Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

Inaugurata Your House Polignano

YOUR HOUSE POLIGNANO

Piero De Mola: “Il mercato immobiliare polignanese è in ripresa”.
Ecco come combattere il caro prezzi

 

Piero De Mola

Nasce Immobiliare Your House Polignano, di Piero De Mola. L’agenzia immobiliare ha cambiato logo e location, trasferendosi in Via Neapolis 11, a pochi passi dalla centralissima piazza Moro. L’inaugurazione si è celebrata domenica scorsa, con la presenza del parroco don Gaetano e la raccolta fondi per i restauri della Chiesa Matrice; sono stati raccolti 408 €. Intanto, come va il mercato immobiliare polignanese? “È in ripresa” – sostiene Piero De Mola, che ha risposto così alle nostre domande.


Chi è il designer della nuova agenzia e del nuovo logo?

“Il designer della nuova agenzia è l’architetto Vitantonio Ciasca, mentre quello del logo è Mauro Giannoccaro della casa editrice Schena Editore”.


Com'è nata l'idea di trasferirti qui?

“L’idea del trasferimento nasce dall’esigenza di avere un rapporto più diretto con la mia clientela, anche quella internazionale, offrendo un ufficio più accogliente, moderno e con un importante impatto visivo”.

 

IL MERCATO INTERNAZIONALE

Quali novità ci saranno?

“Le novità riguardano per Polignano alcune novità tecnologiche, come ad esempio i pannelli per vetrina retroilluminati che offrono maggiore visibilità agli annunci, un sito internet performante che spiega in maniera esaustiva le caratteristiche dell’immobile proposto; inoltre, per soddisfare anche le esigenze internazionali, la partnership con realtà immobiliari in grado di dialogare con la clientela estera. Anche le locazioni turistiche rappresentano una novità, anche grazie a collaborazioni con importanti operators presenti sul mercato da diversi anni”.

 

SEGNALI DI RIPRESA

Come va il mercato immobiliare polignanese?

“Il mercato immobiliare polignanese comincia ad avvertire i primi segnali di ripresa, senza però creare facili illusioni; ovviamente l’aumento del numero delle transazioni è stato possibile solo perché chi vende sta cominciando a capire che non sarà più possibile ritornare ai prezzi di oltre dieci anni fa. Ormai noi agenti immobiliari con qualche anno di esperienza, siamo in grado di trasmettere queste certezze comprovate dal fatto che malgrado la crisi degli anni scorsi, siamo riusciti a resistere. Oggi, affidarsi a chi può vantare nel proprio curriculum oltre due decenni di esperienza e un buon numero di transazioni concluse, fa certamente la differenza rispetto a chi vorrebbe affacciarsi in questo mondo che solo in apparenza può sembrare semplice. Altro discorso è invece quello del mercato turistico. La discesa dei prezzi registrato nel mercato immobiliare, almeno per Polignano si è certamente avvertita, conservando comunque prezzi al metro quadro che nulla hanno a che vedere con il mercato residenziale, a patto, però di saper riuscire ad intercettare il mercato estero. Ed è per questo che la scelta del mio marchio è ricaduta sulla lingua inglese, così come la partnership con dealers internazionali”.


PREZZI ALTI DELLE CASE LA SOLUZIONE: SBLOCCARE LE AREE

A Polignano ci sono difficoltà a trovare casa. Quali sono le soluzioni alla crisi?

“Polignano ha fame di case. Non sono un politico, ma certamente la soluzione di chi cerca casa è in cima ai bisogni del mio cliente. Osservando i paesi limitrofi, la discreta quantità di nuove costruzioni, per la legge di mercato della domanda e dell’offerta fa sì che i prezzi sia del nuovo che dell’usato siano più bassi. Questo facilita anche l’accesso al credito perché anche per le banche risulta essere più facile concedere mutui. Pertanto, lo sblocco delle zone già tipizzate, la creazione di nuove case con un nuovo piano regolatore certamente potrà essere d’aiuto”.

Quali sono le migliori offerte di questo periodo?

“Certamente le migliori offerte di questo periodo riguardano appartamenti di media metratura (70/80mq) perché possono essere acquistati a prezzi che con più possibilità possono combaciare con la capacità finanziabile del cliente. A livello turistico certamente il più richiesto è il nostro centro storico, anche se non sono disprezzate le zone ad esso limitrofe”.

Cosa cercano invece i turisti e coloro che decidono di venire a vivere qui?

“Come ho appena detto, il turista ama acquistare le nostre abitazioni d’epoca, perché apprezza la tipologia costruttiva. Spesso nei miei appuntamenti mi piace dilungarmi nel descrivere le tecniche costruttive (volte a botte o a padiglione) e i materiali quali tufo o pietra che certamente non sono tipici dei loro luoghi”.


INCREMENTO CASE D’EPOCA

La campagna sta avendo un incremento?

“Purtroppo la campagna non ha molte richieste, soprattutto se parliamo di ville di grandi dimensioni. Anche in questo caso, essendo un investimento come seconda casa, con tutte le conseguenze fiscali, l’investimento ideale si aggira intorno ai 100/120.000 euro. Diverso è il discorso delle case d’epoca; anche in questo caso ho notato un crescente interesse da parte di acquirenti stranieri”.


OGNI CASA È COME UNA SCATOLA DELLA NOSTRA VITA

Qual è la casa dei tuoi sogni?

“Non ho una particolare casa dei miei sogni; per me l’importante è vedere l’espressione soddisfatta dei miei clienti quando la vedono per la prima volta. In ogni appuntamento, mi piace prima ascoltarli per capire al meglio cosa stanno cercando, e poi resto in silenzio per far sì che la casa si presenti a loro con tutti i pregi e tutti i difetti, per far sì che eventualmente scocchi la cosiddetta “scintilla” dell’innamoramento. Non dimentichiamoci che ogni casa è come una scatola nella quale riporre la nostra vita”.

Altro da aggiungere?

“Non ho altro da aggiungere se non la serie di servizi che nella mia agenzia potrete trovare, e cioè dalla valutazione gratuita del vostro immobile, consulenza finanziaria anche se non acquistate da noi, consulenza legale anche non strettamente legate all’acquisto, vedi successioni, donazioni, polizze assicurative legate alla sfera immobiliare, e soprattutto tanta professionalità”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI