoli di abitazioni private, di monumenti, per non parlare persino delle zone più suggestive del paese.

Io credo che dobbiamo tenerci di più al nostro amato paese, dobbiamo prenderci cura di ogni strada, di ogni vicolo, di ogni aiuola, di ogni monumento, di ogni muro, di ogni marciapiede, perché tutto questo ci appartiene.È nostro! È la nostra “casa”, la nostra “comunità”, il nostro “mondo”!

Sforziamoci tutti di collaborare con l’Amministrazione Comunale, con la Ditta del servizio raccolta rifiuti, con la Polizia Locale perché Polignano sia sempre pulita, accogliente e, soprattutto vivibile.

Insieme possiamo difendere quella bellezza che Dio ci ha donato, insieme possiamo amare veramente il nostro paese, e amare significa innanzitutto Rispetto!

Insieme possiamo fare molto per Polignano… Diamoci una mano! Diamo una mano al nostro paese!”.

Commenti  

 
#1 up 2018-05-08 09:27
Polignano è bella solo nella foto che mostrate , allargatela un pochino quella foto e noterete a dx una foresta amazzonica che sta per sgretolare i terrapieni e i resti della antica torre angioina ed a sinistra le ciminiere le coperture fatiscenti ed i bustoni della spazzatura dei vari locali che vi insistono
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI